sabato, Marzo 2, 2024

Il nuovo Windows arriverà nel 2024

Con una nuova leadership al timone e l’ex capo di Windows Panos Panay nello specchietto retrovisore , una nuova roadmap per Windows sta cominciando a prendere forma sotto il nuovo team Windows & Web Experiences di Microsoft, che ora sta guidando lo sviluppo del prossimo importante aggiornamento del client Windows, code -chiamato Valle dell’Hudson.

Sappiamo da tempo che Microsoft sta pianificando di rilasciare una nuova importante versione della piattaforma Windows nel 2024, nome in codice Germanium, su cui si baserà Hudson Valley. Allora, quali sono le nozioni di base su questa nuova roadmap di Windows e cosa possiamo aspettarci dalla prossima versione di Windows? Ecco tutto quello che so finora.

La nuova tabella di marcia di Windows

Inizieremo con la tabella di marcia stessa. Sotto Panay, l’organizzazione Windows ha cambiato il modo in cui intendeva distribuire le nuove versioni di Windows. Ha deciso di tornare a un tradizionale ciclo di rilascio triennale per le versioni principali della piattaforma Windows, integrando invece il rilascio annuale della piattaforma con funzionalità più piccole ogni pochi mesi, note internamente come aggiornamenti “Moment”.

Secondo le mie fonti, i nuovi boss di Windows stanno ora tornando a un ciclo di rilascio annuale per le versioni principali della piattaforma Windows, il che significa che Windows tornerà ad avere un solo grande aggiornamento di funzionalità all’anno invece di molteplici aggiornamenti più piccoli. Microsoft potrebbe ancora utilizzare gli aggiornamenti Moment con parsimonia, ma in futuro non saranno più il principale veicolo di distribuzione delle nuove funzionalità.

Si dice che queste modifiche entreranno in vigore dopo il lancio di Hudson Valley nel 2024, quindi mi aspetto ancora almeno un altro aggiornamento Moment per l’attuale versione di Windows 11, che secondo le fonti verrà spedito nel periodo di febbraio o marzo all’inizio del prossimo anno.

Anche la tabella di marcia per la Hudson Valley è piuttosto interessante. Si prevede che l’aggiornamento venga distribuito sulla versione della piattaforma Germanium, che raggiungerà una pietra miliare RTM ad aprile. Tuttavia, l’aggiornamento Hudson Valley non sarà finalizzato fino ad agosto e non inizierà a essere distribuito come aggiornamento per i PC esistenti fino al periodo di settembre o ottobre.

Proprio come con Cobalt e il rilascio di Sun Valley nel 2021 , Microsoft continuerà a lavorare su Hudson Valley durante l’estate, poiché molte funzionalità saranno sviluppate indipendentemente dalla piattaforma. Detto questo, ho anche sentito che gli OEM inizieranno a spedire il nuovo hardware Arm con germanio precaricato non appena giugno 2024.

Le mie fonti dicono che la ragione di ciò è Qualcomm e i suoi nuovi chip Snapdragon X Elite , che dipendono dai progressi della piattaforma forniti con Germanium. Ciò significa che gli OEM non possono fornire il nuovo hardware X Elite con la versione attuale di Windows 11 e non vogliono aspettare fino a quando Hudson Valley sarà pronta in autunno.

LINGUAGGIO DEGLI AGGIORNAMENTI DI WINDOWS

+ Ultimo aggiornamento cumulativo (LCU): un aggiornamento applicato eseguendo la manutenzione dell’installazione del sistema operativo esistente.

Scambio sistema operativo: un aggiornamento applicato sostituendo l’intero sistema operativo con una versione più recente.

Pertanto, per la prima volta, Microsoft distribuirà una nuova versione della piattaforma Windows prima che il prossimo aggiornamento del client Windows sia pronto. Ciò significa che ai PC forniti con Germanium a giugno mancherà la maggior parte delle funzionalità che compongono la versione di Hudson Valley fino all’autunno, quando raggiungerà la disponibilità generale per tutti.

I PC spediti durante l’estate con Germanium precaricato riceveranno la versione Hudson Valley come ultimo aggiornamento cumulativo (LCU) in aggiunta alla build Germanium RTM, mentre tutti gli altri sulla versione corrente di Windows 11 riceveranno Hudson Valley come un grande scambio di sistema operativo aggiornamento. Puoi saperne di più sulla terminologia tra LCU e scambio di sistema operativo qui .

Cosa accadrà nella Valle dell’Hudson?

Non sorprende che l’attenzione principale per la Hudson Valley sia rivolta alle esperienze AI di prossima generazione che vengono intrecciate e integrate in tutto il sistema operativo, molte delle quali richiederanno probabilmente nuovo hardware NPU per funzionare.

Secondo le mie fonti, la nuova funzionalità di successo di Microsoft sarà l’introduzione di una shell di Windows basata sull’intelligenza artificiale, potenziata con un “copilota avanzato”, in grado di lavorare costantemente in background per migliorare la ricerca, avviare progetti o flussi di lavoro, comprendere il contesto e molto di piu. Le fonti affermano che queste funzionalità di intelligenza artificiale saranno “rivoluzionarie”.

L’azienda sta lavorando a una nuova funzionalità di cronologia/cronologia che consentirà agli utenti di scorrere indietro nel tempo attraverso tutte le app e i siti Web che Copilot ha ricordato, che possono essere filtrati in base ai criteri di ricerca specifici dell’utente. Ad esempio, potresti digitare “guadagni FY24” e ogni istanza in cui quel termine era sullo schermo riapparirà per essere vista e aperta.

L’intelligenza artificiale migliorerà anche la ricerca in Windows, con la possibilità di utilizzare il linguaggio naturale per trovare cose che hai aperto o visto in precedenza sul tuo PC. Se non ricordi il nome o il contenuto di un documento, il termine di ricerca “trovami il documento che Bob mi ha inviato su WhatsApp qualche giorno fa” è qualcosa che la ricerca su Windows capirà effettivamente.

Altre funzionalità AI includono qualcosa chiamato Super Risoluzione, che utilizzerà l’hardware NPU per migliorare la qualità di video e giochi. C’è anche una versione migliorata di Live Captions in lavorazione, che sarà in grado di tradurre un numero di lingue diverse in tempo reale, sia dall’audio in un video che da una chiamata dal vivo.

Microsoft sta anche lavorando su sfondi basati sull’intelligenza artificiale che utilizzeranno l’apprendimento automatico per identificare i livelli in qualsiasi immagine e creare un leggero effetto di parallasse che interagisce con il cursore o il giroscopio integrato se su un dispositivo portatile.

Al di fuori dell’intelligenza artificiale, Microsoft vuole aggiungere un’area “creatore” dedicata al menu Start e Esplora file, che riunirà tutti i servizi Microsoft che consentono agli utenti di creare cose in un unico posto. Questo fungerà essenzialmente da launchpad per Microsoft 365, fornendo scorciatoie per passare a un progetto Designer, documento Word, presentazione PowerPoint, ecc. nuovo o esistente.

Ho anche sentito che Microsoft sta lavorando su diversi miglioramenti chiave per il risparmio energetico, che secondo le fonti sarà in grado di prolungare la durata della batteria fino al 50% su determinati hardware. C’è anche una nuova funzionalità di “energia verde” in lavorazione, che proverà a caricare il tuo dispositivo quando Windows rileva che l’energia che sta prelevando dalla parete è rinnovabile.

Infine, Microsoft ha giocato con una nuova interfaccia desktop per Hudson Valley che posiziona elementi della barra delle applicazioni come la barra delle applicazioni nella parte superiore dello schermo. Le mie fonti dicono che è ancora in una fase sperimentale e probabilmente è improbabile che venga rilasciato nel 2024. I nuovi boss di Windows non vogliono scuotere troppo la situazione con la loro prima versione.

Mi è stato detto che ci sono anche miglioramenti generali della qualità della vita in arrivo anche con la Hudson Valley, ma non sono sicuro di cosa ciò comporti nello specifico al momento. Come sempre, questi piani e funzionalità potrebbero cambiare o essere eliminati da qui a quando Hudson Valley sarà finalizzata.

Hudson Valley sarà Windows 12?

Una grande domanda che rimane un mistero è quale forma finale assumerà la Valle dell’Hudson. Si tratterà di una nuova versione di Windows 11, basata sulla release della piattaforma Germanium? Oppure Microsoft andrà all-in e lo annuncerà come Windows 12?

Le mie fonti dicono che Microsoft è stanca di frammentare ulteriormente la base utenti di Windows con un’altra versione del prodotto. Al momento, Windows ha circa 1,4 miliardi di utenti, 400 milioni dei quali utilizzano Windows 11. Ciò significa che ci sono ancora 1 miliardo di utenti Windows 10, una grande percentuale dei quali non può eseguire l’aggiornamento a Windows 11 (o versioni successive) a causa dei requisiti di sistema.

Con questo in mente, distribuire la prossima versione come “Windows 12” sarebbe dannoso per l’obiettivo di Microsoft di ridurre la frammentazione e riportare tutti sulla stessa versione di Windows. Ma questa decisione alla fine dipende dal marketing e, per quanto ne so, non è stata ancora presa una decisione definitiva sul branding.

Qualunque sia il marchio richiesto, da un punto di vista tecnico Hudson Valley è considerata internamente una nuova versione di Windows.

Dove si inserisce CorePC?

L’anno scorso ho scritto di un nuovo sforzo per modernizzare la piattaforma Windows. Questo progetto ha il nome in codice CorePC (o Win3 in alcuni casi) e sostanzialmente continua la visione originariamente stabilita con Core OS in cui la piattaforma è modulare, consentendo a Microsoft di scalare Windows su e giù a seconda delle caratteristiche e capacità necessarie per un dispositivo.

CorePC è anche una versione più sicura di Windows, poiché il sistema operativo è separato dallo stato con partizioni di sola lettura che bloccano file, driver e app del sistema operativo. Consente anche aggiornamenti di scambio del sistema operativo molto più rapidi e metodi di ripristino più semplici con ripristini “powerwash” integrati e metodi di ripristino .FFU.

A quanto ho capito, CorePC non verrà mai offerto come aggiornamento per i PC esistenti che eseguono Windows. Questo perché le modifiche alla piattaforma tra Windows legacy e CorePC sono troppo grandi, quindi non esiste un percorso di aggiornamento diretto. CorePC e Windows legacy esisteranno fianco a fianco, poiché l’adozione di CorePC avverrà solo quando le persone acquisteranno nuovo hardware con esso.

Ho sentito che Microsoft sta lavorando su una variante di CorePC / Win3 progettata per competere testa a testa con Chrome OS nel segmento di fascia bassa del mercato dei PC, ma questo non è correlato alla Hudson Valley. Per ora, non mi aspetto di vedere una variante di Hudson Valley disponibile sulla versione CorePC di Windows di Microsoft nel 2024.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: