domenica, Novembre 27, 2022
HomeMicrosoftIl terribile lancio di Windows 11 di Microsoft rischia di ripetere il...

Il terribile lancio di Windows 11 di Microsoft rischia di ripetere il disastro di Windows 8

C’è una battuta sul fatto che Microsoft segua un modello buono e cattivo con i suoi lanci del sistema operativo: Windows XP: buono, Windows Vista: cattivo, Windows 7: buono. Windows 8: cattivo, Windows 10: buono. Purtroppo, in linea con il ciclo, Microsoft sta rovinando il lancio di Windows 11 e potrebbe distruggere un sistema operativo altrimenti buono.

Grazie a una build trapelata , un evento di lancio e un’anteprima di Windows Insider appena rilasciata , abbiamo una buona idea di come sarà Windows 11 ora. E per la maggior parte, sembra Windows 10 con una nuova mano di vernice. Windows 11 scarica i riquadri live, sposta la barra delle applicazioni in una vista centrata e gestisce meglio le configurazioni multi-monitor. Ma in Windows 11 esiste molto poco che non esista in Windows 10 in qualche modo. Windows 11 prende ciò che c’è di buono in Windows 10 e lo migliora, il che è una buona cosa.

Ecco perché è fonte di confusione vedere Microsoft pasticciare completamente con quella che altrimenti dovrebbe essere la parte facile: il lancio del sistema operativo. Non fraintendetemi, il lancio effettivo (come nel preparare il sistema operativo per il rilascio) è un processo difficile. Ma stiamo parlando del lancio delle PR: raccontare al mondo il sistema operativo e cosa aspettarsi.

Quando Microsoft ha tenuto il suo evento di lancio, abbiamo appreso che Windows 11 conta come un aggiornamento gratuito per gli utenti di Windows 10. Sembra che ogni PC Windows 10 possa eseguire l’aggiornamento a Windows 11, supponendo che i requisiti hardware siano più o meno gli stessi. E c’è il problema: Microsoft continua a inviare messaggi misti sui requisiti hardware e su quali PC possono persino eseguire la prossima versione di Windows.

La danza della confusione TPM

Tre laptop su uno schermo azzurro acceso con Windows 11.

Windows 11 avrà (probabilmente) alcuni requisiti TPM (Trusted Platform Module). Il TPM si comporta in modo molto simile all’enclave sicura in un iPhone. È un componente hardware fisico progettato per archiviare le tue informazioni importanti in modo sicuro. Il TPM esiste come parte del processore del PC o come modulo separato sulla scheda madre o, in alcuni casi, come firmware che ha svolto la stessa attività.

Bitlocker, che crittografa il tuo disco rigido, memorizza le sue chiavi di sicurezza sul tuo TPM. Se usi Windows Hello per sbloccare con l’impronta digitale o con il viso tramite una webcam, tali informazioni vengono inviate al TPM. Secure Boot, che impedisce agli hacker di compromettere il sistema durante l’avvio, si basa su un TPM.

All’inizio, non suona così male. Dopotutto, inizialmente, Microsoft ha annunciato requisiti “soft” e “hard”. In questo caso, “soft” significa “hardware consigliato” e “hard” equivale a “l’hardware minimo richiesto”. Microsft ha chiarito che un PC che non soddisfa il requisito “hard” NON PU eseguire Windows 11. Windows 11 ha un requisito hard di TPM 1.2 e un requisito soft di TPM 2.0. TPM 1.2 è stato lanciato nel 2005 e molti (se non la maggior parte) degli attuali PC sul mercato lo supportano. TPM 2.0, d’altra parte, lanciato nel 2015 e ancora spesso omesso a favore di TPM 1.2.

Ma poi Microsoft ha rimosso il linguaggio relativo ai requisiti hard e soft. A partire da ora, TPM 2.0 è il requisito minimo , che blocca molti PC realizzati anche negli ultimi cinque anni. Peggio ancora, molti produttori disattivano il TPM per impostazione predefinita nel BIOS. Potresti avere l’hardware necessario e Windows non lo saprà. Potresti, in teoria, acquistare un chip TPM 2.0 da aggiungere alla tua macchina, ma ora devi stare attento agli scalper .

Microsoft insiste anche sul fatto che Windows 11 richiede l’avvio protetto, sebbene questa sia una funzionalità di quasi tutti i PC moderni (se non tutti), anche in questo caso non è sempre abilitata per impostazione predefinita. L’attivazione (o la disattivazione) di TPM e Avvio protetto richiede l’accesso al BIOS. Sfortunatamente, quasi ogni interfaccia del BIOS è diversa, quindi il solito trucco di rivolgersi a Google per un how-to potrebbe non essere così utile.

La situazione del processore è ancora peggiore

Un Surface Studio 2 su sfondo grigio

Sei confuso finora? La situazione peggiora. Non è raro che Microsoft rilasci i requisiti minimi per i processori, ma di solito è in termini di capacità hardware. Windows 10, ad esempio, richiede un processore da 1 GHz o più veloce o System on Chip (SoC). Questa è una soglia bassa, il che significa che abbiamo visto Windows 10 su qualsiasi cosa, dai computer da gioco degni di Superman ai tablet da dieci pollici con processori simili a smartphone .

Per Windows 11, Microsoft non ha fornito la guida chiara di cui abbiamo bisogno. Vai alla pagina principale di Windows 11 e troverai una sezione dei requisiti che indica che il sistema operativo richiede un “1 gigahertz (GHz) o più veloce con 2 o più core su un processore a 64 bit compatibile o System on a Chip (SoC) ).” Quindi, subito, sappiamo che le macchine con processore a 32 bit non eseguiranno Windows 11, anche se possono eseguire Windows 10. Non è troppo sorprendente; il passaggio ai processori a 64 bit è arrivato da molto tempo.

Avrai anche bisogno di un processore da 1 GHz con altri due core, mentre Windows 10 consentiva un processore single-core da 1 GHz. Ciò elimina alcune altre opzioni del processore, ma non è ancora così male. Ma nota quella frase in più: processore compatibile. Vedi, non tutti i “processori dual-core da 1 GHz” fanno il taglio. Devi rivolgerti alla lista di compatibilità per scoprirlo.

Scava nell’elenco e il tema diventa chiaro: Windows 11 funzionerà solo su processori Intel di ottava generazione (o l’equivalente Zen 2 AMD) o più recenti. Mettiamolo in prospettiva. La serie Intel Kaby-Lake di settima generazione è stata lanciata ufficialmente nel 2017. E sono ancora sul mercato. In questo momento, puoi acquistare un Surface Studio 2, che parte da $ 3.499 e che utilizza un processore Intel di settima generazione. Quindi, se spendi $ 3.499 su un nuovissimo Surface Studio 2 prodotto da Microsoft oggi, non sarà idoneo per Windows 11 quando uscirà il prossimo anno.

Non è nemmeno solo il nuovo Surface Studio 2. Le generazioni di processori arrivano a ondate, spesso a partire dalle versioni più potenti e scendono fino all’estremità inferiore. Quindi Surface Book 2 è uno scenario complicato in cui alcuni modelli hanno un processore di ottava generazione e alcuni hanno un processore di settima generazione. Altri dispositivi, come Dell 2019 Inspiron , sono stati lanciati in seguito con processori meno recenti per offrire un prezzo più conveniente. Quindi non si tratta semplicemente di dire “processori o dispositivi di cinque anni o più”. Il Surface Studio è ancora oggi sul mercato. Il Dell 2019 Inspiron è stato lanciato tre anni fa.

Se solo Microsoft ci dicesse perché

Uno strumento PC Health che mostra un motivo per non eseguire Windows 11

Ci si potrebbe chiedere perché Microsoft insista sui processori di ottava generazione e successivi, ma nemmeno questo è del tutto chiaro. Alcuni presumono che sia un problema di sicurezza, ma non sembra giusto. Potreste ricordare diversi anni fa, quando i ricercatori sulla sicurezza hanno rivelato fallaci nell’architettura della CPU soprannominati Meltdown e Spectre . Meltdown e Spectre erano gravi difetti di progettazione che alcuni ipotizzavano potessero essere risolti solo da un’architettura CPU completamente nuova.

Microsoft, Apple e altre società di sistemi operativi hanno rilasciato patch per aiutare a mitigare il problema, ma la correzione iniziale ha comportato un costo in termini di prestazioni . Per fortuna le patch successive hanno aiutato , ma alla fine la soluzione migliore erano i processori più recenti. E in teoria, questo potrebbe essere il motivo del taglio del processore di ottava generazione. Tranne che non tutti i processori di ottava generazione includono queste modifiche alla sicurezza. Alcuni sulla “lista compatibile” non beneficiano di tale sicurezza avanzata. E il blog aggiornato di Microsoft elenca esclusivamente la modifica del TPM come decisione di sicurezza.

Per la sezione del processore, si afferma che i processori scelti abbracciano il nuovo “modello Windows Driver” di Microsoft. Ma quando segui i collegamenti sul nuovo modello , quella pagina differenzia il nuovo modello dal vecchio modello in base alle versioni del sistema operativo supportate. Il vecchio modello di driver supporta solo le edizioni desktop di Windows. Il nuovo modello supporta le edizioni desktop di Windows E Windows 10X. Tralasciando il fatto che stiamo parlando di Windows 11, Microsoft ha annullato Windows 10X , quindi non siamo più vicini a una risposta.

E fintanto che siamo in tema di requisiti hardware: alla fine, Microsoft insisterà sul fatto che tutti i laptop Windows 11 siano dotati di webcam . Alcuni laptop da gioco saltano le webcam, supponendo che tu preferisca fornire la tua fotocamera di alta qualità per lo streaming, e non è chiaro cosa significhi per quei laptop.

Non aiuta che Microsoft abbia fornito uno strumento di compatibilità che non è riuscito a spiegare perché il tuo PC non è compatibile. La società ha provato ad aggiornare lo strumento con messaggi chiari, ma non è ancora andato abbastanza lontano e ora non puoi nemmeno più scaricarlo. Esatto, Microsoft letteralmente non ti dirà perché il tuo PC non può eseguire Windows 11.

Anche Microsoft non rispetta i suoi requisiti

La prima anteprima della schermata Iniziale di Windows 11.

Indipendentemente dal fatto che tu sia d’accordo con la sua decisione, potresti sostenere che Microsoft imposta il tono di ciò che richiede il suo sistema operativo. E questo potrebbe essere un argomento equo, specialmente se i cambiamenti sotto il cofano rendessero davvero necessari quei requisiti. Ma sappiamo già che non è così.

Questo perché la prima anteprima di Windows 11 Insider è già qui e ignora tutto ciò che abbiamo menzionato in questo articolo. Puoi scaricare e installare Windows 11 Insider Preview anche se non disponi di TPM 2.0 o di un processore Intel di ottava generazione. Esatto, i PC che non possono installare Windows 11 in futuro possono installarlo oggi.

Microsoft afferma che parte di ciò è esplorare il rilassamento dei requisiti minimi del processore . Potrebbe essere disposto ad aggiornare i PC con chip Intel di settima generazione (e l’equivalente AMD) se i test vanno bene. Ma non è chiaro perché sia ​​consentito utilizzare Windows 11 senza TPM 2.0 oggi e non accettabile in futuro quando verrà rilasciato. E se speri di saltare sull’anteprima di Insider per intrufolarti in Windows 11, ho una brutta notizia: Microsoft afferma che dovrai eseguire il downgrade a Windows 10 quando rilascerà completamente il sistema operativo. In caso contrario, non potrai installare build future per risolvere problemi e aggiungere nuove funzionalità.

Ad un certo punto, Microsoft metterà un blocco per impedire ai PC di aggiornarsi a Windows 11, ma il fatto che quei PC possano aggiornarsi oggi sembra suggerire che non sia strettamente necessario. E non è che Microsoft non possa offrire Windows 11 a più dispositivi con l’espressa consapevolezza che alcune funzionalità non funzioneranno senza hardware più recente. Lo sta già facendo.

Se guardi la pagina completa delle specifiche di Windows 11 , Microsoft prevede già di bloccare le funzionalità se non disponi di hardware specifico. Questo ha senso; se non disponi di un touchscreen, ovviamente le funzionalità touch dovrebbero disattivarsi automaticamente. Se non si dispone di un display ad alta risoluzione, è logico disabilitare la funzione di disposizione della finestra Snap. E se non disponi di un processore in grado di gestire Client Hyper-V , disabilitarlo ha senso. Microsoft può dire quale hardware hai e agire di conseguenza su tali informazioni.

Quindi, potrebbe scegliere di consentire l’aggiornamento e la disattivazione di qualsiasi funzionalità che richieda TPM 2.0 o i processori più recenti. Ciò non spiegherebbe ancora completamente perché Windows 10 può gestire l’accesso biometrico con TPM 1.2 e Windows 11 no, ma almeno non rimarrai bloccato su un sistema operativo che smetterà di vedere gli aggiornamenti in futuro.

Il tempismo è terribile

Un'interfaccia di Teams su Windows 11

Per un momento, facciamo finta che Microsoft abbia fatto un buon lavoro nel comunicare il motivo per cui insiste su questi requisiti apparentemente arbitrari per Windows 11. Non l’ha fatto, ma fingiamo. In definitiva, uno dei maggiori problemi con Microsoft che sceglie ora di avviare Windows 11 è che potenzialmente bloccherà milioni di desktop e laptop. E il tempismo non potrebbe essere peggiore.

Pensaci un attimo. Nell’ultimo anno e mezzo abbiamo sopportato una pandemia globale che ha toccato ogni angolo della vita. Le persone hanno perso il lavoro e sono ancora disoccupate. Altri hanno perso il lavoro e hanno dovuto assumere un lavoro sottopagato. Per molti, il denaro scarseggia. E Microsoft sta scegliendo ora essenzialmente di costringere le persone che hanno maggiori probabilità di possedere vecchi PC ad acquistare nuovo hardware se vogliono rimanere aggiornati.

E sai cos’altro scarseggia? Processori, webcam e altri componenti che entrano in desktop e laptop. Intel prevede che la carenza di chip durerà per almeno altri due anni. Microsoft (e Sony) dovrebbero saperlo fin troppo bene, così come chiunque cerchi di acquistare una PS5 o Xbox Series X. Non li trovi da nessuna parte. E conosciamo tutti la legge della domanda e dell’offerta: quando le cose scarseggiano e la domanda è alta, i prezzi salgono.

Microsoft sta essenzialmente creando una domanda aggiuntiva per nuovi PC quando l’offerta è già scarsa, il che probabilmente farà aumentare i prezzi. Questo è un onere aggiuntivo per chiunque cerchi di far durare un PC il più a lungo possibile in questo momento. Il tempismo è completamente sbagliato per forzare gli acquisti di hardware e, francamente, Microsoft dovrebbe saperlo meglio. Se non riesce a mettere insieme l’hardware per produrre abbastanza Xbox per tenerle in stock, non dovrebbe aspettarsi che Dell, HP o qualsiasi altra azienda dipendente dalla stessa fornitura vada meglio.

E come dimostra l’anteprima di Windows 11 Insider, questi requisiti sono la scelta di Microsoft. Windows 11 nel suo complesso è promettente. Oltre a una barra delle applicazioni che potrebbe non piacerti , riesce principalmente a migliorare ciò che rende Windows 10 eccezionale. È solo un peccato che Microsoft sembri intenzionata a dare a Windows 11 una brutta prima impressione. E se aspetta troppo a lungo per correggere la rotta, Windows 11 potrebbe non riprendersi mai. Basta guardare Windows 8, che non poteva nemmeno essere salvato da Windows 8.1.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial