mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeMicrosoftHo effettuato il downgrade da Windows 11 a Windows 10 e non...

Ho effettuato il downgrade da Windows 11 a Windows 10 e non tornerò indietro

Microsoft ha appena annunciato che Windows 11 è dietro l’angolo. L’implementazione inizierà il 5 ottobre, con i PC idonei che riceveranno una notifica per l’aggiornamento a ondate. Ho usato Windows 11 per la maggior parte del periodo Insider e, dopo il downgrade, ho intenzione di restare con Windows 10 per un po’.

Windows 11 ha causato alcune controversie, dal confuso requisito TPM , che ha lasciato i costruttori fai-da-te al freddo, all’app PC Health Check sballata, che ha reso difficile vedere se il tuo PC potrebbe persino eseguire Windows 11. Anche se la direzione da seguire sembra chiara ora sto ancora trattenendo il respiro, in attesa che Microsoft risolva i problemi e i requisiti di Windows 11.

Continuerò a utilizzare Windows 10, in parte a causa dell’approccio di Microsoft al nuovo sistema operativo e in parte a causa di problemi con Windows 11 stesso. Ecco perché.

Windows 11 non ha ancora le sue migliori funzionalità

Quando Microsoft ha annunciato Windows 11, la caratteristica più impressionante è stata il supporto delle app Android . La società ha affermato che gli utenti saranno in grado di scaricare app Android attraverso una sezione dedicata nel Microsoft Store, alimentata dall’App Store di Amazon. Ma dopo aver annunciato la data di rilascio del 5 ottobre, Microsoft ha suggerito che le prime build non avranno il supporto per Android.

Il post sul blog è vago , che è stata una tendenza con Microsoft durante il periodo di anteprima di Windows 11, ma implica che il supporto per le app Android arriverà a Windows Insider qualche tempo dopo il giorno del lancio. Potrebbero trascorrere diversi mesi dopo il lancio prima che le app Android siano disponibili nelle build pubbliche, se non di più.

Ci sono altri motivi per saltare a bordo, tra cui l’interfaccia utente aggiornata (UI) e un supporto più ampio per le app di Windows tramite il Microsoft Store. Tuttavia, il motivo principale per cui volevo eseguire l’aggiornamento era utilizzare le app Android su Windows e non saranno disponibili al momento del lancio. Amazon non gestisce nemmeno il miglior mercato Android: ospita meno di un quarto delle app come Google Play Store. Speravo nel negozio di Amazon al lancio e nell’integrazione di Google Play in un aggiornamento futuro.

Naturalmente, ottenere migliaia di app progettate per l’esecuzione di un sistema operativo su un altro non è un compito facile. Chrome OS supporta anche le app Android e non funzionano bene, nonostante entrambe siano di proprietà di Google. È probabile che Microsoft stia ottimizzando le app per l’esecuzione su Windows 11, ma la funzionalità non è stata nemmeno implementata per gli addetti ai lavori. Non è un buon segno per il supporto che arriva presto.

Windows 11 vive all’ombra del 10

Come ogni transizione di Windows, Windows 11 vivrà all’ombra di Windows 10 per un po’. È ancora un nuovo sistema operativo, quindi nonostante un discreto periodo di test Insider, arriverà ancora con bug e fastidi. Microsoft probabilmente non lo contesterebbe. È quasi impossibile ottenere un sistema operativo stabile in esecuzione su hardware al primo tentativo.

Durante il mio periodo di Insider, sono rimasti alcuni piccoli e fastidiosi problemi tra le build. Alt + Tab  si interrompeva in modo casuale, la barra delle applicazioni a volte si affermava sopra le applicazioni a schermo intero e i menu delle impostazioni individuali reindirizzavano alla schermata delle impostazioni principali. Nessuno di questi problemi ha interrotto l’esperienza ed è stato facile aggirarli. Tuttavia, non costituiscono un argomento valido per l’aggiornamento, soprattutto perché Windows 10 non li ha.

Windows 10 è stabile. Ha problemi minori qua e là , ma nel complesso è un sistema operativo che ha avuto sei anni sul mercato per crescere e stabilizzarsi. Inoltre, ogni volta che incontro un problema con Windows 10, posso rivolgermi a un profondo pozzo di risorse online per aiutarmi a risolverlo. Quel pozzo non esiste ancora per Windows 11 e probabilmente non lo sarà prima della metà del 2022.

Nel corso del prossimo anno o due, la maggior parte degli utenti di Windows rimarrà su Windows 10. È il sistema operativo più utilizzato al mondo e la maggior parte delle persone non sa (o francamente si preoccupa) di saltare su una nuova versione. Per questo motivo, gli sviluppatori continueranno a ottimizzare app e driver per Windows 10, quindi non dovresti vedere una grande differenza di prestazioni per un po’.

Ciò cambierà nel corso della linea, soprattutto quando funzionalità come il Thread Director di Intel diventano più comuni. Tuttavia, far funzionare e ottimizzare queste funzionalità richiede tempo e probabilmente non vedremo un’ampia adozione per un anno o più.

I “forse” dei requisiti di sistema

Microsoft ha alzato notevolmente l’asticella con i requisiti di sistema di Windows 11 . Allo stato attuale, è necessario un processore AMD o Intel (funzionano anche i chip Qualcomm) delle ultime generazioni, UEFI Secure Boot e TPM 2.0 o versioni successive. Tecnicamente, Windows 11 richiede solo un processore dual-core a 64 bit da 1 GHz, ma comunque ne sono supportati solo pochi selezionati.

I processori AMD Ryzen di prima generazione o precedenti non sono supportati e sono supportati solo pochi processori Intel di settima generazione. Intel ha interrotto i suoi processori di settima generazione solo nel 2020 e i chip Ryzen di prima generazione sono arrivati ​​solo nel 2017. Ci sono molti PC che ancora utilizzano questi processori e sono stati bloccati dall’utilizzo di Windows 11.

Tuttavia, sono bloccati solo per il rilascio ufficiale. Negli ultimi mesi, Microsoft ha consentito agli utenti con hardware non supportato di scaricare le anteprime e gli aggiornamenti di Windows 11 senza problemi. Ora che il lancio sta arrivando, Microsoft sta spingendo senza tante cerimonie quegli utenti a Windows 10 . Microsoft ha detto che sarebbe successo, ma non è ancora un bell’aspetto.

Inoltre, Microsoft afferma che gli utenti con hardware non supportato sono liberi di scaricare Windows 11 e installarlo manualmente (non tramite Windows Update). Se segui questa strada, tuttavia, perderai funzionalità critiche e aggiornamenti di sicurezza . Non ha senso che la versione più sicura di Windows 11 blocchi arbitrariamente tali patch essenziali solo perché un utente non dispone di hardware recente.

Questo punto non riguarda solo la prostituzione morale, anche se ha un ruolo. Sto aspettando di vedere come risponderà Microsoft una volta che Windows 11 sarà disponibile per le masse. Su desktop e laptop, Windows rappresenta da qualche parte circa l’80% di tutte le installazioni del sistema operativo a seconda della statistica che guardi. Sono molti computer e scommetto che la maggior parte di essi utilizza hardware non supportato.

Come qualcuno a cui piace mettere insieme macchine da parti disparate e armeggiare con build, Windows 10 rimarrà il mio sistema operativo preferito. Fino a quando l’hardware non supportato non sarà ragionevolmente vecchio – stiamo parlando solo di pochi anni, dopotutto – Windows 11 sarà una vendita difficile per chiunque costruisca i propri PC o non aggiorni il proprio computer ogni pochi anni.

L’upgrade richiede un esercito di risorse

Dispositivi con Windows 11.

Il passaggio a Windows 11 sarà un processo lento. Microsoft lo rilascerà il 5 ottobre , ma è stato chiaro che la transizione non sarà completa fino alla metà del 2022. Anche dopo averlo fatto, un numero enorme di utenti che non sono interessati all’informatica o che utilizzano hardware non supportato continuerà a utilizzare Windows 10.

Anche molte delle funzionalità più promettenti di Windows 11 richiederanno tempo. L’interfaccia di programmazione dell’applicazione (API) Direct Storage, ad esempio, impiegherà un po’ di tempo a essere visualizzata nei videogiochi. Allo stesso modo, i vantaggi in termini di prestazioni per le CPU ibride si applicheranno a una piccola minoranza di utenti interessati all’ultimo hardware per PC ( Intel Alder Lake non è ancora stato lanciato).

Alla fine passerò a Windows 11, così come la maggior parte dei PC Windows in tutto il mondo. Tuttavia, ci vorranno un paio d’anni e per ora mi accontento di rimanere con Windows 10 .

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial