martedì, Ottobre 4, 2022
HomeClassificheI 50 siti web più visitati al mondo

I 50 siti web più visitati al mondo

Se trascorri del tempo online, è probabile che tu abbia familiarità con alcuni dei siti Web più visitati al mondo. Sull’Internet di oggi, una manciata di giganti ha un dominio senza pari.

Principali tre siti web (visite mensili):

  • Google: 92,5 miliardi
  • YouTube: 34,6 miliardi
  • Facebook: 25,5 miliardi

Insieme, i primi tre siti web raccolgono 152 miliardi di visite mensili, superando i successivi 47 siti web messi insieme. Inoltre, poiché la pandemia ha trasformato tutto, dal modo in cui lavoriamo, apprendiamo, comunichiamo e facciamo acquisti, la maggior parte di queste attività è migrata online.

In questa nuova visualizzazione, esaminiamo i siti Web più visitati in tutto il mondo, attingendo dati da SimilarWeb (a partire da novembre 2020).

I migliori siti web globali

Gestendo oltre due trilioni di query di ricerca ogni anno attraverso la sua rete, Google di proprietà di Alphabet è al primo posto con il suo dominio di punta, Google.com. Google ricava circa l’80% dei suoi guadagni dalle entrate pubblicitarie.

Al secondo posto, la piattaforma di social networking Facebook ha una base di utenti di 2,7 miliardi . In media, gli utenti trascorrono ogni giorno 34 minuti sul sito, mentre il 36% degli utenti afferma che è anche il luogo in cui riceve le notizie, più in alto rispetto a qualsiasi altro social network.

In qualità di principale motore di ricerca in Cina, Baidu (# 7) ha ricevuto 5,6 miliardi di visitatori a novembre. Baidu sta anche espandendo la sua attività, avventurandosi nei veicoli elettrici (EV) in una partnership con la casa automobilistica cinese Geely.

Con la richiesta di videoconferenze durante la pandemia, Zoom (n. 15) è stato lanciato nei siti Web più visitati con 2,7 miliardi di visitatori al mese. Allo stesso modo, TikTok (# 43) è diventato un’aggiunta appena coniata.

I siti web più visitati, per paese di origine

Con 27 siti nell’elenco, gli Stati Uniti rimangono un attore dominante. Sebbene la sua portata sia altamente concentrata a livello globale, solo una manciata di aziende possiede la maggioranza di questi siti.

GIF dei siti web più visitati per paese di origine

Microsoft (n. 28), ad esempio, possiede sette dei migliori siti al mondo, inclusi LinkedIn (n. 25) e Live.com (n. 16). Amazon (n. 13), d’altra parte, ne possiede cinque, incluso Twitch.tv (n. 32), insieme a popolari domini incentrati su Amazon in Giappone, Regno Unito e Germania.

La Cina possiede cinque migliori siti web: Baidu (# 7), QQ (# 34), Bilibili (# 42), TikTok (# 43) e AliExpress (# 47). QQ.com, di proprietà di Tencent, è il principale sito di notizie in Cina, con oltre 981 milioni di visite mensili. Come WeChat, QQ fornisce anche una popolare piattaforma di messaggistica.

Solo quattro dei siti web più visitati a livello globale hanno sede sia in Russia che in Giappone, mentre il resto del mondo conta 10 siti migliori in totale.

ℹ️ Dov’è WeChat? La piattaforma più prolifica della Cina è principalmente basata su app, quindi il sito Web dell’azienda non figura nella top 50 mondiale.

Raggiungere nuove vette

Sebbene i modelli globali di Internet siano chiaramente dominati da pochi titani, cosa possiamo fare della loro recente crescita del traffico?

Tra giugno 2019 e novembre 2020, i visitatori mensili di Google sono aumentati del 52,9% . Tra i siti web più visitati a livello globale, questo tasso di crescita è solo dietro Instagram (# 6) all’89,1% e Twitter (# 4) al 67,1%.

crescita del traffico dei primi 5 siti web più visitati

Wikipedia (n. 5), un sito web senza scopo di lucro creato nel 2001 da Larry Sanger e Jimmy Wales, ha realizzato una crescita di oltre il 30% .

Sebbene le grandi aziende tecnologiche abbiano solo accelerato la loro quota di mercato (Google rappresenta circa il 90% del mercato degli annunci di ricerca), diversi organismi di regolamentazione stanno ponendo un maggiore controllo su di loro. Un rapporto antitrust dell’ottobre 2020 ha suggerito che Big Tech è in realtà anticoncorrenziale, facendo confronti con i magnati del petrolio del XIX e XX secolo.

Con queste forze chiave in mente, solleva una domanda cruciale: c’è un limite alla loro crescita?

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial