lunedì, Novembre 28, 2022
HomeCuriositàIl colore blu è l'ultima vittima della crisi della catena di approvvigionamento

Il colore blu è l’ultima vittima della crisi della catena di approvvigionamento

I produttori stanno esaurendo le forniture necessarie per realizzare sfumature di vernice blu, l’ultimo bene ad essere colpito dalla crisi della catena di approvvigionamento in corso .

“Per fare la vernice avresti bisogno tra 50 e 60 ingredienti”, ha spiegato un portavoce del produttore di vernici olandese Akzo Nobel in una dichiarazione a Insider. “Alcuni additivi sono difficili da ottenere.”

Il costo delle materie prime e di altre variabili necessarie per realizzare la vernice è aumentato di oltre 323 milioni di dollari rispetto al 2020, secondo i risultati del terzo trimestre dell’azienda . I prezzi di Akzo Nobel sono aumentati del 9% nell’ultimo anno.

“Durante il terzo trimestre, come previsto, livelli straordinari di costi delle materie prime e interruzioni della fornitura hanno avuto un impatto sulla nostra attività”, ha affermato Thierry Vanlancker, CEO di Akzo Nobel. “Come abbiamo già indicato, è probabile che i venti contrari ci accompagnino nel 2022. ”

Il problema sta causando “il caos completo” per l’azienda, ha affermato Vanlancker, secondo Bloomberg .

La società prevede che la disponibilità di additivi ritorni alla normalità in sei-nove mesi, ha detto Akzo Nobel a Insider. Akzo Nobel non vede una ragione per cui ci sarebbe uno squilibrio duraturo tra domanda e offerta.

Altri produttori di vernici come Sherwin-Williams stanno incontrando venti contrari simili mentre combattono le carenze legate alla catena di approvvigionamento. Sherwin-Williams ha detto agli investitori a settembre che la società sta affrontando una carenza di materie prime e che sta aumentando il costo complessivo per produrre vernice, secondo CNN Business . L’amministratore delegato di Sherwin-Williams, John Morikis, prevede che i prezzi saliranno per un po’, secondo quanto riportato dalla CNN.

“Le azioni che stiamo intraprendendo dicono che ci aspettiamo che siano a lungo termine piuttosto che a breve termine”, ha detto Morikis in una telefonata con gli investitori, secondo la CNN.

L’attuale crisi della catena di approvvigionamento è il risultato delle interruzioni causate dalla pandemia di COVID-19 abbinate a un boom della domanda . La carenza di lavoratori, attrezzature, materie prime e spazio ha solo esacerbato una situazione già disastrosa. Gli esperti prevedono che  le interruzioni continueranno anche nel 2023, nonostante gli  sforzi del governo per mitigare il problema.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial