Google ha annunciato una nuova utile funzionalità che semplifica “l’identificazione e la correzione di quando si verifica un’eco nelle videochiamate di Meet”. Mentre Meet già “controlla in modo intelligente l’audio” nelle chiamate per rimuovere qualsiasi eco, a volte potrebbe ancora accadere.

Google Meet ora avviserà gli utenti quando rileva un’eco notevole che potrebbe essere ascoltata da altri partecipanti alla chiamata. Se il tuo dispositivo sta causando un’eco, vedrai un punto rosso sul pulsante Altre opzioni nella parte inferiore dello schermo, insieme a una notifica di testo.

Dopo aver fatto clic sulla notifica, verrai indirizzato al Centro assistenza di Google Meet , dove puoi trovare i passaggi consigliati per ridurre l’eco. Come puoi vedere nello screenshot qui sopra, alcuni consigli includono l’abbassamento del volume dell’altoparlante, la disattivazione dell’audio quando non si parla e l’uso delle cuffie.

LEGGI  Che cos'è l'avviso SharedArrayBuffer in Google Search Console

Google afferma che gli avvisi di eco saranno disponibili per tutti i clienti di Workspace , insieme ai clienti G Suite Basic e Business. Sebbene la funzionalità sia già stata avviata, potrebbero essere necessari circa 15 giorni per essere visualizzata per tutti gli utenti. Non c’è controllo dell’amministratore per gli avvisi di eco, il che significa che la funzione sarà abilitata per impostazione predefinita per tutti gli utenti.

La nuova funzionalità arriva giorni dopo che Google Meet ha implementato la possibilità di aggiungere fino a 25 co-organizzatori per riunione. Ha inoltre introdotto nuovi controlli per gli host delle riunioni, come limitare chi può condividere il proprio schermo, terminare una riunione per tutti, disattivare l’audio di tutti con un solo clic e limitare chi può inviare messaggi di chat. Questi nuovi controlli possono essere estesi anche ai co-host. Grazie alle impostazioni di Accesso rapido, i partecipanti possono ora partecipare automaticamente a una riunione da un PC o dai migliori telefoni Android senza dover prima richiedere l’autorizzazione.

LEGGI  Google Stadia: costi e requisiti della nuova piattaforma di gioco