domenica, Novembre 27, 2022
HomeMotoriIl governo olandese afferma di poter decifrare i dati di guida nascosti...

Il governo olandese afferma di poter decifrare i dati di guida nascosti di Tesla

Secondo un laboratorio forense gestito dal governo olandese, i dati di guida di Tesla sono stati decifrati per la prima volta. L’Istituto forense olandese (NFI) ha dichiarato di aver scoperto una grande quantità di informazioni sul pilota automatico di Tesla , insieme a dati su velocità, posizioni del pedale dell’acceleratore, angolo del volante e altro ancora. I risultati consentiranno al governo di “richiedere dati più mirati” per aiutare a determinare la causa degli incidenti, hanno affermato gli investigatori.

I ricercatori sapevano già che i veicoli Tesla crittografano e archiviano i dati relativi agli incidenti, ma non quali dati e quanto. Pertanto, hanno decodificato il sistema e sono riusciti a “ottenere dati dai modelli S, Y, X e 3”, che hanno descritto in un documento presentato a una conferenza sull’analisi degli incidenti.

Questi dati contengono una grande quantità di informazioni per investigatori forensi e analisti di incidenti stradali e possono aiutare con un’indagine penale dopo un incidente stradale mortale o un incidente con lesioni.

Sapendo come decifrare l’archiviazione, l’NFI ha effettuato dei test con una Tesla Model S in modo da poter confrontare i registri con i dati del mondo reale. Ha scoperto che i registri del veicolo erano “molto precisi”, con deviazioni inferiori a 1 km/h (circa 0,6 MPH).

L’NSI ha anche analizzato diversi incidenti utilizzando i dati grezzi acquisiti. In un caso, una Tesla con il pilota automatico si è scontrata con un’auto davanti che ha improvvisamente frenato. Normalmente, se l’autopilota non frena in tempo, il conducente dovrebbe prendere il sopravvento.

“In questo caso, l’indagine ha dimostrato che l’autista è effettivamente intervenuto e anche nei tempi di risposta previsti”, ha affermato il ricercatore Aart Spek. “Il fatto che si sia rivelata una collisione è dovuto al fatto che la distanza seguente [scelta da Autopilot] era troppo stretta nella situazione del traffico intenso. Ciò lo rende interessante, perché chi è responsabile della distanza seguente: l’auto o il conducente? ”

In passato era possibile estrarre i dati del pilota automatico dai veicoli elettrici Tesla, ma ora sono crittografati nei modelli recenti, hanno affermato gli investigatori. Tesla crittografa i dati per una buona ragione, hanno riconosciuto, inclusa la protezione del proprio IP da altri produttori e la tutela della privacy di un conducente. Ha inoltre osservato che la società fornisce dati specifici alle autorità e agli investigatori se richiesto.

Tuttavia, il team ha affermato che i dati aggiuntivi estratti consentirebbero indagini più dettagliate sugli incidenti, “in particolare sul ruolo dei sistemi di assistenza alla guida”. Ha aggiunto che sarebbe ideale sapere se altri produttori conservano lo stesso livello di dettaglio per lunghi periodi di tempo. “Se sapessimo meglio quali dati archiviano tutte le case automobilistiche, potremmo anche presentare reclami più mirati attraverso i tribunali o il pubblico ministero”, ha affermato l’investigatore NFI Frances Hoogendijk. “E alla fine questo serve all’interesse di trovare la verità dopo un incidente”.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial