lunedì, Novembre 28, 2022
HomeInstagramInstagram ha bloccato l'account del suo CEO, credeva fosse morto

Instagram ha bloccato l’account del suo CEO, credeva fosse morto

Il capo di Instagram Adam Mosseri è stato brevemente bloccato fuori dal suo account Instagram a settembre dopo essere stato falsamente segnalato come morto.

Un truffatore che usa il nome utente @Syenrai ha detto a Motherboard di Vice che erano responsabili dello stratagemma, sostenendo di aver creato un falso necrologio per convincere Instagram che Mosseri era morto.

“Come altri servizi Internet, Instagram ha moduli online per aiutare le persone a segnalare attività sospette o per farci sapere che un amico o un familiare è morto”, ha detto a Insider un portavoce di Meta, che ha confermato che l’account di Mosseri è stato erroneamente commemorato per un breve periodo di tempo.

“Sfortunatamente, alcune persone abusano di questi moduli, quindi assumiamo investigatori e specialisti di sicurezza informatica per rilevare le tattiche dei truffatori in modo da poter migliorare e rendere loro sempre più difficile”, ha aggiunto.

Mentre l’account del capo di Instagram è stato rapidamente ripristinato, gli utenti medi presi di mira da tali truffe potrebbero non riottenere l’accesso ai propri profili per giorni o settimane, secondo il rapporto di Vice.

Per vietare gli utenti ordinari con meno di un milione di follower, Syenrai ha dichiarato all’outlet di aver inviato a Instagram necrologi online di persone a caso morte di recente, anche se il nome non corrisponde all’account.

Secondo quanto riferito, le affermazioni di Syenrai fanno parte di un’industria clandestina in cui i clienti pagano i truffatori per rimuovere determinati account per un minimo di $ 60, secondo un rapporto di Motherboard di agosto. L’anno scorso, i truffatori hanno detto a Insider che i soldi ricavati dalla vendita di impegni su Instagram – come visualizzazioni e Mi piace falsi – hanno fatto abbastanza soldi per pagare una “buona macchina e una casa decente”.

“L’attività non autentica è dannosa per la comunità e fin dai primi giorni di Instagram abbiamo investito in modi per identificare e rimuovere milioni di account falsi o spam. Continueremo a basarci su queste tecnologie, per mantenere la migliore esperienza possibile nel nostro piattaforme”, ha detto a Insider un portavoce di Facebook in risposta al rapporto del 2020.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial