Google ha terminato la posa del suo gigantesco cavo Internet sottomarino Grace Hopper, che si estende da New York al Regno Unito e alla Spagna.

Il cavo Grace Hopper è stato atterrato martedì a Bude, in Cornovaglia, sulla costa occidentale del Regno Unito. Un portavoce di Google ha detto a Insider che l’atterraggio era originariamente previsto per luglio. Un’altra estremità del cavo è atterrata a Bilbao, in Spagna , all’inizio di settembre.

Google ha annunciato per la prima volta il suo progetto via cavo Grace Hopper , che ora si estende per oltre 3.900 miglia attraverso l’Atlantico, nel luglio 2020.

LEGGI  Come creare un sondaggio in Google Meet

Google ha affermato in quel momento che il cavo era impostato per trasportare tra 340 e 350 terabyte di dati al secondo, o all’incirca equivalente a 17,5 milioni di persone che trasmettono contemporaneamente video 4K.

La società ha anche affermato che il cavo utilizzerà una nuova tecnica chiamata “commutazione in fibra”, che dovrebbe rendere il traffico web più affidabile anche in caso di interruzioni.

Un portavoce di Google ha affermato che il cavo dovrebbe essere online nel 2022.

Grace Hopper non è l’unico cavo di Google che collega gli Stati Uniti all’Europa. A febbraio, la società ha annunciato che il suo cavo “Dunant” che collegava gli Stati Uniti alla Francia era pronto per il servizio .

LEGGI  Il modo più veloce per liberare spazio in Gmail

Google ha investito in progetti di cavi sottomarini in tutto il mondo. La società ha dichiarato ad agosto di aver collaborato con Facebook per costruire un nuovo cavo chiamato “Apricot”, che dovrebbe collegare sei paesi in Asia utilizzando 7.456 miglia di cavo.

Apricot dovrebbe essere online nel 2024.

A giugno, Google ha annunciato l’intenzione di posare un nuovo cavo chiamato “Firmina” dalla costa occidentale degli Stati Uniti fino all’Argentina. La società ha già un cavo chiamato “Curie”, che collega la costa occidentale degli Stati Uniti con Panama e il Cile. Curie è online nel 2019 .

LEGGI  Facebook ha un sistema che protegge i vip dalle infrazioni delle regole: lo scoop del WSJ