HomeMissioni SpazialiLa NASA inizia a spegnere le sonde Voyager, che sono state lanciate...

La NASA inizia a spegnere le sonde Voyager, che sono state lanciate nel 1977

Gli epici viaggi interstellari delle acclamate sonde Voyager della NASA dovrebbero finire quando l’agenzia inizierà a spegnere i loro sistemi.

Le sonde sono state lanciate 45 anni fa, nel 1977, e da allora hanno spinto i confini dell’esplorazione spaziale. Sono più lontani dalla Terra di qualsiasi altro oggetto artificiale, un record che probabilmente rimarrà ininterrotto per decenni.

La decisione di ridurre la potenza delle sonde ha lo scopo di prolungarne la durata di qualche anno in più, portandole intorno al 2030, secondo Scientific American.

“Abbiamo fatto 10 volte la garanzia sulle dannate cose”, ha detto all’outlet Ralph McNutt, un fisico del Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory, riferendosi alle proiezioni iniziali secondo cui la loro missione sarebbe durata quattro anni.

Le sonde sono alimentate da plutonio radioattivo, che ha mantenuto in funzione i minuscoli computer di bordo per decenni e anni.

L’energia nel sistema sta diminuendo di circa 4 watt all’anno, secondo Scientific American, richiedendo una riduzione del consumo di energia.

“Se tutto va davvero bene, forse possiamo estendere le missioni fino al 2030. Dipende solo dalla potenza. Questo è il punto limite”, ha detto Spilker.

Gli anelli di Saturno sono mostrati in falsi colori in una foto scattata da una sonda Voyager nel 1981.

Gli anelli di Saturno sono mostrati in falsi colori in una foto scattata da una sonda Voyager il 23 agosto 1981.Nasa

Lo scopo principale delle sonde era quello di volare da Giove e Saturno , una missione che presto adempirono. Poi hanno continuato ad andare avanti, inviando immagini del nostro sistema solare e trasmettendo letture domestiche dallo spazio profondo.

Nel 1990, Voyager 1 ha scattato l’iconica immagine composita del “punto blu pallido” , una vista della Terra presa a 3,7 miliardi di miglia di distanza dal nostro sole.

Azzurro pallido Dot_update
Il Pale Blue Dot è una fotografia della Terra scattata il 14 febbraio 1990 dal Voyager 1 della NASA a una distanza di 3,7 miliardi di miglia. Questa è una riedizione nel 2020.NASA/JPL-Caltech

Immagini più sorprendenti scattate dalle sonde si vedono nel video qui sotto.

Nel 1998, Voyager 1 è diventato l’ oggetto creato dall’uomo più lontano nello spazio, a 6,5 ​​miliardi di miglia dalla Terra .

Le sonde sono ora a 12 e 14,5 miliardi di miglia dalla Terra e sono in aumento, secondo un live tracker della NASA.

Questo va oltre quelli che generalmente sono considerati i limiti del nostro sistema solare. Voyager 1 ha raggiunto lo “spazio interstellare” nel 2012 , Voyager 2 nel 2018, i primi oggetti umani a farlo nella storia.

L’elettronica cablata dello strumento è sopravvissuta alla prova del tempo molto bene, nonostante la sua età.

I computer primitivi a bordo delle sonde non richiedono molta energia. Tutti i dati raccolti dagli strumenti su Voyager sono archiviati su un nastro a otto tracce registrato e inviato a terra utilizzando una macchina che consuma la stessa energia di una lampadina di un frigorifero, secondo Scientific American.

Hanno “meno memoria del portachiavi che apre la portiera della macchina”, ha detto a Scientific American Linda Spilker, una scienziata planetaria del Jet Propulsion Laboratory della NASA.

un'immagine mostra la macchina a otto tracce su cui sono memorizzati i dati in Voyager.

I dati della missione sono archiviati su questa macchina a otto binari, che era all’avanguardia al momento del lancio.NASA/JPL

Poiché l’energia a bordo sta diminuendo, la NASA dovrà decidere quali strumenti riceveranno l’energia.

Dopo il 2030, la Voyager probabilmente perderà la sua capacità di comunicare con la Terra. Ma ciò non significa necessariamente che la sua missione sarà finita.

Entrambi portano un “disco d’oro”, un disco placcato in oro da 12 pollici che contiene informazioni sulla Terra.

Ciò include 115 immagini, saluti in 55 lingue diverse , suoni tra cui vento, pioggia e battito cardiaco umano e 90 minuti di musica.

I due lati del record d'oro della NASA a bordo delle sonde Voyager sono mostrati qui.

Ci vorranno circa altri 20.000 anni prima che le sonde oltrepassino la stella più vicina, Proxima centauri, con questa capsula del tempo della vita umana secondo Scientific American.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial