venerdì, Febbraio 23, 2024

I 16 scandali più grandi che Mark Zuckerberg ha dovuto affrontare nell’ultimo decennio

Il CEO e co-fondatore di Facebook Mark Zuckerberg ha trascorso il decennio a supervisionare l’ascesa di Facebook nella vita quotidiana. Dall’IPO del 2012 all’acquisto di Instagram e WhatsApp, ha continuato ad avere successo e ha reso Zuckerberg una delle persone più ricche del mondo.

Ma l’ultimo decennio è stato anche pieno di scandali e accuse, incluso un esperimento psicologico condotto su 70.000 utenti Facebook non consenzienti che ha esaminato come i cambiamenti nel News Feed potrebbero avere un impatto sulla loro salute mentale.

L’azienda si è occupata sempre più di quelli che sono diventati i suoi talloni d’Achille: disinformazione, privacy, problemi di moderazione dei contenuti, accuse di comportamento anticoncorrenziale e i suoi effetti sull’estero.

Ecco alcuni degli scandali più straordinari che hanno coinvolto Facebook, ora noto come Meta, nell’ultimo decennio.

1. Nel 2013, un hacker whitehat ha cercato di segnalare un bug di sicurezza a Facebook. Quando nessuno ha risposto, ha hackerato l’account di Mark Zuckerberg e ha pubblicato il bug sulla sua bacheca.

Codifica hacker maschio.

 

2. Nel 2014, Facebook ha subito critiche per aver condotto test psicologici su 70.000 partecipanti non consenzienti nel 2012, rimuovendo alcune parole dai feed di notizie degli utenti per verificare come ciò abbia influenzato le loro reazioni ai post.

Mark Zuckerberg

 

Il COO di Facebook Sheryl Sandberg ha dichiarato: “Questo faceva parte della ricerca in corso che le aziende fanno per testare diversi prodotti, ed era proprio così; è stato comunicato male. E per quella comunicazione, ci scusiamo. Non abbiamo mai avuto intenzione di sconvolgerti”.

Fonte: The Guardian

3. La società ha dovuto affrontare pesanti critiche per la disinformazione relativa alle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, soprattutto dopo che un rapporto di Buzzfeed ha mostrato che le notizie false hanno superato le notizie reali. Mark Zuckerberg ha postato su Facebook delle scuse e ha affermato che la società intende migliorare.

mark zuckerberg

 

Fonte: Facebook , Buzzfeed

4. Poi è arrivato il 2018, quando la notizia dello scandalo Cambridge Analytica è scoppiata e ha rivelato che la società di analisi dei dati ha raccolto in modo improprio i dati di decine di milioni di utenti di Facebook per il targeting degli annunci durante le elezioni del 2016.

facebook zuckerberg cambridge analytica trial5

 

4. Zuckerberg ha testimoniato davanti al Congresso in un’accesa udienza nell’aprile 2018. Anche il co-fondatore di WhatsApp Brian Acton ha acceso il movimento #deletefacebook.

mark zuckerberg congress facebook imbarazzante

Fonte: The Guardian

5. Il 2018 ha segnato anche uno dei momenti più bui della storia di Facebook, poiché i rapporti hanno rivelato che il social network è stato utilizzato per incitare al genocidio contro la minoranza musulmana Rohingya in Myanmar da parte dei funzionari militari del paese.

FOTO FILE: I rifugiati Rohingya giocano a calcio nel campo profughi di Kutupalong a Cox's Bazaar, Bangladesh, 27 marzo 2018. REUTERS/Clodagh Kilcoyne

 

Il capo della sicurezza informatica di Facebook ha dichiarato al New York Times di aver riscontrato “tentativi chiari e deliberati di diffondere segretamente propaganda direttamente collegati all’esercito del Myanmar”. Le Nazioni Unite hanno definito la situazione “un esempio da manuale di pulizia etnica”.

Da allora Facebook ha detto che avrebbe dovuto fare di più per fermarlo.

Fonte: The New York Times

6. Nel 2019, la FTC ha multato Facebook con 5 miliardi di dollari per violazioni della privacy degli utenti, una multa record per un’azienda tecnologica.

amministratore delegato di facebook mark zuckerberg

 

7. Facebook ha anche annunciato i suoi piani per lanciare una criptovaluta chiamata Libra, e nell’ottobre dello stesso anno, Zuckerberg ha testimoniato ancora una volta davanti a un comitato della Camera dei rappresentanti sugli impatti finanziari e sui regolamenti sulla criptovaluta.

libra mark zuckerberg congress ottobre 2019

 

8. A novembre 2019, oltre 4.000 pagine di documenti interni di Facebook sono state rilasciate da una causa intentata da uno sviluppatore di app. I documenti hanno rivelato come la società abbia interrotto l’accesso agli sviluppatori ai dati, pianificato di tenere traccia delle posizioni degli utenti Android e considerato, tra le altre cose, di addebitare agli sviluppatori l’accesso ai dati degli utenti.

Mark Zuckerberg

 

9. Nello stesso mese, BuzzFeed e Bloomberg hanno riferito che Facebook ha trascorso la seconda metà del 2016 cercando di acquistare il predecessore di TikTok, Musical.ly. L’interesse dell’azienda per l’app cinese ha attirato l’attenzione alla luce delle recenti critiche di Mark Zuckerberg all’app cinese.

Musicalmente

10. Facebook annuncia nel gennaio 2020 che non verificherà i fatti sugli annunci dei politici sulle sue piattaforme, consentendo loro di pubblicare post che potrebbero contenere disinformazione. Non era di buon auspicio con l’avvicinarsi delle elezioni.

Mark Zuckerberg

 

11. Zuckerberg afferma che non rimuoverà il post dell’allora presidente Trump che recita “quando inizia il saccheggio, inizia la sparatoria” poiché la società abbraccia la sua politica di esenzione dalle regole sui contenuti di figure degne di nota. La mossa spinge gli inserzionisti di Facebook a boicottare.

briscola

 

Il controllo aumenta su come Facebook gestisce i contenuti per quanto riguarda la pandemia di COVID-19 sempre più politicizzata, l’uccisione da parte della polizia di George Floyd e le imminenti elezioni presidenziali del 2020.

12. Zuckerberg appare in un’audizione antitrust del Congresso di successo nel luglio 2020 insieme ai CEO di Amazon, Apple e Google di Alphabet. I legislatori in seguito concludono che tutte e quattro le società sono monopoli e dovrebbero essere regolamentate.

udienza antitrust zuckerberg bezos cook pichai

 

13. Un informatore di Facebook trasformatosi in data scientist, Sophie Zhang, si fa avanti nel settembre 2020 accusando la compagnia di non essere riuscita a fermare la manipolazione politica da parte dei governi stranieri.

L'informatore di Facebook Sophie Zhang

 

In seguito avrebbe testimoniato di fronte ai legislatori britannici nel 2021 sulle sue affermazioni.

14. Si scopre che i rivoltosi che fanno parte dell’insurrezione del Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021 si sono organizzati su Facebook prima dell’evento, così come su altre piattaforme. Zuckerberg e gli amministratori delegati di Google e Twitter avrebbero successivamente testimoniato davanti al Congresso sulla disinformazione a marzo.

Attacco al Campidoglio

 

Facebook ha vietato Trump poco dopo il 6 gennaio per il suo ruolo percepito nell’incitamento alla violenza in relazione all’insurrezione.

15. L’Osservatorio di Facebook critica la società nel maggio 2021 per aver evitato le sue responsabilità nella sospensione di Trump e aver emesso una “sanzione arbitraria”.

raduno di Donald Trump

 

Uno dei membri del consiglio afferma che Facebook era “pigro” per aver rimandato la decisione al suo consiglio invece di decidere le proprie regole.

16. In quello che potrebbe essere il suo peggior incubo di pubbliche relazioni dallo scandalo Cambridge Analytica, un ex dipendente di Facebook diventato informatore condivide documenti interni con il Wall Street Journal nel settembre 2021.

Frances Haugen, ex product manager del team di disinformazione civica di Facebook, lascia il Parlamento a Westminster, Londra, Gran Bretagna, il 25 ottobre 2021.

 

La serie evidenzia la preoccupazione dei dipendenti per le pratiche commerciali dell’azienda e il licenziamento da parte del management a favore della crescita e dei profitti, tra le altre cose.

L’informatore, Frances Haugen, in seguito ha testimoniato davanti al Congresso che Facebook mette i profitti sulla sicurezza delle persone e dovrebbe essere regolamentato

I documenti, noti come “Facebook Papers”, da allora sono stati condivisi con più agenzie di stampa, con nuove rivelazioni che emergono regolarmente.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: