Le celebrità in Cina non possono più “mostrare ricchezza” o “piacere stravagante” sui social media, ha annunciato martedì la Cyberspace Administration of China (CAC) .

Sia gli account delle celebrità che dei fan club devono “seguire l’ordine pubblico e le buone abitudini, aderire al corretto orientamento dell’opinione pubblica e all’orientamento al valore, promuovere i valori fondamentali del socialismo e mantenere uno stile e un gusto sani”, ha affermato l’agenzia cinese di regolamentazione di Internet in una nota.

L’annuncio segue la repressione del Partito Comunista sulla crescente industria dell’intrattenimento cinese, mentre i funzionari respingono gli scandali delle celebrità e i “caotici” gruppi di fan online che si ritiene causino disordini sociali.

L’avviso di martedì vieta inoltre alle celebrità di diffondere voci, pubblicare informazioni false o private, provocare gruppi di fan ad “attaccarsi verbalmente a vicenda” e incoraggiare i fan a partecipare a “raccolta fondi illegali o investimenti irrazionali”.

LEGGI  Jeff Bezos minaccia Leonardo DiCaprio dopo che l'attore ha flirtato con la sua fidanzata

Lo stesso giorno, la China Association of Performing Arts ha vietato lo streaming live di un totale di 88 persone, tra cui la pop star cinese-canadese Kris Wu, recentemente accusata di violenza sessuale.

L’elenco è progettato per “rafforzare l’autodisciplina del settore” e “impedire agli artisti illegali e non etici” di rientrare nel settore, ha affermato il gruppo.

Ad agosto, il regolatore statale cinese dell’intrattenimento ha cancellato Zhao Wei, una delle attrici più famose del paese, da tutti i social media e le piattaforme di streaming. Sebbene i funzionari non abbiano fornito una ragione per la rimozione di Wei, i media sostenuti dallo stato hanno citato “vari scandali nel corso degli anni” come una causa da 7,45 milioni di dollari per investitori.

LEGGI  Nave da guerra da 2 miliardi di dollari in fiamme: i marinai non sono riusciti a premere un pulsante

Per far rispettare le nuove regole, i social network cinesi devono monitorare e segnalare alle autorità “sospetti atti illegali e criminali di star esposte e conflitti di gruppo che coinvolgono i fan” moderando i contenuti che potrebbero provocare disordini sociali, secondo l’avviso.

L’accesso ad app globali come Twitter, Facebook e YouTube è bloccato in Cina, costringendo gli utenti a fare affidamento su siti nazionali soggetti a censura come Weibo, Renren e YouKu.

La Cina è stata recentemente oggetto di scrutinio dopo che la star del tennis Peng Shuai ha accusato un ex membro anziano del Partito Comunista di aggressione sessuale in un post su Weibo, che è stato successivamente rimosso. È rimasta invisibile per quasi un mese fino a questa domenica, quando ha parlato con il Comitato Olimpico Internazionale in videochiamata.

LEGGI  El Salvador ha installato i suoi bancomat bitcoin negli USA per i salvadoregni che vivono all'estero

“Peng Shuai, e tutte le donne, meritano di essere ascoltate, non censurate. La sua accusa sulla condotta di un ex leader cinese che implica un’aggressione sessuale deve essere trattata con la massima serietà”, ha affermato il presidente e CEO di WTA  Steve Simon in una nota . “Ci aspettiamo che questo problema venga gestito correttamente, il che significa che le accuse devono essere indagate in modo completo, equo, trasparente e senza censura”.