HomeAppIn che modo l'app di identificazione della musica Shazam fa la sua...

In che modo l’app di identificazione della musica Shazam fa la sua magia?

Shazam è quanto di più vicino alla magia possa arrivare un telefono cellulare. Diciamo che sei in un ristorante, parte una canzone e non riesci a posizionare bene la melodia. In passato, le tue opzioni erano limitate; potresti provare a chiedere un indizio al tuo coniuge o al cameriere, ma quell’approccio rischiava di rivelare la tua ignoranza.

Shazam—lanciato nel Regno Unito nel 2002 come servizio di chiamata ed è diventato ampiamente noto negli Stati Uniti l’anno scorso quando ha colpito l’iPhone—risolve il dilemma in pochi clic . Premi un pulsante sul telefono e in pochi secondi otterrai l’artista e il titolo della canzone. Oltre a giocare ai videogiochi, è la cosa più utile che puoi fare sul tuo telefono.

La scorsa settimana, Shazam ha annunciato che oltre 50 milioni di persone in tutto il mondo hanno utilizzato il servizio, rispetto ai 35 milioni di inizio anno. La società ha anche affermato di aver ricevuto un investimento non divulgato dalla leggendaria società di capitali di rischio della Silicon Valley KPCB.

Il successo di Shazam sembra giustificato: è l’unica app che puoi mostrare agli scettici dell’iPhone per convincerli a riconsiderare la loro posizione (sebbene Shazam sia disponibile anchesu Android, BlackBerry, Windows Mobile e praticamente su qualsiasi altro telefono).

Eppure, nonostante tutti i consensi che raccoglie, i meccanismi interni di Shazam sono piuttosto misteriosi. Come identifica effettivamente la tua canzone? Come guadagna l’azienda? (Ecco un suggerimento: gli utenti di iPhone dovrebbero aspettarsi di vedere presto una versione a pagamento.) E quali sono le prospettive a lungo termine per un’azienda il cui unico scopo è soddisfare un bisogno acuto e molto occasionale?

Innanzitutto, una breve spiegazione di come funziona Shazam. L’azienda ha una libreria di oltre 8 milioni di brani e ha ideato una tecnica per suddividere ogni traccia in una semplice firma numerica, un codice unico per ogni traccia. “La cosa principale qui è creare un”impronta digitale’ di ogni performance”, afferma Andrew Fisher, CEO di Shazam. Quando avvicini il telefono a una canzone che desideri identificare, Shazam trasforma la tua clip in una firma utilizzando lo stesso metodo. Quindi è solo una questione di abbinamento dei modelli: Shazam cerca nella sua libreria il codice che ha creato dalla tua clip; quando trova quel pezzo, sa di aver trovato la tua canzone.

OK, ma come fa Shazam a creare queste impronte digitali? Come Avery Wang, capo scienziato di Shazam e uno dei suoi co-fondatori, ha spiegato a Scientific American nel 2003, l’approccio dell’azienda è stato a lungo considerato computazionalmente poco pratico: si pensava che ci fossero troppe informazioni in una canzone per compilare una semplice firma. Ma mentre lottava con il problema, Wang ebbe un’idea brillante: e se ignorasse quasi tutto in una canzone e si concentrasse invece su pochi momenti relativamente “intensi”? Così Shazam crea uno spettrogramma per ogni canzone nel suo database, un grafico che traccia tre dimensioni della musica: frequenza vs ampiezza vs tempo. L’algoritmo seleziona quindi solo quei punti che rappresentano i picchi del grafico, note che contengono un “contenuto energetico superiore” rispetto a tutte le altre note attorno, come ha spiegato Wang in un documento accademico pubblicato per descrivere come funziona Shazam (PDF). In pratica, questo sembra funzionare a circa tre punti dati al secondo per brano.

algoritmo shazam

Penseresti che ignorare quasi tutte le informazioni in una canzone porterebbe a corrispondenze imprecise, ma la tecnica di fingerprinting di Shazam è notevolmente immune ai disturbi: può abbinare le canzoni in ambienti rumorosi su cattive connessioni cellulari. Fisher afferma che l’azienda ha anche trovato di recente un modo per abbinare la musica che è stata impercettibilmente accelerata (come a volte fanno i DJ dei club per abbinare un tempo specifico o come fanno i DJ della radio per adattarsi a una canzone prima di un’interruzione pubblicitaria). E può dire la differenza tra le diverse versioni della stessa canzone.

Fisher si è rifiutato di dirmi il tasso complessivo di insuccessi di Shazam. Tutto quello che direbbe è che il servizio è abbastanza buono da invogliare le persone a tornare per di più: l’utente medio cerca le canzoni otto volte al mese. Il motivo più comune per cui Shazam non riesce a identificare una canzone è che non ha dati sufficienti. Il sistema ha bisogno di almeno cinque secondi di musica per creare una corrispondenza e a volte le persone lo accendono proprio mentre la canzone sta finendo. Ci sono anche errori frequenti quando le persone cercano le esibizioni dal vivo: se avvicini il telefono alla TV durante il segmento musicale di Saturday Night Live, molto probabilmente Shazam non riuscirà a identificare la canzone.

Fisher dice che Shazam è tecnicamente in grado di lavorare su esibizioni dal vivo, ma hanno disattivato questa capacità per quelli che lui chiama “motivi di lavoro”. “In questo momento le persone si fidano del marchio: cercare di abbinare le canzoni dal vivo non otterrebbe una precisione molto elevata”, afferma. (Se hai una melodia bloccata nella tua testa, prova a usare Midomi , un rivale di Shazam che può identificare le canzoni in base al tuo canticchiare o cantare.)

La versione per iPhone di Shazam è stata un successone, ma rappresenta ancora solo il 20 percento della base clienti del servizio, che copre più di 150 paesi e praticamente tutti i gestori di telefonia mobile del mondo. La versione per iPhone ha anche segnato una svolta per l’azienda: è stata la prima versione offerta gratuitamente da Shazam. Fisher dice che questa si è rivelata una buona idea; ha portato Shazam alla fama istantanea e ora l’azienda ha una base di clienti sufficiente da poter fare soldi decenti attraverso gli annunci in-app e ottenendo una parte di ogni acquisto di canzone che le persone fanno attraverso l’app. Ma rimanere completamente liberi per sempre non è sostenibile, afferma Fisher.

L’azienda ha recentemente presentato una versione Windows Mobile della sua app che opera sotto un ” freemium“Modello di prezzo: gli utenti che scaricano la versione gratuita possono cercare cinque brani al mese, mentre una versione premium con un costo una tantum di $ 5 consentirà ricerche illimitate di brani. Fisher afferma che la versione da $ 5 per iPhone (e la maggior parte delle altre piattaforme) verrà lanciata entro la fine dell’anno.

La società sta anche pianificando di aggiungere molti più servizi alle sue app: un motore di consigli, un modo per condividere i tuoi gusti musicali con i tuoi amici e classifiche che mostrano le canzoni che le persone stanno cercando.

Ogni lunedì, Shazam invia le sue classifiche alle etichette discografiche e i dirigenti sono noti per firmare artisti in base ai dati. Ciò ha portato a un nuovo modo per gli artisti di entrare nel mainstream: essere presenti nelle pubblicità televisive. Nel 2005, ad esempio, Volkswagen ha pubblicato un annuncio in Europa per la Golf GTI che presentava una versione remixata di “Singin’ in the Rain” di Mint Royale. La canzone ha ispirato molte ricerche su Shazam e ha spinto l’etichetta della band a pubblicare la traccia, che è poi arrivata in cima alle classifiche europee. “Probabilmente lo vediamo almeno una volta al mese in tutto il mondo”, afferma Fisher. In altre parole, Shazam non solo aiuta il pubblico a trovare la musica. A volte aiuta la musica a trovare un pubblico.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial