sabato, Marzo 2, 2024

Il CEO di Take-Two riflette sul futuro dei videogiochi su supporto fisico

IL FUTURO DEI Videogiochi: ADDIO AL SUPPORTO FISICO?

La discussione sui possibili scenari futuri del mercato videoludico continua a tenere banco, con sempre più aziende del settore che si esprimono sul peso crescente del digital delivery e sul destino del supporto fisico per i videogiochi. A rilanciare il dibattito è Strauss Zelnick, CEO di Take-Two, che riflette sul futuro del mercato retail e su come questo possa essere influenzato dalla crescente prevalenza del formato digitale.

IL COMMENTO DI STRAUSS ZELNICK

Durante la presentazione dei risultati trimestrali di Take-Two, Zelnick è stato interpellato dai giornalisti di IGN.com sul tema del mercato retail e della sua possibile scomparsa in favore del digital delivery. Il CEO ha affrontato l’argomento con chiarezza, sottolineando che, nonostante la crescita inarrestabile del mercato digitale, è convinto che ci sarà ancora spazio per un mercato di videogiochi su supporto fisico. Zelnick ha sottolineato che il mercato retail continua ad essere una parte importante del business e che Take-Two sarà sempre pronta a sostenere questo mercato se avrà senso farlo, basando le proprie scelte sulle esigenze e le preferenze dei consumatori.

LA POSIZIONE DI TAKE-TWO

Il CEO di Take-Two ha chiarito che l’azienda orienta le proprie decisioni in funzione delle esigenze degli utenti, e che non prende decisioni basate su opinioni o previsioni di mercato. Zelnick ha spiegato che, nonostante la relativa facilità e convenienza del digital delivery, ci sono ancora vantaggi nel supporto fisico, come la possibilità di gestire correttamente le scorte e il volume di produzione. Sebbene la distribuzione fisica possa comportare delle sfide, Zelnick ha sottolineato che queste possono essere affrontate in modo efficace, soprattutto per chi è in grado di gestire in maniera efficiente la produzione e la distribuzione fisica dei giochi.

IL COSTO DEI VIDEOGIOCHI

In passato, Zelnick ha anche espresso la sua opinione sul prezzo dei videogiochi, sottolineando che secondo lui costano troppo poco per quello che offrono. Questa dichiarazione potrebbe essere legata al dibattito sull’equilibrio tra il costo del supporto fisico e il valore del prodotto da parte dei consumatori. È evidente che l’azienda vede il prezzo come un altro elemento da considerare nel contesto del rapporto tra supporto fisico e digitale.

CONCLUSIONE

Dalla discussione portata avanti da Ubisoft e ora integrata dal CEO di Take-Two emerge chiaramente che il futuro del mercato dei videogiochi è ancora in evoluzione. Nonostante la crescita esponenziale del digital delivery, sembra che il supporto fisico abbia ancora un ruolo da svolgere nel panorama videoludico. Tuttavia, le aziende dovranno essere pronte a confrontarsi con le sfide della distribuzione fisica e a trovare nuovi modi per bilanciare le esigenze dei consumatori con le opportunità offerte dal formato digitale. Il dibattito è ancora aperto, ma è chiaro che il futuro dei videogiochi sarà influenzato in maniera significativa dalla discussione sul supporto fisico e digitale.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: