HomeCriptovaluteBitcoinLa Cina chiuderà oltre il 90% della sua capacità di estrazione Bitcoin

La Cina chiuderà oltre il 90% della sua capacità di estrazione Bitcoin

Molte miniere di Bitcoin nella provincia del Sichuan, nel sud-ovest della Cina, una delle più grandi basi minerarie di criptovalute della Cina, sono state chiuse da domenica, dopo che le autorità locali hanno ordinato di interrompere l’attività mineraria nella regione venerdì nel mezzo di un’intensificata repressione nazionale contro l’estrazione di criptovalute.

Il divieto significa anche che si stima che oltre il 90% della capacità mineraria cinese di Bitcoin verrà chiusa, almeno a breve termine, poiché i regolatori di altri importanti centri minerari nelle regioni nord e sud-ovest della Cina hanno adottato misure simili.

Alcuni operatori del settore avevano sperato che i regolatori del Sichuan, dove l’energia idroelettrica è abbondante, potessero adottare un approccio più morbido. Ma l’ultimo divieto sottolinea la determinazione dei regolatori cinesi di frenare il trading speculativo di criptovalute per controllare i rischi finanziari, nonostante alcuni vantaggi per le economie locali, hanno affermato gli osservatori.

“La finestra di uscita si sta chiudendo e stiamo cercando di trovare miniere all’estero per posizionare i nostri dispositivi di mining”, ha detto domenica al Global Times un insider del settore con sede nel Sichuan, che ha parlato a condizione di anonimato, aggiungendo che un certo numero di minatori hanno subito perdite enormi.

La Commissione per lo sviluppo e la riforma della provincia del Sichuan e l’Ufficio per l’energia del Sichuan hanno emesso venerdì un avviso congiunto, ordinando alle compagnie elettriche locali di “selezionare, ripulire e terminare” le operazioni minerarie entro domenica.

L’avviso elencava 26 aziende che erano state ispezionate e segnalate come potenziali imprese minerarie di criptovaluta, tra cui Heishui Kedi Big Data Tech Co e Kangding Guorong Tech Co.

L’avviso ordinava anche alle società elettriche locali di interrompere immediatamente la fornitura di energia ai progetti di criptovaluta che hanno rilevato, e condurre l’autoispezione e la rettifica e riferire i loro risultati entro venerdì. Inoltre, ha vietato alle autorità locali di approvare nuovi progetti minerari.

“Avevamo sperato che il Sichuan fosse un’eccezione durante la repressione poiché c’è un eccesso di elettricità nella stagione delle piogge. Ma i regolatori cinesi stanno ora adottando un approccio uniforme, che dovrebbe rivedere e frenare la fiorente industria mineraria di Bitcoin in Cina”, Shentu Qingchun, CEO della società blockchain BankLedger con sede a Shenzhen, ha dichiarato domenica al Global Times.

Secondo quanto riportato dai media, i mining pool di Bitcoin sostenuti da società cinesi, come Huobi Pool, Binance e AntPool, hanno registrato un calo del 20-40% nei loro tassi di hash in tempo reale nelle ultime 24 ore.

La regione autonoma dello Xinjiang Uygur della Cina nordoccidentale, la regione autonoma della Mongolia interna della Cina settentrionale e la provincia dello Yunnan della Cina sudoccidentale hanno tutte annunciato regole per limitare l’estrazione di Bitcoin.

“Ciò significa che oltre il 90% della capacità di mining di Bitcoin, o un terzo della potenza di elaborazione della rete globale di criptovalute, sarà sospeso a breve termine. Di conseguenza, i minatori cinesi devono formare alleanze per migrare all’estero, in luoghi come Nord America e Russia”, ha osservato Shentu.

Ha aggiunto che il prezzo delle macchine minerarie potrebbe scendere a breve termine, poiché molti minatori di criptovalute scaricherebbero le apparecchiature di elaborazione, ma la volontà del mercato di digerire l’eccesso di offerta rimarrebbe tiepida. Ciò avrebbe anche “martellato” le forniture a monte.

Wang Peng, assistente professore presso la Gaoling School of Artificial Intelligence presso la Renmin University of China, ha dichiarato domenica al Global Times che la mossa delle autorità cinesi è in linea con il severo controllo del commercio di valuta digitale da parte dei regolatori finanziari globali, per prevenire rischi finanziari e attività illegali come il riciclaggio di denaro.

A maggio, alti funzionari cinesi hanno affermato che è necessario reprimere l’estrazione e il commercio di Bitcoin e prevenire risolutamente la trasmissione dei rischi individuali alla società in generale.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial