domenica, Dicembre 4, 2022
HomeCriptovaluteLa Cina è di nuovo il secondo miner di bitcoin più grande...

La Cina è di nuovo il secondo miner di bitcoin più grande del mondo

Bitcoin e CinaLa Cina è tornata come una potenza mondiale di mining di bitcoin, nonostante la repressione delle criptovalute di Pechino.

Una ricerca del Cambridge Center for Alternative Finance ha rilevato un aumento delle operazioni di mining segrete dopo il divieto significa che il paese è ora il secondo luogo al mondo per il mining di bitcoin, dietro gli Stati Uniti.

“In Cina, a seguito di un improvviso aumento delle operazioni di mining segrete dopo il divieto imposto dal governo del giugno 2021 sull’estrazione di Bitcoin, il paese è riemerso come un importante hub minerario”, ha affermato il CCAF nel suo rapporto pubblicato martedì.

La Cina è stata il principale minatore di bitcoin fino a quando il suo governo in ottobre ha completamente vietato il mining rendendo illegale tutte le attività commerciali legate alla criptovaluta nel paese.

Ma gli sforzi di Pechino per reprimere il mining di bitcoin hanno provocato un forte aumento delle attività sotterranee, secondo la ricerca.

I minatori cinesi di bitcoin sono stati la fonte del 21,11% dell’hashrate globale, hanno osservato i ricercatori nel loro studio sul periodo tra settembre 2021 e gennaio 2022.

“Ciò suggerisce fortemente che nel paese si sia formata una significativa attività mineraria sotterranea, il che conferma empiricamente ciò che gli addetti ai lavori del settore presumevano da tempo”, afferma il rapporto.

“L’accesso all’elettricità fuori rete e le operazioni su piccola scala geograficamente sparse sono tra i principali mezzi utilizzati dai minatori sotterranei per nascondere le loro operazioni alle autorità e aggirare il divieto”.

Nel mining di bitcoin , i computer ad alta potenza risolvono enigmi complessi per coniare nuove monete e proteggere la rete. L’ hashrate riflette la potenza di calcolo utilizzata da una rete di criptovaluta proof-of-work, come bitcoin, per elaborare le transazioni in una blockchain. Può anche riflettere la velocità con cui le macchine di un minatore di criptovalute completano i calcoli.

Il divieto del governo cinese ha comportato un calo immediato del totale dell’hashrate globale, ma questo si è rapidamente invertito quando i minatori si sono spostati all’estero, secondo il rapporto.

“Entro la fine del 2021, l’hashrate totale della rete era quasi completamente tornato ai livelli pre-ban”, ha affermato. “La traiettoria al rialzo è continuata all’inizio del 2022 ed è culminata in un nuovo massimo storico di hashrate”.

La ricerca ha rilevato che gli Stati Uniti rappresentavano il 37,84% dell’hashrate. La Russia ha visto un calo sostanziale della sua quota, dall’11,23% di agosto al 4,66% di gennaio.

Il Kazakistan è diventato una destinazione per i minatori di criptovalute in fuga dal divieto cinese, portando ad agosto un aumento della quota di hashrate al 18,10%. Ma le rigide regole introdotte dal suo governo per contrastare la carenza di energia hanno portato la sua quota al 13,22%.

La dura repressione della Cina sulle criptovalute si è riverberata in tutto il settore e ha fornito agli Stati Uniti l’opportunità di andare avanti e diventare per la prima volta il più grande minatore di bitcoin del mondo.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial