domenica, Aprile 21, 2024

Google rinomina gli strumenti AI per Docs e Gmail come Duet AI

A marzo, Google ha annunciato una serie di funzionalità AI per la sua suite di app Workspace nel tentativo di tenere il passo con la rapida integrazione di Microsoft di strumenti simili. Al Google I/O, l’azienda ha un nuovo marchio per questo sforzo – Duet AI – ma le funzionalità stesse non sono ancora ampiamente disponibili al pubblico in generale. La società ha anche anticipato una nuova funzionalità chiamata “Sidekick” in grado di leggere, riassumere e rispondere a domande sui documenti in diverse app Google.

Duet AI copre una gamma di strumenti di intelligenza artificiale generativa per le app di produttività di Google. Come abbiamo spiegato in dettaglio all’inizio di quest’anno, ciò include assistenza alla scrittura in Documenti e Gmail, generazione di immagini per Presentazioni, riepiloghi automatici delle riunioni per Meet e altro ancora. Ma, al Google I/O, l’unico vero notizia la novità è che l’assistenza alla scrittura arriverà anche su Gmail per dispositivi mobili, dove sarà contrassegnata come “Aiutami a scrivere”, un aggiornamento a Smart Compose. Per ottenere effettivamente l’accesso a questi nuovi strumenti, però, dovrai farlo iscriviti a Workspace Labs e iscriviti a una lista d’attesa.

La buona notizia: in precedenza questa lista d’attesa era privata e ora chiunque può iscriversi. Il cattivo: non è chiaro quando le persone avranno accesso. Google dice solo che sta ridimensionando i servizi “a un numero ancora maggiore di utenti e paesi nelle prossime settimane”, ma ha dato Il limite queste stime per quando le funzionalità saranno disponibili:

Come accennato in precedenza, l’unica novità solida è l’assistente AI “Aiutami a scrivere” sull’app mobile di Gmail, che è sicuramente una prospettiva interessante. (Microsoft ha lanciato qualcosa di simile ad aprile integrando Bing nella sua app per tastiera SwiftKey per iOS e Android). tu no avere accesso a una tastiera completa ma richiede anche un partner AI più reattivo.

“Come puoi immaginare, il mobile crea tutta una serie di vincoli. A volte sei online, a volte sei offline. Davvero non vuoi ingrassare le cose con le dita”, ha detto Pappu. “E quindi ci aspettiamo che le persone utilizzino prompt molto più brevi quando chiedono all’IA di aiutarli a scrivere su dispositivi mobili, e abbiamo dovuto mettere a punto la nostra esperienza lì per creare il miglior output possibile con il minor input possibile.”

Una divertente sorpresa su Gmail è un pulsante “Mi sento fortunato” quando si utilizza l’intelligenza artificiale per generare risposte. Pappu nota che a volte ti scriverà un haiku, e altre volte scriverà la tua risposta con una voce da pirata. Stravagante? Sicuro. Utile? Arr, amico mio, direi “no”.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: