giovedì, Febbraio 2, 2023
HomeMissioni SpazialiI bulbi oculari degli astronauti si deformano nello spazio

I bulbi oculari degli astronauti si deformano nello spazio

Fin dai primi voli spaziali, gli astronauti hanno avuto problemi di vista persistenti durante i viaggi in orbita e i soggiorni prolungati presso la Stazione Spaziale Internazionale. I problemi agli occhi, noti come SANS, o sindrome neuro-oculare associata al volo spaziale, sono stati collegati a gonfiore nel cervello causato da una mancanza di gravità.

La mancanza di gravità nello spazio cambia il modo in cui i fluidi si muovono intorno al corpo e può farli galleggiare nella testa. Questo mette sotto pressione i bulbi oculari, appiattendoli e facendo gonfiare il nervo ottico. La microgravità rimodella letteralmente i bulbi oculari e questo è un male.

“Questo è forse uno dei problemi medici più mission-critical che sono stati scoperti nell’ultimo decennio per il programma spaziale”, ha detto in un comunicato stampa Benjamin Levine, un cardiologo della University of Texas Southwestern che lavora con la NASA per affrontare i rischi per la salute degli astronauti. .

Levine ha contribuito a condurre un nuovo studio,  pubblicato sulla rivista JAMA Opthalmology il 9 dicembre , che esamina come uno speciale sacco a pelo ad alta tecnologia potrebbe aiutare a prevenire il SANS negli astronauti. Dieci soggetti – cinque maschi e cinque femmine – furono arruolati per provare il sacco sulla Terra, arrampicandosi sul letto e sdraiandosi per tre giorni.

Avrebbero quindi eseguito altri tre giorni distesi, ma questa volta con il sacco a pelo specializzato attaccato dalla vita in giù. Il sacco è essenzialmente una sacca di aspirazione che utilizza una tecnica nota come “pressione negativa della parte inferiore del corpo” per impedire l’accumulo di fluidi corporei nella regione intorno al cervello e agli occhi.

Dopo tre giorni senza il sacco, i ricercatori hanno notato alcuni cambiamenti nella forma del bulbo oculare qui sulla Terra. Di solito, alzarsi in piedi aiutava ad alleviare parte di quella pressione a causa della gravità, ma i pazienti erano confinati a 72 ore di stasi orizzontale e non riuscivano a trovare quel sollievo.

Ma passare ogni notte solo otto ore nel futuristico (e ingombrante) sacco a pelo sembrava impedire che si verificassero i cambiamenti agli occhi. Successo!

Mentre molti dei problemi associati al SANS sembrano risolversi una volta che gli astronauti tornano sulla Terra, affrontare il problema nello spazio è fondamentale per ulteriori missioni spaziali più lunghe. Andare e tornare su Marte, ad esempio, richiede molto più tempo del tipico soggiorno di sei mesi sulla stazione spaziale.

“Non sappiamo quanto possano essere gravi gli effetti su un volo più lungo, come un’operazione di due anni su Marte”, ha detto Levine.

Con quelle missioni con equipaggio su Marte appena oltre l’orizzonte (è un orizzonte di due decenni, ma è piuttosto breve nello spazio-tempo), risolvere il problema SANS consentirà agli astronauti di viaggiare senza preoccupazioni.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial