sabato, Aprile 13, 2024

IDC: entro il 2027 l’AI si occuperà di SEO e content marketing

IDC: ENTRO IL 2027 L’AI SI OCCUPERÀ DI SEO E CONTENT MARKETING

Nell’ultimo anno si è molto parlato dei rischi dell’AI generativa (GenAI) e sulla possibilità che questa Tecnologia possa rubare il lavoro alle persone. Secondo IDC (International Data Corporation), entro il 2027, l’Intelligenza Artificiale verrà usata per effettuare circa il 30% dei compiti “più noiosi” del marketing. Tra questi vi è la SEO, l’ottimizzazione dei contenuti e dei siti web, l’analisi dei dati dei clienti, la segmentazione, il lead scoring e l’iper-personalizzazione. Uno studio condotto da IDC su un gruppo di Chief Marketing Officer dell’area Asia/Pacifico (Giappone escluso) ha mostrato che il 37,8% ha iniziato a implementare la GenAI già dall’anno scorso. Nel corso dei prossimi 12 mesi, il 51% dei partecipanti ha indicato che il proprio obiettivo aziendale principale è quello di migliorare la qualità del content marketing. Questo risultato potrebbe essere aggiunto più facilmente utilizzando l’intelligenza artificiale.

IDC: LE PREVISIONI PER IL FUTURO DELLA GENAI NEL MONDO DEL LAVORO

IDC ha presentato alcune previsioni sull’impatto dell’intelligenza artificiale sul marketing nei prossimi quattro anni circa. In primis vi è la Dynamic Journey Orchestration. Entro il 2028, la maggior parte delle aziende utilizzerà dati e intelligenza artificiale per automatizzare il 30% delle azioni nel percorso dell’acquirente attraverso il marketing e le vendite, passando al rilevamento e offrendo dinamicamente “l’avventura” scelta dall’acquirente. In secondo luogo, entro il 2027, la GenAI assumerà il 30% delle attività standard del marketing tradizionale come la già citata SEO. Inoltre, entro il 2026 oltre il 50% dei consumatori utilizzerà l’intelligenza artificiale attraverso dispositivi mobili per scoprire, valutare e acquistare la maggior parte dei prodotti e servizi desiderati. Infine, sempre entro il 2026, l’AI spingerà il 50% delle grandi aziende a condurre tutti i percorsi di marketing come conversazioni bidirezionali in tempo reale, migliorando i lead per le conversioni di acquisto del 40%.

APPLICAZIONI ATTUALI DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE NEL MARKETING

L’impiego sempre più diffuso dell’intelligenza artificiale nel marketing è un tema caldo che sta suscitando l’interesse di aziende e esperti del settore. Gli ambiti di impiego sono molteplici e promettono benefici importanti in termini di efficienza, efficacia e redditività. Tra i principali utilizzi attuali dell’AI nel marketing troviamo:
– Ottimizzazione della SEO: l’AI viene utilizzata per analizzare dati e individuare le parole chiave più performanti, migliorando la visibilità dei siti web sui Motori di ricerca.
– Personalizzazione dei contenuti: l’AI è in grado di analizzare il comportamento degli utenti e generare contenuti personalizzati in base alle loro preferenze e abitudini.
– Analisi dei dati dei clienti: l’intelligenza artificiale consente di analizzare grandi quantità di dati in tempo reale, individuando pattern, trend e insight utili per le strategie di marketing.
– Automazione delle campagne pubblicitarie: l’AI può gestire in maniera automatica l’ottimizzazione delle campagne pubblicitarie, selezionando i target migliori e massimizzando il ritorno sull’investimento.
– Lead scoring: l’AI consente di valutare automaticamente la qualità dei lead in base a diversi parametri, identificando quali sono più propensi all’acquisto.
– Analisi della concorrenza: grazie all’impiego di algoritmi avanzati, l’AI è in grado di monitorare costantemente le strategie e le performance della concorrenza, fornendo informazioni preziose per migliorare le proprie strategie.
– Previzione delle tendenze di mercato: l’AI analizza i dati provenienti da diverse fonti per individuare le tendenze emergenti e prevedere i futuri cambiamenti di mercato.

I VANTAGGI DELLA GENAI NEL MARKETING

L’intelligenza artificiale generativa offre numerosi vantaggi nel campo del marketing, consentendo di migliorare l’efficacia delle strategie digitali e di ottimizzare i processi operativi. Di seguito sono elencati alcuni dei principali benefici derivanti dall’utilizzo della GenAI:
– Personalizzazione dei contenuti: grazie all’analisi dei dati e alla generazione di contenuti su misura, l’AI permette di creare esperienze utente altamente personalizzate, aumentando l’engagement e la fidelizzazione.
– Ottimizzazione della SEO: l’AI è in grado di individuare le migliori strategie di ottimizzazione per i motori di ricerca, migliorando la visibilità online e aumentando il traffico qualificato verso i siti web.
– Automazione delle attività ripetitive: l’intelligenza artificiale può gestire in maniera efficiente e accurata compiti noiosi e ripetitivi, liberando tempo e risorse umane per attività più strategiche e creative.
– Analisi predittiva: l’AI consente di prevedere con precisione il comportamento degli utenti e le tendenze di mercato, fornendo informazioni cruciali per l’elaborazione di strategie vincenti.
– Miglioramento delle performance pubblicitarie: l’AI ottimizza la distribuzione degli annunci pubblicitari, massimizzando il ritorno sull’investimento e migliorando il targeting degli utenti.

LE SFIDE DELL’IMPATTO DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE NEL MARKETING

Nonostante i numerosi vantaggi offerti, l’impiego dell’intelligenza artificiale nel marketing presenta anche alcune sfide e criticità da affrontare. Alcuni degli aspetti critici da considerare includono:
– Privacy e Sicurezza dei dati: l’utilizzo massiccio di dati sensibili e l’analisi predittiva sollevano importanti questioni legate alla privacy e alla sicurezza degli utenti.
– Accuratezza e interpretazione dei dati: l’efficacia dell’AI dipende dalla qualità e dall’interpretazione corretta dei dati, che devono essere costantemente monitorati e verificati.
– Etica nell’utilizzo dell’AI: l’elaborazione automatica dei dati solleva dubbi etici legati alla manipolazione delle informazioni personali e al rischio di discriminazione.
– Dipendenza tecnologica: un utilizzo eccessivo dell’intelligenza artificiale potrebbe portare a una dipendenza tecnologica e a una riduzione della creatività e dell’intuizione umana.
– Formazione e aggiornamento professionale: l’introduzione dell’AI richiede una costante formazione e aggiornamento delle competenze dei professionisti del settore, per poter sfruttare appieno le potenzialità della tecnologia.

CONCLUSIONE

L’impatto dell’intelligenza artificiale nel marketing è evidente e in continuo sviluppo, offrendo opportunità significative per migliorare l’efficacia delle strategie digitali e ottimizzare i processi operativi. L’utilizzo della GenAI si sta diffondendo sempre di più e entro pochi anni promette di rivoluzionare radicalmente il modo in cui vengono concepite e implementate le strategie di marketing. Tuttavia, è fondamentale affrontare con consapevolezza le sfide e le criticità legate all’impiego dell’AI, garantendo un utilizzo etico, responsabile e sostenibile della tecnologia al servizio delle persone e delle imprese.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: