venerdì, Giugno 21, 2024

Google Pay chiude definitivamente: problemi tecnici e concorrenza crisis

ADDIO Google PAY: L’App DI PAGAMENTO CESSA DEFINITIVAMENTE DI FUNZIONARE

Come segnalato dal sito 9to5Google, l’applicazione Google Pay ha definitivamente cessato di esistere. La chiusura non è di certo un fulmine a ciel sereno, visto che l’intenzione di Google era già chiara da febbraio, quando si è annunciato lo smantellamento del sistema di pagamento. Con un passaggio graduale, gran parte dell’infrastruttura di Google Pay è stata inglobata dalla nuova app adibita ai pagamenti dell’azienda di Mountain View, ovvero Google Wallet.

A PESARE SULLA FINE DI GOOGLE PAY SONO STATE DIVERSE DECISIONI SBAGLIATE DELL’AZIENDA E LA PRESENZA DI UNA CONCORRENZA AGGUERRITA

A pesare sulla fine ingloriosa di Google Pay sono state diverse decisioni discutibili dell’azienda, con la coesistenza sulla Play Store di due app separate e chiamate con lo stesso nome per un certo periodo. Ciò, abbinato ad alcuni problemi tecnici, non hanno fatto altro che allontanare l’utenza che aveva a disposizione alternative molto valide.

STOP A GOOGLE PAY: TRA DECISIONI SBAGLIATE DELL’AZIENDA E CONCORRENZA

Contemporaneamente con il declino di Google Pay, a luglio 2022 la compagnia ha lanciato Google Wallet. Secondo quanto affermato dall’azienda stessa, l’app di pagamento più datata è rimasta destinata solo a due paesi, ovvero Stati Uniti e Singapore. Ciò fino alla definitiva chiusura, arrivata infine proprio in questi giorni.

Nonostante il nome di Google sia abbinato giustamente ad enormi successi, in realtà l’azienda ha collezionato anche una serie considerevoli di clamorosi flop. Google VPN, per esempio, chiuderà i battenti entro la fine di quest’anno. La motivazione di questa decisione è la più scontata: troppo pochi utenti usufruiscono di questo servizio.

D’altra parte, prima o poi, un po’ tutti i big della Tecnologia devono fare i conti con qualche progetto che non va come preventivato e, persino un gigante del settore come Microsoft, ha più volte dovuto fare i conti con degli errori abbastanza clamorosi.

In conclusione, l’addio di Google Pay non rappresenta solo la fine di un’applicazione, ma anche un momento di riflessione sulle scelte aziendali e sulla concorrenza sempre più agguerrita nel settore dei pagamenti digitali.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: