domenica, Ottobre 2, 2022
HomeHardwareHP risarcirà i clienti italiani per il blocco dei toner

HP risarcirà i clienti italiani per il blocco dei toner

HP continua a pagare per aver bloccato bruscamente l’inchiostro di terze parti dalle sue stampanti. L’azienda ha accettato di pagare un compenso ad altri clienti interessati dall’uso del DRM da parte di HP per impedire che inchiostro e toner di terze parti funzionino nelle sue stampanti. L’accordo relativo ai clienti in Belgio, Italia, Spagna e Portogallo arriva dopo che la società ha già accettato un accordo negli Stati Uniti ed è stata multata in Italia.

I proprietari di stampanti HP sono stati infastiditi, per non dire altro, nel 2016 quando HP ha introdotto Dynamic Security , un aggiornamento del firmware che impediva alle cartucce di inchiostro e toner prive di chip HP di funzionare nelle stampanti HP. I clienti che già possedevano queste stampanti hanno improvvisamente riscontrato messaggi di errore che impedivano loro di stampare con cartucce che prima erano completamente funzionanti. All’epoca, HP affermò che la mossa mirava ad aiutare i clienti a evitare inchiostri contraffatti e scadenti e a proteggere la proprietà intellettuale di HP. Tuttavia, sembrava in gran parte una tattica aziendale volta a proteggere uno dei maggiori fattori di profitto di HP dell’epoca, che era legato a un settore in declino .

Come riportato  lunedì  da Bleeping Computer , Euroconsumers, un gruppo di consumatori europeo, ha annunciato  il 7 settembre un accordo con HP che cercherà di risarcire finanziariamente i clienti situati nelle suddette regioni. HP ha accettato di istituire un $ 1.350.000 (circa 1.351.147 euro) per “risarcire alcuni proprietari di stampanti HP per le perdite presumibilmente subite in conseguenza dell’ignoranza che le loro stampanti erano abilitate con Dynamic Security”, secondo l’annuncio di Euroconsumers. Gli individui possono ricevere 20–95 euro, a seconda del modello di stampante e delle conseguenze subite.

Euroconsumers ha osservato che, sebbene abbia affermato che “i consumatori non sono stati adeguatamente informati del fatto che Dynamic Security avrebbe indotto le stampanti a rifiutare alcune cartucce di inchiostro sostitutive non HP”, l’accordo non è “un riconoscimento di eventuali colpe o illeciti da parte di HP né come un riconoscimento da parte di Euroconsumers dell’infondatezza delle sue affermazioni”.

Ciò non significa che HP non abbia mostrato una forma scadente strappando improvvisamente la scelta ai propri clienti. E questa non è la prima volta che deve pagare per questo. Al di là della cattiva pubblicità, secondo quanto riferito, HP ha accettato di pagare $ 1,5 milioni ai clienti statunitensi per il trasferimento e circa 50 dollari australiani ciascuno ai clienti australiani e nel 2020 l’  Autorità antitrust italiana ha  multato HP 10.000.000 di euro per “pratiche commerciali ingannevoli e aggressive”.

Purtroppo, tuttavia, questo potrebbe essere tutto ciò che HP deve pagare, poiché l’utilizzo del DRM per contrastare la vendita di inchiostri e toner di terze parti è diventata una pratica comune nel settore della stampa. Quando HP ha dovuto affrontare un contraccolpo iniziale per l’introduzione della sicurezza dinamica, è tornata indietro tramite  aggiornamenti del firmware  che hanno rimosso la sicurezza dinamica da alcune stampanti, come notato da Bleeping Computer. Ma le nuove stampanti hanno ancora la funzione. HP si assicura solo di mettere in grassetto la stampa fine di Dynamic Security e di posizionarla nella parte superiore delle pagine dei prodotti delle stampanti. Il venditore ha anche una pagina dedicata che  spiega la sicurezza dinamica.

Al di là del dolore dei clienti, gli ulteriori aspetti negativi di questo schema di uccisione dell’inchiostro sono stati chiariti all’inizio di quest’anno, forse con l’aiuto di Lady Karma, quando Canon ha dovuto istruire i clienti su come circumnavigare i propri avvisi DRM dopo che la carenza legata alla pandemia ha influito sulla sua capacità di fare i toner con le sue patatine.

HP non ha rivelato tali sfide, ma tra gli analisti che hanno enfatizzato  l’impatto dei vincoli della catena di approvvigionamento, il suo business di stampanti è sceso del 6% a 4,6 miliardi di dollari nel terzo trimestre del 2022 .

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial