HomeMetaversoIl fondatore di Second Life torna per rinnovare il suo metaverso originale

Il fondatore di Second Life torna per rinnovare il suo metaverso originale

Il metaverso non è un nuovo concetto. Non solo Neal Stephenson ha coniato l’idea nel 1992, ma alcuni di noi vivevano letteralmente in spazi virtuali con valuta virtuale e vetrine virtuali quasi 20 anni fa.

Il luogo virtuale in cui molte persone sono andate all’epoca era Second Life. Philip Rosedale, il fondatore di Second Life, ha deciso di incaricare un team centrale di lavorare sull’evoluzione di Second Life, ora che il metaverso è tornato ad essere una parola d’ordine . Le sue speranze sono che lo sviluppo di mondi incentrati sulla comunità come Second Life risolva alcuni problemi del metaverso che non vengono necessariamente risolti nei visori VR… per il momento.

Dopo Second Life, Rosedale si è concentrata sulla tecnologia VR nel 2013, co-fondando una società chiamata High Fidelity che prometteva VR di fascia alta e bassa latenza. Ma High Fidelity ha iniziato a passare dalla realtà virtuale ad altre tecnologie negli ultimi anni, concentrandosi più recentemente sull’audio spaziale. Nel 2019, Rosedale ha pubblicato una sorta di addio alla realtà virtuale , affermando che la realtà virtuale non aveva raggiunto una forma abbastanza buona da essere utilizzata dalla maggior parte delle persone. Parlando con lui su Google Meet nel 2022, si sente ancora così, definendo i visori VR una benda sul mondo reale che solo alcune persone si sentono abbastanza a proprio agio da usare.

Rosedale pensa che le cuffie VR potrebbero colpire un momento iPhone, ma forse non per altri pochi anni. Nel frattempo, sta spostando l’attenzione su una piattaforma metaverse che non richiede cuffie: ovvero Second Life. Non è l’unica persona a sentirsi in questo modo: anche le società di software VR/AR come Spatial si sono recentemente allontanate dai visori VR per raggiungere più persone. In molti modi, questo è già il passo multipiattaforma alla base delle recenti mosse del metaverso di Microsoft e Meta .

sl-orgoglio

Rosedale sarà un “consigliere strategico” per Second Life, mentre la sua compagnia High Fidelity cerca di infondere in Second Life alcune nuove idee, lavorando contemporaneamente su altre idee per la tecnologia futura, inclusa, ad un certo punto, di nuovo la VR. “Stiamo annunciando che abbiamo spostato un gruppo di sette persone, alcuni brevetti, un po’ di soldi. Stiamo investendo in Second Life, per continuare a lavorare su Second Life”, mi ha detto Rosedale. “Due di questi brevetti sono brevetti di moderazione in un ambiente decentralizzato, il che è davvero fantastico”.

Il motivo del cambiamento è che Second Life fa ancora soldi e ha ancora una comunità considerevolmente più ampia rispetto alla maggior parte delle piattaforme VR: ha avuto oltre 73 milioni di account creati da quando è stato lanciato e le stime degli utenti attivi si aggirano intorno ai 900.000 . Rosedale vede il cambiamento come una soluzione ai problemi mentre l’hardware VR viene ancora pensato.

Nonostante l’apparente successo di Oculus Quest 2 , continua a non pensare che sia abbastanza. “L’auricolare è così rotto che ci vorranno effettivamente, credo, cinque anni per arrivare a qualcosa di buono”, dice, “e noi come startup non sopravviveremmo, né avrebbe senso per noi sederci per cinque anni.” Vede costruire Second Life come una piattaforma migliore che sarà opzionale per la realtà virtuale fino all’arrivo di quell’hardware magicamente perfetto.

“Penso che crescerà dalla linea di base di qualcosa che assomiglia vagamente a Second Life, risolve questi problemi di governance di scalabilità e poi le persone diranno: ‘Oh, mio ​​Dio, sai, per ancora di più, puoi mettere le cuffie su'”, dice Rosedale.

Riconosce che anche i migliori spazi della comunità virtuale sono ancora piuttosto limitati ora, incluso Second Life. “Puoi avere circa 100 persone in un posto contemporaneamente in Second Life. Non è abbastanza, ma è più di tutti gli altri ragazzi in termini di persone in piedi”. Rosedale vuole che Second Life sia ancora più decentralizzato, ma dice che è un delicato equilibrio da fare.

Cosa significa questo per Second Life? Difficile da dire. L’audio spaziale potrebbe essere nel mix, ma anche animazioni avatar più avanzate che utilizzano il tracciamento facciale con le telecamere: “Usare la webcam per animare un avatar, è una via di mezzo davvero interessante”, afferma. “Non abbastanza persone guardano quello spazio, è quello su cui ho passato molto tempo a pensare”. Rosedale sta anche valutando come Second Life potrebbe eventualmente funzionare sui telefoni.

Per quanto riguarda Second Life che abbraccia idee del nuovo metaverso come NFT e una sorta di contenuto interoperabile, Rosedale rimane scettico. “Vuoi prendere una Ferrari da Grand Theft Auto e portarla a Fortnite o Among Us?” chiede, riferendosi a come il rilascio casuale di contenuti in altre esperienze rompa il quarto muro delle esperienze immersive in modo negativo. “A breve termine, tra i giochi, l’idea di interoperabilità dei contenuti è una di queste cose che solo un marchio potrebbe amare”. Second Life ha già una propria valuta, che Rosedale considera stabile, così come una propria economia.

“L’interoperabilità dei contenuti deve essere presente affinché l’intera faccenda decolli. Come modo per collegare ulteriormente i giochi tra loro, è un totale fallimento. L’idea a breve termine è stupida. L’idea a lungo termine è totalmente corretta. Ed è convalidato da cose come Roblox e Second Life, dove c’è un bazillion di contenuti che le persone hanno spostato da un posto all’altro”.

Rosedale vede i contenuti vendibili di Second Life come, in un certo senso, come gli NFT. Ma riconosce anche molta concorrenza per i luoghi virtuali: Roblox e VRChat, che considera gli esempi di competizione di maggior successo, e ovviamente molti altri.

“Ci sono 375 milioni di cose vendute all’anno in Second Life a circa due dollari l’una. Quindi sono circa 650 milioni di dollari all’anno in transazioni. Sono tutti NFT, in pratica, l’idea centrale di consentire alle risorse digitali di essere contrassegnate e consentire loro di essere scambiabile e condivisibile. Diventerà sempre più grande. Ma prima dobbiamo rispondere alla domanda, perché dovrei essere lì? Perché sto usando quello spazio? Dobbiamo arrivare a questo.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial