lunedì, Novembre 28, 2022
HomeGoogleGoogle vuole eliminare i formati Dolby Atmos e Vision

Google vuole eliminare i formati Dolby Atmos e Vision

Google sta progettando di lanciare il proprio formato equivalente al marchio Dolby Vision HDR e Dolby Atmos 3D audio e sta cercando di convincere i produttori a supportarlo, secondo un rapporto in Protocol. Protocol afferma di aver visto un video della presentazione di Google ai produttori di hardware e che il piano è noto come Project Caviar.

Dolby Vision è un formato HDR avanzato utilizzato nella maggior parte dei migliori televisori 4K , mentre Dolby Atmos è supportato nella maggior parte delle migliori soundbar ed è un enorme punto di forza in questo momento.

La grande spinta che Google sta facendo ai produttori è che i due nuovi formati sarebbero esenti da royalty, il che significa che i produttori non dovrebbero pagare a Google alcuna commissione per includere il supporto per loro. Come sottolinea FlatpanelsHD, Dolby Vision costa fino a $ 3 per dispositivo da includere e il costo di Dolby Atmos non è confermato.

Gli appassionati di AV noteranno qui che esiste già un’alternativa royalty-free a Dolby Vision: HDR10+. Torneremo su questo: sospetto che sia rilevante per il piano finale di Google qui.

Sembra che YouTube sia l’obiettivo principale di Google: il sito di streaming attualmente supporta l’HDR di base (noto come HDR10), ma non la versione più avanzata di Dolby Vision o HDR10+. E non supporta nessuno standard audio 3D (i due attualmente in uso generalmente sono Dolby Atmos e DTS:X, ma Atmos è di gran lunga l’opzione meglio supportata).

Ma i nuovi formati darebbero una spinta anche ai telefoni Android. Gli iPhone includono il supporto per Dolby Vision e Atmos, ma per lo più non lo ottieni su Android: Samsung supporta HDR10+ e Dolby Atmos, ma questo è tutto. Google spera sicuramente di poter persuadere Netflix, Disney e il resto a supportare i suoi nuovi formati, così puoi ottenere la stessa qualità di HDR e audio su tutti i dispositivi Android durante lo streaming che ottieni su iPhone.

Analisi: abbiamo davvero bisogno di più HDR e formati audio?

Il mondo della tecnologia video e audio è già abbastanza confuso e pieno di imperscrutabili convenzioni di denominazione. L’ultima cosa di cui abbiamo bisogno sono più di quelli… ma sembra che l’intero piano di Google sia quello di evitarlo, il che è intelligente per due motivi.

Partiamo dalla parte tecnica. Secondo Protocol, Google afferma che il piano è di “utilizzare i codec esistenti” per i suoi nuovi formati (un “codec” è il nome della tecnologia che codifica e comprime video o audio nei file che utilizziamo). Se dovessi indovinare, direi che il nuovo formato HDR di Google utilizzerà il codec video AV1 e il supporto HDR10+, entrambi gratuiti per i produttori.

Il lato audio è più difficile da prevedere, ma esiste già una tecnologia audio 3D royalty-free. Si chiama Multi Dimensional Audio ed è usato come base per il rivale DTS:X di Dolby Atmos. La mia ipotesi è che Google implementerà questa tecnologia in un tipo di file audio esistente.

Il vantaggio di entrambi questi approcci è che potrebbero richiedere modifiche tecniche minime da parte dei produttori di TV/telefoni. L’hardware necessario per tutto questo è probabilmente nella maggior parte dei televisori venduti oggi, quindi potrebbe richiedere solo un aggiornamento software per supportare il modo in cui Google combinerà le tecnologie esistenti in un “nuovo” formato. Supponendo che sia così che funziona, dovrebbe aumentare enormemente le possibilità che sia supportato in particolare sui televisori.

La seconda cosa intelligente è che il piano di Google qui è quello di raccogliere tutta questa tecnologia sotto un “marchio ombrello”, e presumo che i nomi saranno semplici come Dolby Vision e Dolby Atmos. Probabilmente non sentirai nessuno dei termini tecnici che ho menzionato sopra: si chiameranno semplicemente “HDR Sight” e “HDR Sound” o qualcosa del genere.

Anche questo dà loro la possibilità di essere effettivamente ricordati, a differenza degli strani nomi di HDR10+ o DTS:X.

Opinione: È una bella idea, ma potrebbe essere troppo tardi

In linea di principio, sono tutto per il piano di Google qui. Non c’è una buona ragione per cui Dolby dovrebbe divertirsi qui, e il prezzo di includere sia il supporto Dolby Vision che Dolby Atmos nell’hardware è una fetta notevole del prezzo totale di qualcosa come uno streaming stick, quindi avere una possibilità per i produttori di hardware di evitare quelle tasse ma comunque la consegna di audio di alta qualità è eccezionale.

Tuttavia, Dolby è stato sostanzialmente lasciato per cementare l’idea che i suoi formati sono il modo migliore per guardare, e sarà molto difficile ribaltare. Dolby non addebita i servizi di streaming per supportare Dolby Vision o Atmos, motivo per cui sono utilizzati su Netflix, Apple TV Plus, Disney Plus, Paramount Plus, Blu-ray e altro. Dolby ha completamente incorporato il suo nome come la cosa di cui hai bisogno se desideri la migliore qualità da film e TV.

Quindi, esclusivamente sulla desiderabilità e sul riconoscimento del nome, Google sta affrontando una battaglia in salita. Come farà a far sembrare il proprio formato qualcosa di diverso dall’alternativa economica alle cose buone? Anche se i nuovi formati di Google sono esattamente buoni come quelli di Dolby, faranno comunque fatica a far credere alle persone che lo siano – e Dolby sicuramente intensificherà il proprio gioco per garantire che le persone si sentano in quel modo.

Immagine che mostra il contenuto Dolby Vision riprodotto su un televisore

E con questo in mente, Google deve convincere i servizi di streaming a supportarlo. Su YouTube è facile: Google crea già automaticamente diverse versioni di video su quel sito, tutte basate su quella originale della migliore qualità che carichi. Ma probabilmente non sarà così per i siti di streaming di film: gli studi e i registi non vorranno che le versioni vengano convertite automaticamente in un diverso formato HDR o audio. Vorranno che i film siano rimasterizzati e controllati. Sarebbe un grande sforzo.

Google spera presumibilmente che la promessa del supporto sull’enorme numero di dispositivi Android disponibili persuaderà i servizi ad aggiungere supporto, ma non ne sono sicuro. Se le persone che acquistavano telefoni non si preoccupavano prima dell’audio 3D, a quanti importerebbe solo perché è stato aggiunto un aggiornamento software?

E se Google non può ottenere i servizi a bordo, perché i produttori di hardware dovrebbero salire a bordo? Ho detto che potrebbe essere tecnologicamente facile supportare le nuove funzionalità di Google, ma richiederebbe comunque tempo, impegno e denaro e, se non sembra che aumenterebbe le vendite, perché non salvarlo e restare con Dolby Vision e Atmos solo sui migliori televisori?

Spero che Google possa dimostrare che mi sbaglio e aggiungere un po’ più di concorrenza a questo spazio, tuttavia potrebbe richiedere un po’ di Visione.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial