HomeMissioni SpazialiLa Nasa sta ricevendo "dati impossibili" dal confine del sistema solare

La Nasa sta ricevendo “dati impossibili” dal confine del sistema solare

Il team di ingegneri della Nasa sta indagando su un mistero che si svolge sulla navicella spaziale Voyager 1 .

Voyager 1 è l’oggetto creato dall’uomo più distante esistente, lanciato 44 anni fa. Attualmente sta operando ai margini del sistema solare , volando attraverso il “mezzo interstellare” oltre l’influenza del Sole.

Tuttavia, gli scienziati hanno scoperto che il velivolo sta ricevendo ed eseguendo comandi dalla Terra con successo, ma le letture del sistema di articolazione e controllo dell’assetto della sonda (AACS) non riflettono ciò che sta effettivamente accadendo a bordo della Voyager 1.

Il sistema mantiene l’orientamento del velivolo, mantenendo la sua antenna puntata con precisione verso la Terra in modo che i dati possano essere inviati da esso alla Nasa. Sebbene tutte le indicazioni suggeriscano che l’AACS funzioni normalmente, i dati di telemetria che sta restituendo sembrano essere generati casualmente, non riflettendo alcun possibile stato in cui potrebbe trovarsi il sistema.

Inoltre, il problema non ha attivato alcun sistema di protezione dai guasti che potrebbe mettere la Voyager in modalità provvisoria e il segnale non si è indebolito, suggerendo che l’antenna è ancora nella sua posizione normale, puntando verso la Terra.

La Nasa afferma che continuerà a monitorare la situazione, poiché è possibile che i dati non validi possano essere prodotti da un altro sistema, ma afferma di non capire perché sta accadendo o per quanto tempo questo problema potrebbe persistere. Occorrono circa due giorni prima che un messaggio dalla Terra raggiunga la Voyager e riceva una risposta dall’astronave.

“Un mistero come questo è una specie di percorso in questa fase della missione Voyager”, ha affermato Suzanne Dodd, project manager per Voyager 1 e 2 presso il Jet Propulsion Laboratory della Nasa nel sud della California.

“I veicoli spaziali hanno entrambi quasi 45 anni, il che è molto al di là di quanto previsto dai pianificatori della missione. Siamo anche nello spazio interstellare, un ambiente ad alta radiazione in cui nessun veicolo spaziale ha mai volato prima. Quindi ci sono alcune grandi sfide per il team di ingegneri. Ma penso che se c’è un modo per risolvere questo problema con l’AACS, il nostro team lo troverà”.

C’è la possibilità che la Nasa non trovi la fonte del problema e debba invece apportare modifiche al software o utilizzare uno dei sistemi di backup del velivolo, cosa che è stata già fatta nel 2017 quando la Voyager ha dovuto passare dai suoi propulsori primari a quelli secondari a causa di segni di degrado.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial