HomeNotizieIl piano degli Emirati Arabi per esplorare Venere

Il piano degli Emirati Arabi per esplorare Venere

Gli Emirati Arabi Uniti hanno lanciato la loro sonda Hope su Marte, che è in orbita attorno al Pianeta Rosso. (Foto: Agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti)

Mesi dopo aver lanciato e messo in funzione con successo la sua prima navicella spaziale intorno a Marte, gli Emirati Arabi Uniti hanno messo gli occhi su due audaci missioni, esplorando Venere e la cintura di asteroidi tra Marte e Giove. L’Agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti ha annunciato l’intenzione di lanciare una sonda sulla cintura e atterrare su un asteroide.

La missione viene salutata come la prossima grande novità nel mondo arabo, che ha assaporato la vittoria con la sonda Hope che sta orbitando con successo su Marte a circa 300 milioni di chilometri di distanza. La federazione ricca di petrolio raccoglierà dati dall’asteroide e cercherà di comprendere le origini dell’universo e risolvere il più grande mistero dell’astronomia, come è iniziato tutto?

Il progetto prevede un lancio nel 2028 con un atterraggio nel 2033, un viaggio di cinque anni in cui la navicella percorrerà quasi 3,6 miliardi di chilometri per arrivare a destinazione. “Il lancio di un nuovo progetto per esplorare Venere e la cintura di asteroidi stabilisce un nuovo ambizioso obiettivo per il fiorente programma spaziale del nostro Paese”, ha affermato Mohammed bin Zayed Al Nahyan, principe ereditario di Abu Dhabi.

UN VIAGGIO NELLA CINTURA DEGLI ASTEROIDI

Come parte della sua prossima missione spaziale, l’Agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti lancerà una sonda per esplorare sette asteroidi nella fascia tra Marte e Giove e farla atterrare su uno di essi dopo aver completato un viaggio sette volte più lontano della sonda Hope. La navicella si fionda prima intorno a Venere e poi alla Terra per acquisire velocità sufficiente per raggiungere un asteroide a circa 560 milioni di chilometri di distanza.

La nazione araba ha messo la sua sonda Amal, o “Hope”, in orbita attorno a Marte a febbraio. (Foto: Agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti)

Sarah al-Amiri, presidente dell’Agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti, ha dichiarato all’Associated Press che è ancora in discussione quali dati raccoglieranno gli Emirati, ma la missione sarà una sfida ancora più grande di quelle precedenti, dato che la navicella viaggerà sia vicino al sole che lontano da. L’Agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti ha dichiarato che collaborerà con il Laboratorio di fisica atmosferica e spaziale dell’Università del Colorado per il progetto.

L’agenzia ha aggiunto che la missione, attualmente nella sua fase concettuale, si concentrerà sulla comprensione dell’evoluzione degli asteroidi all’interno del nostro sistema solare insieme alla dimostrazione di tecnologie chiave che aiuteranno nelle future missioni spaziali. “Gli Emirati Arabi Uniti sono determinati a dare un contributo significativo all’esplorazione dello spazio, alla ricerca scientifica e alla nostra comprensione del sistema solare”, ha dichiarato Mohammed bin Zayed Al Nahyan in un tweet.

COME NASCE L’UNIVERSO?

Secondo la Nasa, nel sistema solare circolano circa 1,1 milioni di asteroidi conosciuti, i resti della sua formazione. La maggior parte orbita attorno al sole nell’area tra Marte e Giove. Gli scienziati ritengono che gli asteroidi siano formati dallo stesso materiale primordiale che ha formato i pianeti del nostro sistema solare. Studiando da vicino questi asteroidi, gli scienziati sperano di affinare le loro teorie su come i pianeti del nostro sistema solare si sono formati 4,5 miliardi di anni fa e perché sono finiti nella loro configurazione attuale.

Mentre gli Emirati Arabi Uniti hanno in programma di inviare la loro prima missione su un asteroide, la Nasa ha già toccato la superficie di uno di questi oggetti nello spazio profondo.

La missione OSIRIS-ReX sta tornando sulla Terra con i primi campioni raccolti dalla superficie dell’asteroide Bennu. Nel frattempo, l’ agenzia spaziale americana è pronta a lanciare la navicella spaziale Lucy per sondare gli asteroidi troiani che sciamano intorno al pianeta più grande del sistema solare.

 

Sarah al-Amiri, presidente dell’Agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti. (Foto: AP)

Lucy è la prima missione spaziale ad esplorare una popolazione diversificata di piccoli corpi noti come gli asteroidi troiani di Giove che gli astronomi ritengono siano i resti del primo sistema solare intrappolati dal campo gravitazionale di Giove e del Sole in un perfetto equilibrio.

IN ALTO VERSO IL SUCCESSO

L’annuncio della prossima missione degli Emirati Arabi Uniti arriva sulla scia di una missione inaugurale di successo quando la nazione araba ha messo la sua sonda Amal, o “Hope”, in orbita attorno a Marte a febbraio. L’Amal delle dimensioni di un’auto è costata 200 milioni di dollari per la costruzione e il lancio. Ciò esclude i costi operativi su Marte. La missione dell’asteroide sarebbe probabilmente più costosa, date le sue sfide.

Gli Emirati progettano anche di inviare un veicolo spaziale senza equipaggio sulla luna nel 2024, mentre ha l’ambizioso obiettivo di costruire una colonia umana su Marte entro il 2117, ma l’obiettivo più immediato è costruire un’economia spaziale sia privata che statale con il suo progetti.

“L’Agenzia spaziale degli Emirati sta lavorando per potenziare il settore privato nel paese sviluppando capacità e capacità, e questa missione sarà un impulso per la crescita dell’industria spaziale”, ha affermato l’agenzia spaziale.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial