giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeVideogiochiFortniteLa lotta tra Fortnite ed Apple continua

La lotta tra Fortnite ed Apple continua

Epic Games, produttore di Fortnite, sta caricando una nuova mappa nella sua lotta in corso contro Apple mentre presenta un reclamo antitrust contro il produttore di telefoni cellulari nell’Unione Europea.

Epic afferma nella sua denuncia che Apple utilizza il proprio controllo esclusivo sulle app iOS per bloccare i concorrenti e avvantaggiarsi a spese degli sviluppatori in violazione della legge europea sulla concorrenza, ha affermato la società .

“La posta in gioco qui è il futuro delle piattaforme mobili”, ha dichiarato in una dichiarazione scritta il CEO di Epic Tim Sweeney. “Non resteremo a guardare e permetteremo ad Apple di utilizzare la sua piattaforma dominante per controllare quello che dovrebbe essere un campo di gioco digitale uniforme. È un male per i consumatori, che stanno pagando prezzi gonfiati a causa della completa mancanza di concorrenza tra i negozi e il pagamento in-app l’elaborazione. Ed è un male per gli sviluppatori, i cui mezzi di sussistenza spesso dipendono dalla completa discrezione di Apple su chi consentire sulla piattaforma iOS e in quali condizioni “.

Apple a sua volta ha affermato che Epic è l’unico autore dei propri guai, scrivendo che la società ha abilitato una funzione “che non è stata rivista o approvata da Apple”, violando deliberatamente e provocatoriamente l’accordo con gli sviluppatori di Apple in questo modo. “Il loro comportamento sconsiderato ha reso le pedine dei clienti e non vediamo l’ora di renderlo chiaro alla Commissione europea”, ha affermato Apple.

Una battaglia in corso

Apple non ha torto quando afferma che Epic ha infranto le sue regole di proposito. Questo è esattamente quello che ha fatto Epic lo scorso agosto , quando ha improvvisamente svelato un sistema di pagamento in-app alternativo per gli acquisti di Fortnite su Android e iOS.

Apple richiede esplicitamente che tutti gli acquisti in-app passino attraverso il proprio sistema di pagamento, con un taglio del 30% delle vendite. Poco tempo dopo che Epic ha lanciato il suo sistema di pagamento alternativo, che offriva ai giocatori uno sconto sugli acquisti per fare il punto, Apple ha avviato Fortnite dall’app store iOS. Epic, chiaramente pronta e in attesa, ha immediatamente intentato una causa sostenendo che Apple ha violato la legge antitrust.

Quel caso si sta ancora muovendo lentamente attraverso il tribunale federale e lo sarà per qualche tempo. Per ora, Fortnite è ancora bloccato da iOS , ma per il momento sono ancora consentiti altri giochi che utilizzano il motore Unreal di Epic . Il giudice che supervisiona il caso ha anche respinto alcune delle riconvenzionali di Apple contro Epic.

Una litania di lamentele

Come abbiamo spiegato in precedenza , non è necessario avere un monopolio letterale su un mercato per violare la legge antitrust. Invece, la legge si occupa di come usi il potere che hai. Sebbene Apple controlli una minoranza del mercato globale degli smartphone (Android ha una quota di mercato maggiore sia negli Stati Uniti che nel mondo), potrebbe comunque sfruttare la sua attività in modi anticoncorrenziali.

Epic non è il primo a lamentarsi del fatto che l’App Store iOS di Apple sia illegale e sembra improbabile che sia l’ultimo. Nello specifico nell’UE,  Spotify ha presentato una denuncia simile contro Apple nel 2019.

Spotify deve anche utilizzare il sistema di pagamento in-app di Apple per effettuare acquisti, comprese le quote di abbonamento. Nel tempo, ha affermato Spotify, Apple ha reso sempre più difficile per i produttori di app indirizzare gli utenti a pagare al di fuori dell’ecosistema Apple, ad esempio attraverso un sito web. Nel 2014, Spotify ha iniziato a fare acquisti in-app su iOS ma ha aumentato i prezzi del 30 percento, da quasi 10 euro ($ 12) a quasi 13 euro ($ 15,54) al mese, per coprire le tariffe di Apple.

Poiché Apple possiede e gestisce anche il proprio servizio musicale, ha affermato Spotify, la commissione di Apple è direttamente anticoncorrenziale e danneggia i rivali che sfidano le app di prima parte di Apple mettendole a uno svantaggio di prezzo. Anche l’app di messaggistica Telegram ha presentato un reclamo simile alle autorità di regolamentazione europee nel 2020.

Anche le pratiche degli app store di Apple sono oggetto di indagine qui negli Stati Uniti. Lo scorso ottobre, un rapporto del Congresso che esaminava il potere di mercato delle aziende Big Tech ha concluso che Apple utilizza l’App Store in modo esclusivo. Il comitato responsabile della stesura del rapporto ha trovato prove che la leadership dell’azienda Apple, incluso l’ex CEO Steve Jobs, aveva “riconosciuto che il requisito [pagamento in-app] avrebbe soffocato la concorrenza e limitato le app disponibili per i clienti Apple”.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial