mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeFacebookI post di Facebook da fonti di disinformazione coinvolgono 6 volte di...

I post di Facebook da fonti di disinformazione coinvolgono 6 volte di più

Un nuovo studio sottoposto a revisione paritaria suggerisce che la disinformazione su Facebook riceve sei volte più attenzione rispetto ai post reali.

Come riportato per la prima volta dal Washington Post, lo studio, condotto da ricercatori della New York University (NYU) e dell’Université Grenoble Alpes, ha esaminato i post pubblicati da oltre 2.500 pagine Facebook da agosto 2020 a gennaio 2021.

Lo studio ha scoperto che i post di fonti note per aver diffuso disinformazione hanno ottenuto sei volte più Mi piace, condivisioni e interazioni sulla piattaforma rispetto ai post di fonti di notizie più affidabili.

Lo stesso studio ha rilevato che la disinformazione su entrambe le estremità dello spettro politico ottiene più coinvolgimento, ma gli editori di estrema destra pubblicano più disinformazione rispetto a quelli di estrema sinistra in generale.

Rispondendo allo studio, un portavoce di Facebook ha detto a Insider in una dichiarazione che il rapporto ha esaminato principalmente il modo in cui le persone interagiscono con i contenuti delle pagine Facebook, “che rappresenta una quantità molto piccola di tutti i contenuti” sulla piattaforma.

“Il coinvolgimento non deve essere confuso con quante persone lo vedono effettivamente su Facebook”, ha continuato la dichiarazione del portavoce. “Quando guardi il contenuto che ottiene la massima copertura su Facebook, non è affatto come suggerisce questo studio, come mostrato nel nostro report sui contenuti ampiamente visualizzato e negli studi sul set di dati di Social Science One condor”.

Facebook ha bloccato l’accesso dei ricercatori della NYU ai suoi dati il ​​mese scorso , sostenendo che il modo in cui stavano raccogliendo i dati era in conflitto con un accordo precedentemente raggiunto con la Federal Trade Commission. La FTC ha negato l’accordo ai ricercatori di blocco di Facebook.

Sebbene il blocco sia stato emanato contro uno studio separato condotto dai ricercatori della New York University sugli annunci politici, Laura Edelson, ricercatrice principale dello studio sulla disinformazione della New York University, ha detto alla CNN che aveva influenzato anche la sua ricerca.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial