domenica, Ottobre 2, 2022
HomeAmazonLa California fa causa ad Amazon: ha rovinato lo shopping online

La California fa causa ad Amazon: ha rovinato lo shopping online

Amazon è di nuovo sotto accusa per le sue politiche che vietano ai suoi rivenditori online di vendere i loro prodotti a prezzi inferiori su altri siti Web e piattaforme di vendita al dettaglio. I critici affermano che ciò ha portato anni a prezzi più elevati per i consumatori invece di consentire ai mercati di determinare prezzi equi.

L’anno scorso, il Distretto di Columbia ha citato in giudizio Amazon per lo stesso motivo e ha perso in tribunale nel marzo 2022. Ma ad aprile, il Dipartimento di Giustizia ha rilasciato una dichiarazione a sostegno del caso della DC e, poco dopo, la DC ha presentato ricorso questo agosto . Ora, il procuratore generale della California Rob Bonta ha accumulato ulteriori pressioni, annunciando una causa contro Amazon per il presunto blocco della concorrenza sui prezzi anche in California.

In precedenza, un portavoce di Amazon ha  dichiarato a Politico  in merito alla causa DC che “i venditori stabiliscono i propri prezzi per i prodotti che offrono nel nostro negozio”. Il portavoce ha suggerito che senza l’impegno di Amazon di mettere in evidenza gli articoli a prezzi competitivi al di sopra degli altri, i prezzi sul mercato aumenterebbero, non diminuirebbero come suggeriscono i critici.

Oggi, un portavoce di Amazon ha fornito ad Ars una dichiarazione simile sul nuovo caso.

“Simile al procuratore generale della DC, la cui denuncia è stata respinta dai tribunali, il procuratore generale della California ha esattamente il contrario”, ha detto il portavoce di Amazon. “I venditori stabiliscono i propri prezzi per i prodotti che offrono nel nostro negozio. Amazon è orgogliosa del fatto che offriamo prezzi bassi nella più ampia selezione e, come qualsiasi negozio, ci riserviamo il diritto di non evidenziare offerte ai clienti che non hanno un prezzo competitivo Il sollievo che l’AG cerca costringerebbe Amazon a offrire prezzi più alti ai clienti, stranamente andando contro gli obiettivi fondamentali della legge antitrust”.

Bonta non è d’accordo con Amazon. Ha affermato nel suo comunicato stampa che “gli accordi di Amazon ostacolano la capacità di altri rivenditori online di competere, contribuendo al dominio di Amazon nel mercato al dettaglio online e danneggiando commercianti e consumatori attraverso commissioni gonfiate e prezzi più elevati”.

“La realtà è: molti dei prodotti che acquistiamo online sarebbero più economici se le forze del mercato non fossero vincolate”, ha affermato Bonta. “Con la causa di oggi, stiamo combattendo”.

La sua causa intentata oggi chiede alla Corte Superiore di San Francisco di emettere un’ordinanza che “ferma il comportamento anticoncorrenziale di Amazon e recupera i danni ai consumatori della California e all’economia della California”. Oltre a vietare ad Amazon le pratiche anticoncorrenziali, Bonta vuole che Amazon “compensi i danni ai consumatori attraverso l’aumento dei prezzi”, un importo che deve ancora essere determinato.

Un portavoce del Dipartimento di Giustizia della California ha detto ad Ars che l’importo “sarà determinato dal tribunale, ma il danno che stiamo affermando è significativo. Per pensare alle dimensioni, potresti voler considerare cosa significa se ogni californiano ha pagato anche solo un po’ di più per ogni prodotto acquistato online nell’arco di un decennio”.

In che modo il caso della California è diverso da quello della DC?

Bonta ha pubblicato la nuova denuncia lanciata contro Amazon, il che suggerisce che poiché quasi il 75% dei consumatori si rivolge direttamente ad Amazon per tutti gli acquisti online, i commercianti non hanno altra scelta che vendere su Amazon.

Ma poiché i rivenditori hanno affermato che il costo della vendita di articoli su Amazon è superiore rispetto ad altre piattaforme, inclusi i propri siti Web, Bonta ha affermato che i termini degli accordi con i rivenditori con Amazon limitano la loro capacità di vendere articoli a un costo inferiore su piattaforme con commissioni di vendita inferiori. Bonta ha citato un consulente di e-commerce che ha confermato che i rivenditori potrebbero vendere articoli a tariffe inferiori su siti come Walmart o eBay. Il risultato è uno scenario in cui ai consumatori viene negata l’opportunità di accedere a prodotti a tariffe più convenienti.

All’estremo estremo, Bonta ha affermato che se Amazon sorprende i rivenditori a violare l’accordo, i rivenditori possono essere soggetti a sanzioni, come la diminuzione della visibilità dei loro articoli nei risultati di ricerca dei prodotti “e persino la possibilità di risoluzione o sospensione”.

Il Dipartimento di Giustizia è apparentemente dalla parte di Bonta. Nella sua dichiarazione di sostegno per riaprire il caso della DC contro Amazon, il DOJ ha affermato che la Corte Superiore della DC ha commesso un errore nella sua sentenza di rigetto del caso, in parte perché il DOJ ha affermato di fare affidamento su una giurisprudenza inapplicabile. “Se non corretta, la sentenza della Corte potrebbe mettere a repentaglio l’applicazione della legge antitrust”, ha avvertito il DOJ.

Non inserendo la propria sentenza, il Dipartimento di Giustizia ha raccomandato al tribunale di DC di riconsiderare se DC ha adempiuto al proprio onere di dimostrare che gli accordi con i rivenditori di Amazon sono irragionevoli.

Sei mesi fa, Amazon apparentemente ha superato questo ostacolo, ma il prossimo round di battaglie legali potrebbe rivelarsi più impegnativo, soprattutto con il DOJ e il team legale di un altro stato coinvolti. Mentre la DC avvia il suo processo di appello, Bonta, nel deposito di oggi, ha chiesto alla Corte Superiore di San Francisco un processo con giuria.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial