HomeGoogleGoogle minaccia i suoi dipendenti: o vaccino o licenziamento!

Google minaccia i suoi dipendenti: o vaccino o licenziamento!

Google ha detto ai suoi dipendenti che perderanno la paga – e alla fine saranno licenziati – se non si atterranno alla politica di vaccinazione Covid-19 dell’azienda, secondo i documenti interni visionati dalla CNBC.

Una nota diffusa dalla dirigenza affermava che i dipendenti avevano tempo fino al 3 dicembre per dichiarare il loro stato di vaccinazione e caricare la documentazione che ne dimostrasse la prova, o per richiedere un’esenzione medica o religiosa. La società ha affermato che dopo tale data avrebbe iniziato a contattare i dipendenti che non avevano caricato il loro stato o non erano vaccinati, così come quelli le cui richieste di esenzione non erano state approvate.

Il documento afferma che i dipendenti che non hanno rispettato le regole di vaccinazione entro la scadenza del 18 gennaio saranno posti in “congedo amministrativo retribuito” per 30 giorni. Successivamente, la società li metterà in “congedo personale non retribuito” per un massimo di sei mesi, seguito dal licenziamento.

Un portavoce di Google non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Mentre gran parte dell’industria tecnologica continua a respingere i piani di ritorno al lavoro e le aziende grandi e piccole si preparano per un futuro flessibile, Google richiede alla sua forza lavoro di entrare negli uffici fisici tre giorni alla settimana ad un certo punto nel nuovo anno. E sta mostrando una pazienza limitata per coloro che si rifiutano di ottenere i vaccini, che sono ampiamente disponibili da mesi.

L’amministrazione Biden ha ordinato alle aziende statunitensi con 100 o più lavoratori di garantire che i propri dipendenti siano completamente vaccinati o sottoposti a test regolari per Covid-19 entro il 18 gennaio. Un tribunale federale ha emesso un’ordinanza di sospensione all’inizio di novembre, interrompendo l’amministrazione sforzi.

Tuttavia, Google ha chiesto ai suoi oltre 150.000 dipendenti di caricare il loro stato di vaccinazione sui suoi sistemi interni, indipendentemente dal fatto che abbiano intenzione di entrare in ufficio o meno, e la società ha indicato che prevede di seguire l’ordine di Biden.

“Ci aspettiamo che quasi tutti i ruoli di Google negli Stati Uniti rientrino nell’ambito dell’ordine esecutivo”, afferma il promemoria di Google. “Chiunque entri in un edificio di Google deve essere completamente vaccinato o avere un alloggio approvato che gli permetta di lavorare o venire sul posto”, ha detto la società, aggiungendo che “i test frequenti non sono una valida alternativa alla vaccinazione”.

Google e la società madre Alphabet sono fermamente dietro i vaccini dalla metà dell’anno.

L’amministratore delegato Sundar Pichai ha annunciato a luglio che la società avrebbe richiesto le vaccinazioni per coloro che tornavano negli uffici. All’epoca, il piano era di riaprire a gennaio. Ma all’inizio di dicembre, tra le continue preoccupazioni sui numeri di infezione, Google ha detto ai dipendenti statunitensi che non avrebbe ancora richiesto loro di tornare negli uffici. Tuttavia, la leadership ha incoraggiato i dipendenti a continuare a venire “dove le condizioni consentono di riconnettersi con i colleghi di persona e iniziare a recuperare la memoria muscolare di essere in ufficio più regolarmente”.

Il mandato del vaccino non è stato universalmente accettato dai dipendenti. Diverse centinaia di lavoratori di Google hanno firmato e diffuso un manifesto che si oppone ai requisiti dell’azienda, che secondo la dirigenza si applicherà a tutti i dipendenti, anche quelli che lavorano da casa, che si impegnano direttamente o indirettamente con contratti del governo federale.

Nell’ultima guida, Google descrive in dettaglio alcune opzioni per coloro che non vogliono essere vaccinati. La società ha affermato che i dipendenti possono “esplorare” se ci sono ruoli in Google che non sono in conflitto con l’ordine esecutivo. Possono anche richiedere esenzioni per convinzioni religiose o condizioni mediche, che Google ha affermato in precedenza sarebbe stato concesso caso per caso.

Per i dipendenti con ruoli che non rientrano nell’ambito dell’ordine esecutivo che può essere eseguito anche fuori dall’ufficio, la società ha affermato che saranno in grado di “lavorare in modo permanente in remoto in futuro”.

I dipendenti posti in congedo personale non retribuito potranno mantenere i loro benefici per i primi 92 giorni, afferma la nota. Se dopo sei mesi non sono ancora in regola con il mandato, “il loro impiego con Google terminerà”.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial