Martedì Apple ha rivelato il processore del suo iPhone 13, l’A15 Bionic, un chip con 15 miliardi di transistor e nuove capacità grafiche e AI.

I transistor sono gli elementi del circuito principale che elaborano e memorizzano i dati sui chip e il conteggio è significativamente superiore agli 11,8 miliardi sul chip A14 che alimenta i modelli di iPhone 12 del 2020. La miniaturizzazione consente ai progettisti di chip di inserire più transistor per nuove abilità.

Come i suoi predecessori, l’A15 ha due core di elaborazione ad alte prestazioni per il lavoro più importante e quattro core ad alta efficienza per le attività in background che possono essere eseguite senza consumare la stessa carica della batteria. Ma Apple afferma che sono più veloci e supportati da una nuova unità di elaborazione grafica a 5 core, un motore neurale ad alte prestazioni per attività di intelligenza artificiale e apprendimento automatico e un nuovo processore di segnale immagine per compiti come la riduzione del rumore fotografico. La società ha presentato il chip  all’evento di lancio di iPhone 13  martedì.

LEGGI  Microsoft: il test del data center subacqueo è stato un successo

Il compito principale del chip è mantenere il primo posto dell’azienda per la velocità degli smartphone, garantire che gli iPhone rimangano il primo dispositivo che gli sviluppatori raggiungono durante la creazione di nuove app e mantenere i clienti soddisfatti con prestazioni scattanti e una lunga durata utile per il telefono.

L’A15 è una base importante per Apple, non solo per il nuovo iPhone. L’A15 probabilmente alimenterà anche gli iPad di prossima generazione . E una variazione più potente potrebbe essere il cervello all’interno dei nuovi Mac, un seguito al modo in cui il processore M1 di Apple si basa sul processore A14 del 2020. Apple è impegnata in un processo di due anni per sfrattare i processori Intel dai suoi Mac.

LEGGI  Due fratelli sono scomparsi con 3,6 miliardi di dollari di bitcoin: è il più grande furto di criptovalute della storia

Progettare i propri chip offre ad Apple diversi vantaggi. Può impostare le proprie priorità nelle funzionalità e nei tempi di rilascio. Può integrare meglio il proprio software. E più in generale, può impostare meglio il proprio destino, un vantaggio incarnato nella ” dottrina Cook “, dal nome del CEO Tim Cook, di “possedere e controllare” le principali tecnologie nei suoi prodotti.

L’A15 è costruito con un processo di produzione a 5 nanometri, lo stesso dell’A14.

Apple si affida a Taiwan Semiconductor Manufacturing Co. (TSMC) per costruire i chip che progetta. Apple è di solito uno dei primi ad adottare l’ultima tecnologia di produzione di TSMC, sfruttando i circuiti che si riducono gradualmente e migliorando le prestazioni per aggiungere nuove capacità ogni anno. In genere costa di più sfruttare una capacità di produzione all’avanguardia, ma gli iPhone sono prodotti premium.

LEGGI  Apple sta lavorando a un pacco batteria MagSafe per iPhone 12