HomeMotoriIl blocco mentale che ci impedisce di acquistare auto elettriche

Il blocco mentale che ci impedisce di acquistare auto elettriche

In un certo senso, i veicoli elettrici sono ovunque in questi giorni: con i prezzi del gas in aumento e gli avvisi sul clima che diventano più urgenti, molti conducenti cercano online veicoli elettrici; le principali case automobilistiche come Ford hanno rilasciato versioni elettriche dei loro modelli classici; e diversi stati hanno introdotto sconti EV . Con tutti quegli incentivi in ​​atto, forse è un po’ sorprendente che, in realtà, meno dell’1% di tutti i veicoli negli Stati Uniti siano elettrici.

Ora, i ricercatori dell’Università di Ginevra affermano di aver identificato una potenziale ragione: il pregiudizio cognitivo.

“Finora le iniziative legate alla transizione energetica si sono concentrate generalmente sugli ostacoli tecnologici e finanziari alla loro realizzazione. I fattori psicologici sono stati tenuti in scarsa considerazione”, ha affermato Mario Herzberz, uno dei ricercatori. “Molti studi dimostrano che gli individui non adottano automaticamente i comportamenti più vantaggiosi per se stessi o per la società, spesso a causa della mancanza di accesso a informazioni complete”.

Herzberz e i suoi colleghi hanno condotto il loro studio , pubblicato la scorsa settimana sulla rivista Nature Energy, contattando quasi 900 persone divise in modo più o meno uniforme tra Germania e Stati Uniti sulla loro percezione dei veicoli elettrici. Hanno chiesto a ciascuna persona quanto spesso effettuano viaggi di diverse distanze, quindi hanno chiesto loro di quanto chilometraggio pensavano di aver bisogno di una batteria per veicoli elettrici per completare ogni attività. I ricercatori hanno scoperto che gli intervistati hanno significativamente sottostimato, fino al 30%, quante delle loro attività quotidiane potrebbe supportare un veicolo elettrico.

Allora perché così tanti intervistati pensavano erroneamente che i veicoli elettrici non potessero percorrere le distanze che richiedevano regolarmente? I ricercatori hanno teorizzato che potrebbe avere a che fare con la tendenza degli esseri umani a ricordare i grandi eventi invece di quelli banali. Ad esempio, un potenziale acquirente di auto potrebbe misurare un’utilità di veicoli elettrici rispetto a un recente viaggio su strada attraverso il paese anziché ai loro viaggi di routine al negozio di alimentari. Non importava che il viaggio attraverso il paese fosse un evento raro; i consumatori erano psicologicamente pronti a concludere che un veicolo elettrico non poteva soddisfare le loro esigenze di trasporto.

Per mettere sulla stessa pagina consumatori e sostenitori delle auto elettriche, i ricercatori hanno suggerito di cercare un “intervento di compatibilità” anziché fare affidamento su un argomento finanziario. I programmi per incoraggiare le vendite di veicoli elettrici spesso ruotano attorno al prezzo, riducendo il prezzo dei veicoli elettrici o mostrando ai potenziali acquirenti quanto potrebbero risparmiare nel corso della vita del veicolo. Un intervento di compatibilità, al contrario, si concentra sul fatto che un veicolo elettrico possa adattarsi allo stile di vita di un individuo.

Una volta fornito un intervento di compatibilità agli intervistati, le loro opinioni sui veicoli elettrici sono cambiate radicalmente. Un test ha rilevato che gli intervistati americani erano disposti a spendere oltre $ 2.000 in più per i veicoli elettrici una volta ricevuto un intervento di compatibilità. Questo cambiamento di percezione è stato ancora più pronunciato tra i proprietari di auto che spendono di più per le loro attuali auto a gas. Quelli con costi mensili dell’auto di $ 1.250 erano disposti a pagare quasi il doppio di un veicolo elettrico rispetto a quelli che pagavano $ 750 in pagamenti mensili.

Questo non vuol dire che gli interventi finanziari non siano importanti anche per facilitare l’adozione dei veicoli elettrici. Anche se le batterie sono diventate più economiche, il costo di acquisto di una nuova auto elettrica negli Stati Uniti è salito alle stelle negli ultimi anni. Inoltre, molti degli incentivi fiscali rispettosi del clima messi in atto per incoraggiare le persone a scegliere i veicoli elettrici rispetto ai consumatori di gas non vanno necessariamente a vantaggio degli acquirenti a basso reddito.

I risultati di questo studio parlano della necessità di affrontare le paure e le idee sbagliate dei consumatori sull’adozione dei veicoli elettrici. In caso contrario, i vantaggi climatici dei veicoli elettrici potrebbero essere limitati o addirittura ridotti. Le preoccupazioni dei consumatori per le batterie dei veicoli elettrici che si esauriscono a metà viaggio hanno incoraggiato i produttori di batterie a prendere in considerazione la possibilità di realizzare batterie più grandi con una carica maggiore . Batterie più grandi e più pesanti costano finanziariamente di più per il trasporto, contribuendo anche a maggiori emissioni di trasporto. Inoltre, batterie più grandi richiedono più cobalto e litio. Il processo di estrazione di questi metalli preziosi è ad alta intensità di carbonio e ha anche portato a conflitti e preoccupazioni ambientali nelle comunità in cui vengono estratti questi metalli.

Mostrando agli acquirenti di automobili che possono completare la maggior parte delle loro attività con le dimensioni e la carica delle batterie attuali, questi ricercatori sperano di dimostrare che batterie più grandi non sono una parte fondamentale della transizione energetica.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial