HomeAmazonIl coronavirus colpisce il cuore operativo di Amazon: la sua macchina per...

Il coronavirus colpisce il cuore operativo di Amazon: la sua macchina per le consegne

Almeno cinque lavoratori presso i magazzini Amazon.com Inc. in Europa hanno contratto il coronavirus, uno sviluppo che fa riflettere per una società che sta già lottando per far fronte a un picco di ordini di generi alimentari e casalinghi da parte di clienti che si rannicchiano a casa.

Casi di Covid-19, la malattia causata dal coronavirus, sono comparsi nei magazzini di Amazon in Spagna e in Italia, due paesi duramente colpiti dalla diffusione della malattia. In entrambe le nazioni, la società ha optato per mantenere aperte le tre strutture, suscitando critiche da parte dei sindacati che Amazon sta mettendo le vendite davanti alla sicurezza dei lavoratori; lunedì i lavoratori del principale hub logistico italiano di Amazon a Castel San Giovanni hanno chiesto uno sciopero.

Nel frattempo, negli Stati Uniti, il più grande rivenditore online del mondo sta lottando per reclutare un numero sufficiente di persone per raccogliere, imballare e consegnare l’ondata di ordini – e lunedì ha annunciato piani per assumere 100.000 lavoratori e aumentare la retribuzione negli Stati Uniti e in Canada di $ 2 all’ora fino ad aprile.

Amazon è intrappolata in una morsa scomoda: da un lato, la società fornisce un’ancora di salvezza – alcuni direbbero addirittura un servizio essenziale – agli acquirenti che preferirebbero non sfidare il loro supermercato locale. Dall’altro, il proseguimento delle operazioni rischia la salute e la vita dei membri più pagati della forza lavoro di Amazon, dei magazzinieri e dei conducenti che non sono in grado di lavorare da casa come i loro colleghi aziendali.

corrieri magazini amazon coronavirus

Amazon deve prendere in considerazione la chiusura delle strutture e il rallentamento del ritmo delle consegne per proteggere i lavoratori, nonché la sua immagine pubblica, ha affermato Alex Colvin, Decano della School of Industrial and Labour Relations della University of Cornell University. “Se un lavoratore in una struttura di Amazon che consegna generi alimentari alle persone si ammala con Covid-19, ciò potrebbe davvero scuotere la fiducia del pubblico”, ha detto.

Quei rischi stanno già diventando chiari. Alla fine del mese scorso, un dipendente della struttura di Castel San Giovanni è risultato positivo al coronavirus, secondo tre persone che hanno familiarità con la questione. Un secondo lavoratore è risultato positivo nei giorni seguenti, ha detto la gente, che ha chiesto di non essere nominata perché le informazioni non sono pubbliche.

In Spagna, tre impiegati in due magazzini – a Barcellona e vicino a Madrid – sono risultati positivi per Covid-19, ha detto a Bloomberg un rappresentante sindacale locale. La società ha detto ai dipendenti che le strutture sarebbero rimaste aperte, a causa dell’obiezione dei gruppi di lavoro. I casi sono stati segnalati in precedenza dal sito di notizie La Informacion.

La società ha offerto due settimane di indennità di malattia ai lavoratori con diagnosi di malattia o messi in quarantena e afferma che i dipendenti del magazzino possono prendersi una pausa non retribuita fino alla fine del mese senza rischio di risoluzione. Amazon ha anche creato $ 25 milioni fondo da per compensare il personale e gli appaltatori che affrontano difficoltà a causa della pandemia.

Amazon ha centinaia di magazzini, centri di smistamento e altre strutture logistiche negli Stati Uniti. I consulenti di logistica e gli ex dipendenti di Amazon hanno familiarità con la stima della rete secondo cui Amazon potrebbe resistere alla chiusura temporanea di uno o due edifici indirizzando automaticamente gli ordini verso altre località. La società utilizza una versione di quel piano quando i magazzini sono sopraffatti dagli ordini durante l’alta stagione dello shopping natalizio, trasferendoli dalla struttura sovraccarica ad altri vicini fino a quando l’arretrato non viene eliminato. Amazon ha anche utilizzato il sistema per mantenere attive le operazioni in caso di catastrofi naturali come inondazioni e tornado.

Ma diverse strutture che vanno offline contemporaneamente non avrebbero precedenti e potrebbero seriamente ostacolare la capacità di Amazon di indirizzare gli ordini negli Stati Uniti, dicono le persone. Nei paesi europei in cui Amazon ha meno depositi, l’impatto di una singola chiusura in risposta a un focolaio di coronavirus sarebbe maggiore.

Lungi dal chiudere, ci sono segni che la società sta freneticamente cercando di assumere più lavoratori. Le offerte di lavoro nell’unità logistica e operativa di Amazon sono più che triplicate questo mese. Amazon ha dichiarato alle compagnie di consegna di essere pronte a sostenere un aumento della domanda. E la società offre straordinari e bonus in città negli Stati Uniti per invogliare le persone a fare la spesa. Tutto sommato, Amazon ha in programma di assumere altri 100.000 dipendenti a tempo pieno e temporanei negli Stati Uniti, ha dichiarato lunedì Dave Clark, capo della logistica di Amazon. “Stiamo assistendo a un aumento significativo della domanda, il che significa che le nostre esigenze di lavoro non hanno precedenti per questo periodo dell’anno”.

Amazon, ha detto un  lavoratore, aveva affisso cartelli che ricordavano ai dipendenti di lavarsi le mani e di creare stazioni sanitizzanti per le mani extra, ma non aveva preso provvedimenti come lo screening dei dipendenti che si recavano o scoraggiava le persone dal radunarsi nelle stanze delle pause o le lunghe file talvolta per entrare o uscire dalla struttura.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial