HomeCuriositàIn che modo l'ora del giorno influisce sulla capacità di apprendimento

In che modo l’ora del giorno influisce sulla capacità di apprendimento

In un’epoca in cui tutte le informazioni del mondo sono a un paio di clic di distanza, ora è possibile imparare praticamente qualsiasi cosa a qualsiasi ora del giorno, almeno in teoria. In pratica, le cose non sono così chiare. Nonostante il fatto che possiamo accedere alle informazioni ogni volta che vogliamo, la nostra capacità di assorbire e comprendere tali informazioni non è altrettanto flessibile. A quanto pare, alcune ore del giorno sono migliori per l’apprendimento rispetto ad altre.

Questo grazie a una complessa serie di processi fisici, noti come ritmi circadiani, che regolano i tempi di tutto, dal nostro sonno alla nostra digestione su un ciclo di 24 ore. Sono anche parte integrante del modo in cui elaboriamo e conserviamo le informazioni.

I ritmi circadiani emanano dal nucleo soprachiasmatico (SCN), una piccola regione nell’ipotalamo anteriore del cervello. I geni orologio situati nelle cellule di questo maestro battistrada sono espressi a intervalli regolari. Coordinano l’espressione dei geni in altre cellule del cervello e in tutto il corpo, determinando una cascata di funzioni notevolmente prevedibile che determina i nostri livelli di eccitazione o veglia, e quindi la nostra capacità di prestare attenzione e inibire le informazioni irrilevanti. Questo a sua volta modella il modo in cui creiamo i ricordi, li integriamo nella nostra base di conoscenza esistente e li ricordiamo nel corso della giornata.

L’interruzione sperimentale dei ritmi circadiani in animali come i criceti ha portato a gravi deficit nella formazione della memoria. Un effetto simile è stato osservato negli equipaggi di volo che attraversano regolarmente più fusi orari, con conseguente jet lag cronico, una scoperta che sottolinea drammaticamente l’importanza del sistema circadiano in termini di cognizione.

Il momento ottimale per l’apprendimento

Numerose ricerche hanno scoperto che alcuni momenti sono migliori di altri per l’apprendimento, probabilmente una conseguenza della disponibilità di energia. La formazione dei ricordi è un processo ad alta intensità energetica e, a seconda dell’ora, può esserci più o meno energia disponibile per codificare le informazioni attraverso la formazione di nuove sinapsi.

In generale, poiché le funzioni esecutive come il controllo inibitorio sono più forti nei momenti di picco dell’eccitazione, i compiti di apprendimento come la risoluzione di problemi analitici e la memorizzazione dichiarativa che richiedono la regolazione dell’attenzione e l’esclusione di informazioni irrilevanti sono più adatti alle ore mattutine.

“Se ciò che stai cercando di imparare richiede concentrazione e attenzione ai dettagli – risolvere un problema di calcolo, fare scienza dei dati, scrivere un saggio – è quasi sempre meglio farlo al culmine”, spiega Daniel Pink, autore di When : I segreti scientifici del tempismo perfetto .

cervello con intelligenza artificiale a scorrimento del testo del computer

Al contrario, i compiti di apprendimento che beneficiano di un ridotto controllo inibitorio, come la risoluzione dei problemi di intuizione e la memorizzazione non dichiarativa o implicita, sono più adatti alle ore pomeridiane e serali in cui siamo meno eccitati. La riduzione dell’inibizione può facilitare la creazione di connessioni con conoscenze precedenti, apparentemente non correlate.

Questo cosiddetto effetto dell’ora del giorno varia sostanzialmente tra gli individui e le fasi di sviluppo. Le persone possono essere categorizzate approssimativamente come appartenenti a uno dei due cronotipi: mattina o sera. I cronotipi mattutini (allodole) sono più eccitati nelle prime ore, mentre i cronotipi serali (gufi) sono più eccitati verso la fine della giornata. In quello che è noto come effetto di sincronia, le persone in genere imparano meglio durante le loro ore preferite.

Mentre queste tendenze sono più o meno vere per tutta la durata della vita di una persona, ci sono anche tendenze cronotipiche dipendenti dall’età . I bambini tendono a preferire le mattine. Con l’inizio della pubertà, si spostano verso una preferenza serale. All’età di 20 anni, la maggior parte delle persone raggiunge un equilibrio, con alcuni che preferiscono fortemente la mattina o la sera per la maggior parte della loro vita adulta e circa il 70% cade da qualche parte nel mezzo, probabilmente incline al mattino. Poi, intorno ai 50 anni, c’è un ulteriore aumento della preferenza mattutina nella maggior parte della popolazione. I modelli scoperti nei giovani hanno enormi implicazioni per l’istruzione. A causa dell’effetto di sincronia, gli studenti spesso ricevono istruzioni in momenti della giornata non ottimali. Cioè: sono esposti alle informazioni nei momenti in cui sono meno in grado di assorbirle efficacemente.

“Per i bambini piccoli, puoi iniziare la scuola presto. Ma per gli adolescenti, una delle cose peggiori che puoi fare è iniziare presto la scuola . Nelle giurisdizioni di tutti gli Stati Uniti, gli adolescenti salgono sugli autobus alle 6:30 del mattino, quando sono sostanzialmente in coma”, osserva Pink. In effetti, l’American Academy of Pediatrics consiglia di iniziare la scuola non prima delle 8:30 per gli adolescenti. La maggior parte delle scuole superiori inizia intorno alle 8 del mattino , con un terzo che inizia anche prima.

Tuttavia, l’aumento degli orari di inizio non sarebbe ancora sufficiente per ottimizzare l’apprendimento. Per avvalersi davvero della ricerca, i soggetti dovrebbero essere concentrati nei momenti in cui gli studenti sono pronti a impegnarsi con loro. “Stiamo facendo imparare la matematica a bambini di otto anni alle 2:30 del pomeriggio, quando le prove sono schiaccianti è una pessima idea”, osserva Pink. “Stiamo facendo leggere ai quindicenni le opere di Shakespeare alle 7:45 del mattino quando riescono a malapena a vedere bene”.

Cita uno studio sui test standardizzati nei bambini danesi. Poiché era disponibile solo un certo numero di computer, i periodi di test erano scaglionati nell’arco della giornata. I bambini che hanno effettuato i test nel corso della giornata hanno ottenuto risultati molto peggiori di quelli che li hanno eseguiti al mattino, illustrando vividamente l’importanza della sincronia con le preferenze circadiane. Allo stesso modo, uno studio su un’ampia fascia di studenti di Los Angeles ha riscontrato scarse prestazioni nei test di matematica per gli studenti a cui veniva insegnato nel pomeriggio. Questi effetti apparentemente singolari hanno in realtà ripercussioni per tutta la vita. Garantire aiuti finanziari per l’istruzione superiore richiede buoni punteggi dei test, il che significa che le conseguenze di questo disallineamento sono particolarmente acute per gli studenti a basso reddito.

Oltre la classe

L’apprendimento, ovviamente, non finisce dopo la scuola. Gli adulti imparano per tutta la vita, anche in età avanzata. Uno studio sulla risonanza magnetica ha rilevato che, in linea con l’effetto di sincronia, gli anziani erano in grado di mantenere la concentrazione durante le ore mattutine, abbinando le capacità degli adulti più giovani nel corso della giornata. È stato anche scoperto che gli anziani hanno prestazioni migliori nei compiti di memoria implicita durante le ore serali.

Pink ritiene che ciò abbia implicazioni sul posto di lavoro. “Se un’azienda ha la stessa distribuzione di cronotipi della popolazione normale, significa che il 20% sono nottambuli. Se hai una normale riunione mattutina del personale, avrai 1/5 delle persone nella tua azienda che odieranno la vita”, ride. Ciò potrebbe effettivamente avere gravi conseguenze: a seconda del tipo di informazioni trasmesse in quella riunione, alcuni membri del personale potrebbero non conservarle o elaborarle in modo efficiente. In altre situazioni, come nel caso dei lavoratori di guardia a tarda notte, la desincronizzazione circadiana può effettivamente essere pericolosa. Gli incidenti sul lavoro sono molto più comuni durante il turno di notte. L’incidente nucleare di Three Mile Island del 1979 è stato causato in parte dall’incapacità di un lavoratore di turno in ritardo di ricordare un’importante procedura di sicurezza, ad esempio.

Anche un altro componente del ciclo circadiano ha un effetto significativo sull’apprendimento: il sonno. La nozione di “dormire” su una decisione è antica. A quanto pare, una volta Enrico VIII disse a un consigliere che intendeva fare proprio questo. (Non si può fare a meno di immaginare il re omicida reclinare la sua forma rigonfia contro una pila di cuscini di velluto e meditare sulla sua prossima esecuzione coniugale.) Il sonno, ovviamente, è importante nei processi cognitivi molto più banali – quel pezzo di saggezza popolare ha effettivamente stato convalidato sperimentalmente. La ricerca ha dimostrato che posticipare prima di essere testati su informazioni appena apprese migliora il consolidamento della memoria e l’ integrazione con le conoscenze esistenti . La privazione del sonno ha l’ effetto opposto .

Quando si tratta di imparare, si scopre che il tempismo è davvero tutto. Mentre ci lanciamo in avanti in questa frenetica era digitale, tenere d’occhio l’orologio potrebbe effettivamente rendere il mondo un posto più giusto e più sicuro per tutti.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial