lunedì, Novembre 28, 2022
HomeScienzaIl processo di invecchiamento è inarrestabile, lo studio senza precedenti

Il processo di invecchiamento è inarrestabile, lo studio senza precedenti

L’immortalità e l’eterna giovinezza sono roba da miti, secondo una nuova ricerca che potrebbe finalmente porre fine all’eterno dibattito sulla possibilità di vivere per sempre.

Sostenuti da governi, imprese, accademici e investitori in un settore del valore di 110 miliardi di dollari (82,5 miliardi di sterline) e stimato in 610 miliardi di dollari entro il 2025, gli scienziati hanno passato decenni a tentare di sfruttare il potere della genomica e dell’intelligenza artificiale per trovare un modo per prevenire o addirittura invertire l’invecchiamento.

Ma uno studio senza precedenti ha ora confermato che probabilmente non possiamo rallentare la velocità con cui invecchiamo a causa di vincoli biologici.

Lo studio, condotto da una collaborazione internazionale di scienziati di 14 paesi e che include esperti dell’Università di Oxford, si proponeva di testare l’ipotesi del “tasso di invecchiamento invariante”, che afferma che una specie ha un tasso di invecchiamento relativamente fisso dall’età adulta.

“I nostri risultati supportano la teoria secondo cui, piuttosto che rallentare la morte, più persone vivono molto più a lungo a causa di una riduzione della mortalità in età più giovane”, ha affermato José Manuel Aburto del Leverhulme Center for Demographic Science di Oxford , che ha analizzato la nascita e la dati sulla morte che abbracciano secoli e continenti.

“Abbiamo confrontato i dati di nascita e morte di primati umani e non umani e abbiamo scoperto che questo modello generale di mortalità era lo stesso in tutti”, ha detto Aburto. “Questo suggerisce che i fattori biologici, piuttosto che ambientali, alla fine controllano la longevità.

“Le statistiche hanno confermato che gli individui vivono più a lungo man mano che la salute e le condizioni di vita migliorano, il che porta ad aumentare la longevità di un’intera popolazione. Tuttavia, un forte aumento dei tassi di mortalità, con l’avanzare degli anni nella vecchiaia, è evidente in tutte le specie”.

Il dibattito su quanto ancora possiamo vivere divide da decenni la comunità accademica, con la ricerca di una vita più lunga e di una salute particolarmente attiva nel Regno Unito, dove sono presenti almeno 260 aziende, 250 investitori, 10 organizzazioni non profit e 10 laboratori di ricerca. utilizzando le tecnologie più avanzate.

Il governo del Regno Unito ha persino dato la priorità ai settori separati dell’intelligenza artificiale e della longevità includendoli entrambi nelle quattro grandi sfide della strategia industriale , che mirano a mettere la Gran Bretagna in prima linea nelle industrie del futuro.

Ma ciò che è mancato al dibattito è la ricerca che confronta la durata della vita di più popolazioni animali con quella umana, per capire cosa sta guidando la mortalità.

Questo studio colma questa lacuna, ha affermato Aburto. “Questa raccolta di dati straordinariamente diversificata ci ha permesso di confrontare le differenze di mortalità sia all’interno che tra le specie”.

David Gems, professore di biogerontologia presso l’Istituto di invecchiamento sano dell’UCL , ha affermato che il riassunto del rapporto suggerisce che la ricerca è “uno studio molto potente che dimostra qualcosa di controverso e sicuramente giusto”.

Tutti i set di dati esaminati dai team di Aburto hanno rivelato lo stesso modello generale di mortalità: un alto rischio di morte nell’infanzia che diminuisce rapidamente negli anni immaturi e nell’adolescenza, rimane basso fino alla prima età adulta e poi aumenta continuamente con l’avanzare dell’età.

“I nostri risultati confermano che, nelle popolazioni storiche, l’aspettativa di vita era bassa perché molte persone sono morte giovani”, ha detto Aburto. “Ma man mano che i miglioramenti medici, sociali e ambientali continuavano, l’aspettativa di vita è aumentata.

“Sempre più persone riescono a vivere molto più a lungo ora. Tuttavia, la traiettoria verso la morte in età avanzata non è cambiata”, ha aggiunto. “Questo studio suggerisce che la biologia evolutiva ha la meglio su tutto e, finora, i progressi della medicina non sono stati in grado di superare questi vincoli biologici”.

… visto che oggi vieni con noi dall’Italia, abbiamo un piccolo favore da chiederti. Decine di milioni hanno riposto la loro fiducia nel giornalismo di grande impatto del Guardian da quando abbiamo iniziato a pubblicare 200 anni fa, rivolgendosi a noi nei momenti di crisi, incertezza, solidarietà e speranza. Più di 1,5 milioni di lettori, provenienti da 180 paesi, hanno recentemente fatto il passo per sostenerci finanziariamente, mantenendoci aperti a tutti e fieramente indipendenti.

Senza azionisti o proprietari miliardari, possiamo stabilire la nostra agenda e fornire un giornalismo affidabile, libero da influenze commerciali e politiche, offrendo un contrappeso alla diffusione della disinformazione. Quando non è mai importato di più, possiamo indagare e sfidare senza paura o favore.

A differenza di molti altri, il giornalismo del Guardian è disponibile per la lettura di tutti, indipendentemente da quanto possono permettersi di pagare. Lo facciamo perché crediamo nell’uguaglianza delle informazioni. Un numero maggiore di persone può tenere traccia degli eventi globali, comprendere il loro impatto sulle persone e sulle comunità e trarre ispirazione per intraprendere azioni significative.

Il nostro obiettivo è offrire ai lettori una prospettiva globale e internazionale sugli eventi critici che modellano il nostro mondo: dal movimento Black Lives Matter, alla nuova amministrazione americana, alla Brexit e alla lenta uscita del mondo da una pandemia globale. Ci impegniamo a difendere la nostra reputazione di reportage urgenti e potenti sull’emergenza climatica e abbiamo deciso di rifiutare la pubblicità delle aziende di combustibili fossili, di disinvestire dalle industrie petrolifere e del gas e di impostare una rotta per raggiungere le emissioni nette zero entro il 2030.

Se c’è mai stato un momento per unirsi a noi, è adesso. Ogni contributo, grande o piccolo che sia, alimenta il nostro giornalismo e sostiene il nostro futuro.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial