HomeAppIl nuovo Google Task

Il nuovo Google Task

Google sta lavorando a un grande aggiornamento di Google Tasks, ha affermato oggi la società. Sta introducendo un paio di nuove funzionalità nell’app, semplificando l’aggiunta di attività e, infine, integrando il suo sistema di promemoria su Google Assistant, Calendar e il resto della suite di app di Google.

Le nuove modifiche dovrebbero rendere Tasks un’app migliore per l’elenco delle cose da fare e potrebbero anche dare un senso agli strumenti generali di gestione delle attività di Google. Infine.

In futuro, Google considera Tasks come un hub per tutte le tue attività sui prodotti Google. Premi il pulsante che aggiunge qualsiasi thread di Gmail al tuo elenco di cose da fare in modo da poterlo accedere in seguito. Crea promemoria in Google Calendar e verranno visualizzati sia nella tua pianificazione che in Attività. Dì “ehi Google, ricordami di portare fuori la spazzatura alle 9” all’assistente sul tuo telefono o smart display e, hai indovinato, verrà visualizzato in Attività.

Questo suona bene e abbastanza semplice, giusto? Bene, lo è. E sarebbe dovuto essere molto tempo fa. Per anni, i sistemi di promemoria e attività di Google sono stati incomprensibilmente divisi ; Google Reminders era diverso da Google Tasks e un promemoria in Calendar era diverso da un promemoria in Keep, che era diverso da un promemoria nell’assistente. L’unico posto per vedere tutte le cose da fare in un unico posto era l’app per dispositivi mobili Google Calendar. Non aveva alcun senso e lo sapevano tutti.

Anche ora, Google non ha completamente risolto il suo problema. Il suo annuncio di oggi non menziona Keep, il che probabilmente significa che il sistema di promemoria dell’app sarà ancora separato. E la versione migliore di questa funzione si estenderebbe a molto più dell’ecosistema di Google. Potrebbe notare quando qualcuno ti assegna qualcosa in Documenti o Fogli, ad esempio, e aggiungerlo al tuo elenco di cose da fare.

Microsoft To Do è un buon esempio di ciò a cui Google dovrebbe mirare: l’app consolida le attività su Outlook, Planner e Teams in modo da poter avere un quadro decente di ciò su cui stai lavorando ovunque. Microsoft ha i suoi problemi sistemici – ci sono Attività e attività e Attività di Outlook, che sono tutte cose diverse – ma sta andando nella giusta direzione “tutto ovunque”.

Uno screenshot di Gmail con una barra laterale di Tasks aperta. Immagine: Google
Il tuo calendario e i promemoria dell’assistente verranno finalmente visualizzati anche in Attività.

C’è anche il fatto che Google Tasks non è un’app particolarmente potente. Come elenco universale di promemoria, funzionerà abbastanza bene e ti consente di creare più elenchi e contrassegnare le tue attività più importanti. Mancano alcune funzionalità di base per la gestione dei progetti come l’ordinamento automatico o i livelli di priorità e non puoi nemmeno cercare le tue attività. Inoltre, se hai un account Google per lavoro e un altro per uso personale, rimarrai bloccato con due elenchi completamente disconnessi. Le attività non convinceranno ancora molte persone ad abbandonare la loro app dedicata alla lista delle cose da fare.

Tuttavia, è un buon segno vedere Google prestare attenzione al suo ecosistema di attività e promemoria. La società ha lanciato Tasks nel 2018 , poi sembrava quasi dimenticarsene del tutto. (Mi piace immaginare un product manager di Google che imposta un promemoria per tornare a migliorare Tasks e poi non è mai più riemerso perché l’hanno creato in Keep.) Questo aggiornamento migliora sia Tasks sia lo rende una parte più importante della produttività complessiva di Google ecosistema, il che potrebbe significare che questa volta rimane nell’elenco delle priorità un po’ più a lungo.

La nuova esperienza di Tasks verrà lanciata “nei prossimi mesi”, ha scritto Ilya Brown, vicepresidente della gestione dei prodotti di Google, in un post sul blog, e all’inizio verrà attivata prima di diventare il comportamento predefinito. Google, con le sue capacità di ricerca e intelligenza artificiale e la sua connessione praticamente a tutti i tuoi dati personali, ha sempre avuto il potenziale per creare un killer task manager. Se mai accadrà, sembra che sarà in Attività.

, ha affermato oggi la società. Sta introducendo un paio di nuove funzionalità nell’app, semplificando l’aggiunta di attività e, infine, integrando il suo sistema di promemoria su Google Assistant, Calendar e il resto della suite di app di Google. Le nuove modifiche dovrebbero rendere Tasks un’app migliore per l’elenco delle cose da fare e potrebbero anche dare un senso agli strumenti generali di gestione delle attività di Google. Infine.

In futuro, Google considera Tasks come un hub per tutte le tue attività sui prodotti Google. Premi il pulsante che aggiunge qualsiasi thread di Gmail al tuo elenco di cose da fare in modo da poterlo accedere in seguito. Crea promemoria in Google Calendar e verranno visualizzati sia nella tua pianificazione che in Attività. Dì “ehi Google, ricordami di portare fuori la spazzatura alle 9” all’assistente sul tuo telefono o smart display e, hai indovinato, verrà visualizzato in Attività.

Questo suona bene e abbastanza semplice, giusto? Bene, lo è. E sarebbe dovuto essere molto tempo fa. Per anni, i sistemi di promemoria e attività di Google sono stati incomprensibilmente divisi ; Google Reminders era diverso da Google Tasks e un promemoria in Calendar era diverso da un promemoria in Keep, che era diverso da un promemoria nell’assistente. L’unico posto per vedere tutte le cose da fare in un unico posto era l’app per dispositivi mobili Google Calendar. Non aveva alcun senso e lo sapevano tutti.

Anche ora, Google non ha completamente risolto il suo problema. Il suo annuncio di oggi non menziona Keep, il che probabilmente significa che il sistema di promemoria dell’app sarà ancora separato. E la versione migliore di questa funzione si estenderebbe a molto più dell’ecosistema di Google. Potrebbe notare quando qualcuno ti assegna qualcosa in Documenti o Fogli, ad esempio, e aggiungerlo al tuo elenco di cose da fare.

Microsoft To Do è un buon esempio di ciò a cui Google dovrebbe mirare: l’app consolida le attività su Outlook, Planner e Teams in modo da poter avere un quadro decente di ciò su cui stai lavorando ovunque. Microsoft ha i suoi problemi sistemici – ci sono Attività e attività e Attività di Outlook, che sono tutte cose diverse – ma sta andando nella giusta direzione “tutto ovunque”.

Uno screenshot di Gmail con una barra laterale di Tasks aperta. Immagine: Google
Il tuo calendario e i promemoria dell’assistente verranno finalmente visualizzati anche in Attività.

C’è anche il fatto che Google Tasks non è un’app particolarmente potente. Come elenco universale di promemoria, funzionerà abbastanza bene e ti consente di creare più elenchi e contrassegnare le tue attività più importanti. Mancano alcune funzionalità di base per la gestione dei progetti come l’ordinamento automatico o i livelli di priorità e non puoi nemmeno cercare le tue attività. Inoltre, se hai un account Google per lavoro e un altro per uso personale, rimarrai bloccato con due elenchi completamente disconnessi. Le attività non convinceranno ancora molte persone ad abbandonare la loro app dedicata alla lista delle cose da fare.

Tuttavia, è un buon segno vedere Google prestare attenzione al suo ecosistema di attività e promemoria. La società ha lanciato Tasks nel 2018 , poi sembrava quasi dimenticarsene del tutto. (Mi piace immaginare un product manager di Google che imposta un promemoria per tornare a migliorare Tasks e poi non è mai più riemerso perché l’hanno creato in Keep.) Questo aggiornamento migliora sia Tasks sia lo rende una parte più importante della produttività complessiva di Google ecosistema, il che potrebbe significare che questa volta rimane nell’elenco delle priorità un po’ più a lungo.

La nuova esperienza di Tasks verrà lanciata “nei prossimi mesi”, ha scritto Ilya Brown, vicepresidente della gestione dei prodotti di Google, in un post sul blog, e all’inizio verrà attivata prima di diventare il comportamento predefinito. Google, con le sue capacità di ricerca e intelligenza artificiale e la sua connessione praticamente a tutti i tuoi dati personali, ha sempre avuto il potenziale per creare un killer task manager. Se mai accadrà, sembra che sarà in Attività.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial