venerdì, Luglio 12, 2024

Il nuovo MacBook Pro color Space Black è fighissimo

Oltre a un iMac aggiornato e al nuovo MacBook Pro entry-level da 14 pollici con chip M3 (e senza Touch Bar), Apple presenta oggi modelli aggiornati di MacBook Pro da 14 e 16 pollici con processori M3 Pro e M3 Max. Dal punto di vista del design, mantengono esattamente lo stesso aspetto e layout delle porte dei loro predecessori, ma ora sono disponibili in un nuovo colore “nero spazio” che sostituisce il grigio spazio.

Le macchine alzano il livello in diversi modi, dalle prestazioni assolute alla configurabilità. Ad esempio, il MacBook Pro M3 Max può essere ordinato con un massimo di 128 GB di RAM: un nuovo massimo per i laptop Apple. I preordini iniziano oggi e i modelli M3 Pro saranno disponibili il 7 novembre. Le unità M3 Max richiederanno un po’ più tempo per la spedizione e dovrebbero arrivare più tardi a novembre.

Non è nero nero, ma certamente più scuro di quanto il grigio siderale sia mai stato.

Apple afferma che la sua nuova finitura Space Black dovrebbe essere meno una calamita per le impronte digitali rispetto al MacBook Air “mezzanotte” blu scuro. L’azienda attribuisce questo a “una chimica innovativa che forma un sigillo di anodizzazione per ridurre notevolmente le impronte digitali”. Detto questo, non riesco a immaginare che il sigillo farà molto per prevenire graffi o graffi, che tendono a brillare come argento brillante se sono abbastanza profondi. E questo, amici, è esattamente il motivo per cui scelgo l’argento ogni volta. Anche così, apprezzo che questa tonalità appaia un po’ più scura del grigio spazio precedente. Sembra semplicemente più inquietante e potente.

E queste macchine sono certamente più potenti. L’M3 Pro ha una CPU a 12 core e una GPU fino a 18 core, con guadagni di velocità fino al 40% rispetto all’M1 Pro. Puoi equipaggiarlo con un massimo di 36 GB di RAM, un leggero aumento rispetto al precedente limite di 32 GB. L’M3 Max migliora le cose con una CPU a 16 core e una GPU fino a 40 core. L’ultimo Apple Silicon lo rende fino all’80% più veloce rispetto al chip M1 Max di due anni fa.

I chip M2 erano già potenti e veloci, quindi questa volta Apple sta soprattutto promuovendo miglioramenti grafici. È qui che avviene il grande salto per i chip M3 da 3 nanometri; sono tutti in grado di eseguire il ray tracing con accelerazione Hardware, il che potrebbe essere un vantaggio per i giochi Mac, e l’ombreggiatura della mesh con accelerazione hardware. Le prestazioni potenziate della GPU sono dovute a una funzionalità che Apple chiama Dynamic Caching, per cui “la GPU alloca l’uso della memoria locale nell’hardware in tempo reale in modo che venga utilizzata solo la quantità esatta di memoria necessaria per ogni attività”.

Apple afferma che puoi aspettarti fino a 22 ore di durata della batteria dal nuovo MacBook Pro, almeno nel modello M3 Pro da 16 pollici. La resistenza del Max è in genere leggermente inferiore poiché tutti i core della GPU consumano un po’ di energia. Quasi ovunque, questi MacBook Pro sono identici ai laptop M2 Pro / Max rilasciati all’inizio di quest’anno; hanno ancora il display Mini LED luminoso e contrastato, un eccellente sistema di altoparlanti, tre porte Thunderbolt 4, una porta HDMI, un lettore di schede SD e un connettore MagSafe per la ricarica. Gli schermi ora possono raggiungere fino a 600 nit di luminosità per i contenuti SDR, ovvero il 20% più luminosi rispetto a prima.

Il prezzo per il MacBook Pro da 14 pollici con M3 Pro parte da $ 1.999, con il modello da 16 pollici che arriva ad un prezzo base di $ 2.499. Questi prezzi salgono rapidamente se si opta per il chip Max o si inizia ad aggiungere più spazio di archiviazione e memoria: un MacBook Pro da 16 pollici completamente equipaggiato con 8 TB di spazio di archiviazione e 128 GB di memoria unificata costa $ 7.199.

Se questi particolari laptop sono più di quanto intendi spendere, c’è sempre il nuovo MacBook Pro da 14 pollici con il normale chip M3 che parte da un più appetibile $ 1.599, se riesci a convivere con i suoi 8 GB di memoria.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: