HomeSEOGoogle verifica le valutazioni del venditore nella ricerca organica

Google verifica le valutazioni del venditore nella ricerca organica

Google sta unendo le funzionalità di ricerca a pagamento e organiche in un test che mostra le valutazioni dei venditori delle aziende in frammenti di ricerca regolari.

Questo è stato segnalato per la prima volta da Brodie Clark che attribuisce a Brian Freiesleben la scoperta.

Come parte del test, le valutazioni a stelle vengono mostrate nelle SERP in base alla valutazione del sito web in Google Merchant Center.

Le valutazioni del venditore sono una caratteristica degli annunci a pagamento di Google, il che rende il suo crossover nella ricerca organica qualcosa di cui i SEO dovrebbero essere a conoscenza.

Diamo un’occhiata a cosa si sa finora del test e cosa potrebbe significare per la ricerca in futuro.

Valutazioni del venditore di Google nella ricerca organica

Le valutazioni del venditore nella ricerca organica sono uno sviluppo importante per due motivi.

Uno è che le valutazioni del venditore sono tradizionalmente riservate agli annunci a pagamento. L’altro motivo è che le pagine mostravano valutazioni a stelle senza l’assistenza del markup dei dati strutturati di valutazione delle recensioni.

Le valutazioni a stelle possono apparire nei risultati organici se viene utilizzato un particolare markup.

Poiché queste pagine non utilizzavano il markup, significa che le valutazioni del venditore venivano generate dalle stesse fonti di Google Ads.

È importante che i SEO siano a conoscenza di questo test perché i siti web possono avere valutazioni del venditore anche se non acquistano Google Ads.

Se Google lo implementa su una scala più ampia, sarà necessario sapere quali fattori contribuiscono al calcolo della valutazione del venditore di un sito.

Le valutazioni del venditore su Google Shopping possono essere basate su una o più delle seguenti fonti:

  • Recensioni dei clienti su Google: un programma gratuito che raccoglie recensioni post-acquisto per conto dei commercianti.
  • Metriche di rendimento aggregate dalla ricerca sugli acquisti condotta da Google.
  • Recensioni sugli acquisti per il dominio del tuo negozio, che includono recensioni di varie fonti di terze parti e utenti di Ricerca Google.

Qualsiasi rivenditore con un feed del prodotto caricato su Google Merchant Center può potenzialmente avere una valutazione del venditore.

Se non sei a conoscenza di quale sia la tua valutazione del venditore, o se ne hai una, ora sarebbe un buon momento per cercarla.

Qual è la mia valutazione del venditore di Google?

Ecco come verificare se disponi di una valutazione del venditore.

Per scoprire se disponi di una valutazione del venditore per un paese specifico, modifica il seguente URL per sostituire “www.example.com” con l’URL della tua home page:

URL di esempio: https://www.google.com/shopping/ratings/account/lookup?q=www.example.com

Una volta caricata la pagina, Google visualizzerà le informazioni sul tuo negozio e la sua valutazione del venditore. Un selettore di paesi ti consentirà di restringere i dati per paese.

Indaga sulla tua valutazione del venditore e controlla da dove provengono le recensioni, poiché questo sarà diverso per tutti i rivenditori.

Da lì avrai un’idea di dove devi acquisire recensioni per mantenere una valutazione del venditore soddisfacente per il tuo negozio.

Se Google non dispone di informazioni per il tuo negozio o se il tuo negozio non soddisfa le soglie minime di valutazione del venditore, una pagina di valutazione del venditore potrebbe non essere caricata per la tua home page.

Tieni presente che questo è solo un test e sembra che queste siano le prime fasi secondo gli esempi condivisi da Clark su Twitter.

In questo esempio viene mostrata una valutazione del venditore per l’articolo Wikipedia di Apple, che non è corretto poiché Wikipedia non è un sito di e-commerce.

Ecco un altro esempio in cui Google utilizza la valutazione del sito del rivenditore quando le recensioni per un determinato prodotto non erano disponibili:

Chiaramente questa funzione non è pronta per un lancio di massa al momento, ma è qualcosa da tenere d’occhio per il futuro.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial