mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieIl 1° novembre entra in vigore il Digital Markets Act dell'Unione Europea

Il 1° novembre entra in vigore il Digital Markets Act dell’Unione Europea

Domani entrerà in vigore una legge che cambierà per sempre Internet e renderà molto più difficile essere un gigante della tecnologia. Il 1° novembre entrerà in vigore il Digital Markets Act dell’Unione Europea, che darà inizio a un processo che dovrebbe costringere Amazon, Google e Meta a rendere le loro piattaforme più aperte e interoperabili nel 2023.

Ciò potrebbe apportare importanti cambiamenti a ciò che le persone possono fare con i loro dispositivi e app, in un nuovo promemoria che l’Europa ha regolamentato le aziende tecnologiche molto più attivamente degli Stati Uniti.”Prevediamo che le conseguenze saranno significative”, afferma Gerard de Graaf, un veterano funzionario dell’UE che ha contribuito a superare il DMA all’inizio di quest’anno. Il mese scorso è diventato direttore di un nuovo ufficio dell’UE a San Francisco, istituito in parte per spiegare le conseguenze della legge alle aziende Big Tech. De Graaf dice che saranno costretti ad aprire i loro giardini recintati.

“Se hai un iPhone, dovresti essere in grado di scaricare app non solo dall’App Store, ma da altri app store o da Internet”, dice de Graaf in una sala conferenze con accenti verde smeraldo del consolato irlandese di San Francisco , dove si trova inizialmente l’ufficio dell’UE. Il DMA richiede che le piattaforme dominanti facciano entrare concorrenti più piccoli e potrebbe anche costringere WhatsApp di Meta a ricevere messaggi da app concorrenti come Signal o Telegram, o impedire ad Amazon, Apple e Google di preferire le proprie app e servizi.

Sebbene il DMA entri in vigore la prossima settimana, le piattaforme tecnologiche non devono conformarsi immediatamente. L’UE deve prima decidere quali aziende sono abbastanza grandi e radicate per essere classificate come “gatekeeper” soggette alle regole più severe. De Graaf prevede che circa una dozzina di società faranno parte di quel gruppo, che sarà annunciato in primavera. Quei guardiani avranno quindi sei mesi per diventare conformi.

De Graaf ha previsto un’ondata di cause legali che sfidano le nuove regole europee per Big Tech, ma dice di essere in California per aiutare a chiarire ai giganti della Silicon Valley che le regole sono cambiate. L’UE ha precedentemente imposto grosse multe a Google, Apple e altri attraverso indagini antitrust, un meccanismo che pone l’onere della prova sui burocrati, afferma. Sotto DMA, l’onere è che l’azienda si allinei. “Il messaggio chiave è che i negoziati sono finiti, siamo in una situazione di conformità”, afferma de Graaf. “Potrebbe non piacerti, ma è così.”

Come la legge sulla privacy digitale dell’UE, GDPR , la DMA dovrebbe portare a cambiamenti nel modo in cui le piattaforme tecnologiche servono persone oltre i 400 milioni di utenti Internet dell’UE, perché alcuni dettagli di conformità saranno implementati più facilmente a livello globale.

Le aziende tecnologiche dovranno presto anche fare i conti con una seconda legge radicale dell’UE, il Digital Services Act , che richiede valutazioni del rischio di alcuni algoritmi e rivelazioni sul processo decisionale automatizzato e potrebbe costringere le app social come TikTok ad aprire i propri dati a un controllo esterno . La legge dovrà inoltre essere attuata in più fasi, con le piattaforme online più grandi che dovrebbero conformarsi a metà del 2024. L’UE sta inoltre valutando l’approvazione di norme specifiche per l’intelligenza artificiale , che potrebbero vietare alcuni casi d’uso della tecnologia.

De Graaf sostiene che sono necessarie regole più severe per i giganti della tecnologia non solo per aiutare a proteggere le persone e altre aziende dalle pratiche sleali, ma per consentire alla società di ricevere tutti i vantaggi della tecnologia. È stato critico nei confronti di una Carta dei diritti AI non vincolante recentemente pubblicata dalla Casa Bianca , affermando che la mancanza di una regolamentazione ferma può minare la fiducia del pubblico nella tecnologia. “Se i nostri cittadini perdono fiducia nell’IA perché credono che li discrimini e porti a risultati dannosi per le loro vite”, dice, “eviteranno l’IA e non avrà mai successo”.

Il nuovo ufficio dell’UE è stato aperto dopo le recenti mosse del blocco e degli Stati Uniti per collaborare maggiormente sulla politica tecnologica. De Graaf afferma che entrambe le parti sono interessate a trovare modi per affrontare la carenza di chip e i modi in cui i governi autoritari possono sfruttare la tecnologia e Internet.

Sta anche programmando un viaggio a Sacramento per incontrare i legislatori dello stato della California che, secondo lui, sono stati pionieri nella lotta contro Big Tech. Il mese scorso hanno approvato un disegno di legge che richiede rigorose impostazioni di privacy predefinite per i bambini e controlli su come le aziende utilizzano i dati che raccolgono sui bambini. Negli ultimi anni il Congresso degli Stati Uniti ha approvato una legislazione relativamente ridotta che interessa l’industria tecnologica, a parte il CHIPS e il Science Act da 52 miliardi di dollari a sostegno della produzione di semiconduttori a luglio .

Marlena Wisniak, che guida il lavoro sulla tecnologia presso il gruppo per le libertà civili del Centro europeo per la legge senza fini di lucro, considera la nuova presenza dell’UE nel cortile di casa dell’industria tecnologica come una nuova prova che è seriamente intenzionata a plasmare la politica tecnologica a livello globale. Dice che de Graaf dovrebbe usare parte di quel potere a beneficio delle persone che fanno affidamento su piattaforme Big Tech al di fuori degli Stati Uniti e dell’UE, che sono raramente rappresentate nella diplomazia tecnologica.

Wisniak spera anche che gli emissari digitali dell’UE possano evitare di cadere nelle trappole che hanno fatto deragliare i piani di alcuni precedenti nuovi arrivati ​​nella Silicon Valley, un luogo con molti più dirigenti, imprenditori e investitori che esperti di politiche. “Spero che i responsabili politici dell’UE non rimangano abbagliati dal clamore tecnologico”, afferma. “La narrativa del fratello tecnico è reale.”

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial