HomeAppleL'iPhone compie 15 anni. Ma era più bello prima?

L’iPhone compie 15 anni. Ma era più bello prima?

I primi tempi, quando l’ iPhone era nuovo, furono speciali. 15 anni fa, Steve Jobs e

Mela

progettato ciò che potrebbe essere meglio descritto come una bestia clamore del lancio di un prodotto.

In primo luogo, Jobs ha presentato l’iPhone al Macworld nel gennaio 2007, ma sarebbero passati mesi prima che l’iPhone venisse lanciato ufficialmente. Che fosse stato progettato o necessario, quel ritardo si è rivelato il miglior modo possibile per lanciare quella che sarebbe diventata una pietra miliare tecnologica e culturale.

L’attesa per i dettagli sulla disponibilità e la data di lancio ufficiale è stata costruita e costruita fino all’annuncio di Apple e, naturalmente, i media tecnologici lo hanno riportato.

Hype Central si è rivelato essere l’Apple Flagship Store di un anno sulla Fifth Ave. Anche se ricordo il giorno del lancio, non ricordo di aver partecipato o nemmeno di essere passato. Tuttavia, i rapporti dell’epoca descrivevano una linea che scendeva letteralmente giù per i gradini del negozio e serpeggiava intorno all’isolato. C’erano media e società di terze parti che cercavano di cavalcare questa ondata di eccitazione. Era un pandemonio.

Alla vecchia maniera

Apple ha generato tutto questo senza il beneficio dei social media. Facebook aveva solo un paio d’anni e per lo più solo studenti universitari lo usavano. Twitter non aveva preso piede con il grande pubblico. Non c’era Instagram.

Tutto questo è stato costruito sul tradizionale clamore mediatico e sul passaparola.

Apple vi si appoggiò, forte. C’erano dipendenti del negozio che agivano come cheerleader, guidando le persone in canti di “Quando dico ‘io’, tu dici ‘iPhone'”.

Le scene di persone che aspettavano tutta la notte (a volte per giorni) fuori dagli Apple Store si sono ripetute in tutto il paese.

Come mai?

Apple e Jobs hanno passato gli ultimi otto anni a creare una devozione al marchio che alcuni potrebbero sostenere superasse la qualità simultanea dei loro prodotti. Non la vedo così. Non c’è mai stata un’azienda, tecnologica o meno, che sia riuscita a coniugare design raffinato e qualità e utilità leader del settore con un’affinità di marca che si è incorporata in qualcosa che si avvicina a un culto.

Come ha detto un ragazzo al New York Times nel 2007 mentre aspettava online fuori da un Apple Store di Chicago il primo iPhone: “Se la Apple facesse il pane a fette, sì, lo comprerei”.

La devozione è nata da prodotti come iMac , iBook e iPod. Steve Jobs era il collante che legava tutto insieme. Era difficile trovare un fanatico di Apple che non fosse così devoto a Jobs come lo era al suo iPod.

Devozione e ripetizione

Dopo quel primo lancio, sono diventato un habitué degli eventi di lancio annuali, che alla fine si sono spostati dall’estate a settembre o ottobre. Per un po’, la macchina dell’hype è continuata senza sosta.

Tuttavia, a quel punto il tenore degli eventi era cambiato. Sì, c’erano ancora le file, ma spesso erano piene di camerieri di linea professionisti che compravano i telefoni per altre persone e quelli che compravano per la rivendita. I preordini, la consegna a domicilio e l’attivazione a domicilio sono diventati tutti all’ordine del giorno e più facili che aspettare fuori da un negozio Apple.

Le linee stavano iniziando a ridursi, ma il team di ipertecnici di Apple stava crescendo e diventando più audace.

Dopo che la donna lituana ha portato fuori il suo nuovo telefono ancora imballato, le hanno chiesto di aprirlo per la folla. Ha obbedito e sembrava eccitata, ma ho pensato che fosse un po’ forzato.

Mai lo stesso

Ci sono occasionali riscontri all’eccitazione del passato, come quando Apple ha introdotto l’ iPhone X nel 2017. Il suo look e la sua tacca radicalmente nuovi hanno creato un brusio che non si vedeva dai tempi di Jobs. Pensavo che la fila al negozio della Fifth Avenue fosse tra le più grandi che avessi visto da anni. Ho avuto il telefono presto e quando l’ho sventolato di fronte ad alcuni futuri possessori di iPhone X, sono visibilmente svenuti.

Ovviamente, la pandemia ha vaporizzato quel fenomeno per alcuni anni, ma anche prima di allora, non sono sicuro che le file di clienti iPhone fossero così grandi come i gruppi di cheerleader professionisti del Team Apple che hanno creato un guanto di sfida per i nuovi possessori di iPhone.

A 15 anni di distanza, l’iPhone di Apple è ancora uno smartphone eccellente, chiaramente leader nel suo campo, ma la bolla di clamore che Apple e Steve Jobs hanno alimentato e cresciuto è visibilmente sgonfia. Amiamo ancora i dispositivi e li compriamo a milioni, ma quel momento culturale è andato.

Non vedo l’ora che arrivi il prossimo prodotto in grado di generare quel tipo di emozione.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial