HomeTecnologiaI datori monitorano queste attività mentre osservano i lavoratori da remoto

I datori monitorano queste attività mentre osservano i lavoratori da remoto

I datori di lavoro utilizzano sempre più software di monitoraggio per tenere d’occhio le operazioni quotidiane. In effetti, il 75% delle conversazioni di lavoro potrebbe essere registrato e valutato entro il 2025, secondo Gartner.

ExpressVPN ha pubblicato i risultati di un recente sondaggio che evidenzia le opinioni della forza lavoro in merito al telelavoro, al software di monitoraggio dei datori di lavoro e altro ancora. Mentre molti datori di lavoro stanno sfruttando queste tecnologie per monitorare i flussi di lavoro, il rapporto evidenzia i potenziali svantaggi e persino il risentimento tra i dipendenti sorvegliati.

“Il monitoraggio dei dipendenti è sempre stato un importante problema di privacy, ma la pandemia ha inaugurato una nuova era di maggiore sorveglianza che è incredibilmente preoccupante. Oltre a fratturare il livello di fiducia tra un dipendente e un datore di lavoro, può rendere il luogo di lavoro un ostile ambiente per i lavoratori e ci mette un pericoloso passo avanti verso la normalizzazione della sorveglianza “, ha detto Harold Li, vice presidente di ExpressVPN, in un comunicato stampa.

I datori di lavoro “a disagio” per WFH

Nell’ultimo anno, molte aziende hanno adottato politiche di lavoro a distanza per mitigare la diffusione di COVID-19. Quasi tre quarti dei datori di lavoro (74%) ha affermato che il telelavoro “fa sentire loro una mancanza di controllo sulla propria attività” e un numero simile (69%) ha affermato che il modello di lavoro li fa sentire “a disagio” poiché “non possono osservare i dipendenti di persona.”

Circa sei datori di lavoro su 10 (57%) hanno affermato di non fidarsi del fatto che i propri dipendenti lavorino “senza supervisione di persona” e un numero simile (59%) ha riferito lo stesso sentimento sui dipendenti che lavorano “senza supervisione digitale”. La stragrande maggioranza dei capi (78%) e / o dei dirigenti ha affermato di utilizzare il software per “monitorare le prestazioni dei dipendenti e / o l’attività online” e più della metà (57%) ha incorporato queste tecnologie negli ultimi sei mesi, secondo ExpressVPN.

Le attività più comuni monitorate dai datori di lavoro includono la cronologia web e la quantità di tempo su questi siti (66%), le app utilizzate e il tempo trascorso utilizzando queste app (53%) e il monitoraggio dello schermo in tempo reale (53%). Ulteriori attività monitorate includono “orario di lavoro attivo” e tempi di registrazione (46%), “acquisizione periodica dello schermo” (33%) e chat e registri di messaggistica (30%). Le fonti di comunicazione registrate regolarmente includono e-mail (94%), chiamate (87%), messaggi (85%) e video (87%).

Il rapporto elenca anche varie “attività di sorveglianza sospettate dai dipendenti” e questo include “orario di lavoro attivo” e tempi di registrazione (47%), e-mail (in entrata e in uscita) (37%), cronologia web e tempo trascorso a navigare in queste pagine (34% ), nonché chat e registri dei messaggi (33%).

Il sondaggio ha rilevato che l’81% dei dipendenti utilizza almeno un dispositivo fornito dall’azienda e circa la metà dei dipendenti intervistati (53%) sa che la propria azienda “sta monitorando attivamente la comunicazione e le attività online”. Circa il 17% non sapeva nemmeno che fosse possibile per le aziende “monitorare la propria comunicazione e / o attività online”.

Analisi delle prestazioni e occupazione basate sui dati

Dal lato del datore di lavoro, praticamente tutti gli intervistati (90%) hanno affermato di “monitorare attivamente il tempo trascorso dai dipendenti che svolgono un lavoro [rispetto] ad altre attività non correlate al lavoro”. Circa tre quarti hanno affermato che le registrazioni archiviate (chiamate, messaggi ed e-mail) hanno “informato le valutazioni delle prestazioni di un dipendente” e il 46% ha affermato di aver licenziato un lavoratore in base alle “informazioni raccolte relative al proprio lavoro remoto”.

Un terzo dei dipendenti ha dichiarato di aver utilizzato un computer aziendale per “scopi che troverebbero imbarazzanti se il loro datore di lavoro lo scoprisse”. Questi scopi potenzialmente imbarazzanti includono l’utilizzo di un computer di lavoro per chattare e comunicare con un partner o amici, ricerche sul web su argomenti medici o “funzioni corporee potenzialmente imbarazzanti”. Altri usi elencati includono chat o messaggi con altri dipendenti (41%), “visita a siti web di candidature per lavoro” (40%) e ricerche sul web sulla loro vita romantica (37%).

I dipendenti hanno sottolineato l’importanza del software di monitoraggio

Il rapporto approfondisce anche gli stress e le ansie che questi strumenti di sorveglianza possono causare ai dipendenti. Ad esempio, il 59% dei dipendenti dichiara di “provare stress e / o ansia per il fatto che il proprio datore di lavoro sorveglia la propria attività online”. Altri fattori di stress principali includono le persone “che si chiedono costantemente se vengono osservate” (41%), che si sentono spinte a lavorare per orari di lavoro prolungati (36%) e che fanno pause meno frequenti (32%).

Quasi la metà dei dipendenti (43%) ritiene che il software di monitoraggio sia una “violazione della fiducia” e il 28% dei dipendenti afferma che questi strumenti li fanno sentire “non apprezzati”. Un quarto (26%) ha affermato che questi strumenti di monitoraggio li fanno “provare risentimento”.

Lavorare sugli strumenti di sorveglianza

Le persone stanno trovando modi per aggirare il software di monitoraggio, secondo il rapporto, e questo include l’implementazione di programmi anti-sorveglianza (31%) e la ricerca di “hack per falsificare attività online” (25%).

In futuro, il 59% dei datori di lavoro ha affermato che è piuttosto o molto propenso a incorporare software di sorveglianza e il 21% ha affermato che “difficilmente informerà” il proprio personale se utilizzasse queste capacità. Più della metà dei dipendenti ha affermato che probabilmente lascerà se la propria azienda e / o il capo utilizza “misure di sorveglianza” e un quarto accetterebbe una riduzione dello stipendio per evitare questi strumenti.

Metodologia

Il sondaggio si è svolto dal 15 al 21 aprile e ha coinvolto 2.000 datori di lavoro e 2.000 lavoratori completamente remoti o ibridi.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial