domenica, Giugno 23, 2024

La barra di Chrome ora corregge errori di battitura e cerca nei segnalibri

Google sta apportando alcune modifiche al modo in cui funziona la barra di ricerca e degli indirizzi, nota come omnibox, nel Browser Chrome. I cambiamenti sono individualmente piuttosto piccoli, ma c’è una tendenza importante e in qualche modo inaspettata in tutti loro: Google ti sta rendendo più semplice spostarti sul Web senza dover fare così tante ricerche su Google.

Se utilizzi Chrome su desktop o dispositivo mobile, il browser ora proverà a correggere gli errori di battitura dell’URL, quindi quando digiti thevrege.com o ninteendo.com, riceverai suggerimenti di completamento automatico basati sul sito giusto e non su ciò che c’è dietro quei domini con errori di ortografia. Il completamento automatico della omnibox ora sarà più intelligente in generale, prevedendo il sito che stai cercando in base alle parole chiave anziché semplicemente indovinando quale URL stai digitando. (Nell’esempio di Google, puoi digitare “voli” e Chrome potrebbe prevedere che desideri andare su Google Voli, mentre prima suggeriva semplicemente query di ricerca che includevano la parola. Funzionerà però anche con siti non Google.) Chrome ora può anche cercare all’interno dei tuoi segnalibri siti e file correlati a ciò che stai digitando.

Tutte queste funzionalità si basano sulla cronologia di navigazione e sui segnalibri, quindi Chrome sta diventando leggermente più personalizzato. Ma l’ultima modifica riguarda l’intero Web ed è piuttosto inappropriata per Google: quando inizi a digitare il nome di un sito Web popolare, la omnibox mostrerà l’URL di quel sito nell’elenco dei suggerimenti e potrai selezionarlo per andare direttamente su quel sito. (Potresti averlo già visto: è stato lanciato per un paio di settimane e dovrebbe essere disponibile per tutti adesso.)

Si tratta generalmente di funzionalità di navigazione web utili e utili, ma significano che probabilmente eseguirai meno ricerche su Google

Si tratta generalmente di funzionalità di navigazione web utili e utili, ma significano che probabilmente eseguirai meno ricerche su Google. Uno dei pilastri del business della ricerca è la cosiddetta ricerca navigazionale: un’enorme percentuale di Internet arriva a Facebook, ad esempio, cercando su Google la parola “Facebook” e facendo clic sul risultato principale. Anche gli errori di battitura rappresentano più query di ricerca di quanto si pensi. In passato, il team di Chrome è stato allontanato da funzionalità come queste proprio perché avrebbero potuto ridurre il numero di ricerche su Google eseguite ogni giorno.

Ma ora sono cambiate alcune cose che potrebbero rendere Google più disponibile a questo tipo di funzionalità. In primo luogo, è coinvolta in una storica causa antitrust secondo la quale Google detiene il monopolio della ricerca e abusa del suo potere a spese dei consumatori. In secondo luogo, poiché Google abbraccia l’Intelligenza Artificiale attraverso la Search Generative Experience – che il CEO Sundar Pichai ha affermato senza mezzi termini come il futuro della ricerca – ogni query è diventata letteralmente più costosa per Google poiché deve interrogare i suoi grandi modelli linguistici per ottenere risposte. Molte di queste ricerche di navigazione non hanno comunque pubblicità, quindi Google potrebbe essere davvero felice di attirare persone spento la sua pagina dei risultati di ricerca per una modifica. In definitiva, mantenere il dominio di Chrome, che mantiene Google come il principale motore di ricerca della maggior parte delle persone, vale probabilmente alcuni piccoli compromessi sulle funzionalità.

Insieme a tutti questi cambiamenti, Google afferma che sta modificando il layout visivo della omnibox per renderla più facile da leggere e più veloce da caricare. Sembra che, almeno in Chrome, Google stia leggermente sottovalutando l’importanza della pagina dei risultati di ricerca e alzando la barra degli indirizzi e il menu a discesa dei suggerimenti per rendere più veloce lo spostamento sul web. (Un possibile risultato di ciò è che riceviamo completamenti automatici sponsorizzati, ma è una cosa di cui ci preoccuperemo un altro giorno.) In molti modi, il significato di effettuare ricerche in Internet sta cambiando. Anche Google deve muoversi velocemente per tenere il passo.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: