venerdì, Aprile 12, 2024

Il peggioramento della qualità dei risultati di ricerca e la crescita dello spam SEO

Il peggioramento della qualità dei risultati nei Motori di ricerca è un dato di fatto, secondo un gruppo di ricercatori. Dopo aver esaminato migliaia di query relative a recensioni di prodotti, il team ha concluso che le pagine meglio posizionate sono mediamente più ottimizzate e mostrano addirittura una qualità del testo inferiore.

I ricercatori hanno anche evidenziato che tutti e tre i motori di ricerca oggetto dell’indagine sarebbero suscettibili di manipolazioni, frutto di campagne di spam su larga scala. Gli sforzi per contrastare tali attività attraverso aggiornamenti algoritmici sembrano avere solo un “effetto positivo temporaneo”.

Dito puntato contro i contenuti di scarsa qualità, creati in serie. Anche se Google ha affermato nel 2022 di ottimizzare i suoi algoritmi di ranking per dare priorità al “contenuto incentrato sulle persone“, i ricercatori sostengono che gli sforzi sembrano essere stati vani: gli esperti SEO e le “fabbriche di spam” hanno imparato a eludere le ultime modifiche al sistema. Con l’avvento dell’IA generativa, sempre più soggetti sono capaci di generare istantaneamente copie di bassa qualità. Allo stesso tempo, si legge nello studio, “la linea di demarcazione tra contenuti benigni e spam diventa sempre più sfumata; una situazione che peggiorerà sicuramente con la sempre più ampia diffusione dell’IA generativa“.

Janek Bevendorff, docente presso l’Università di Lipsia e autore del documento, ha dichiarato che è difficile dire se ci sia una soluzione utile a contrastare efficacemente la situazione in cui versano oggi le ricerche online.

Secondo Google, lo studio in questione si sarebbe focalizzato solo sui contenuti delle recensioni di prodotti e non rifletterebbe la qualità complessiva e l’utilità della Ricerca per le miliardi di query che l’azienda di Mountain View elabora ogni giorno. Un portavoce Google ha aggiunto che la società ha introdotto specifiche migliorie per contrastare il fenomeno dello spam SEO, tanto che lo stesso studio osserva come il motore di ricerca – nell’ultimo anno – abbia comunque fornito prestazioni migliori rispetto agli altri.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: