Quando il coronavirus ha colpito, di fronte alla domanda schiacciante di articoli essenziali per la casa come carta igienica e generi alimentari, la scorsa settimana Amazon ha annunciato che avrebbe assunto altri 100.000 lavoratori negli Stati Uniti e avrebbe dato ai dipendenti negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Canada un aumento temporaneo di almeno $ 2 fino alla fine di aprile. Ha anche deciso di smettere di accettare tutti gli altri articoli nei suoi magazzini. In Italia e Francia, Amazon consegnerà solo gli articoli essenziali , indipendentemente da ciò che ha in magazzino.

Il cambiamento ha spinto i venditori di Amazon – molti già affrontando altre interruzioni causate da Covid-19 – a cercare nuovi modi per portare i loro prodotti ai clienti. I tempi di spedizione hanno iniziato ad allungarsi, da un minimo di 24 ore a settimane o più, contribuendo a un rapido calo delle vendite.

“Comprendiamo l’impatto che Covid-19 ha avuto su molti dei nostri partner di vendita e apprezziamo la loro comprensione dato che diamo la priorità temporanea ai prodotti ad alta priorità in modo da poter ricevere, rifornire e spedire più rapidamente questi prodotti alle persone che ne hanno bisogno durante questo tempo, in particolare gli anziani e coloro che sono più vulnerabili all’essere in pubblico “, ha detto un portavoce di Amazon in una nota. La società afferma che sta anche allentando alcune politiche per i venditori, comprese le metriche delle prestazioni basate sui tempi di spedizione.

Le piccole aziende di tutto il mondo sono state costrette a chiudere e licenziare dipendenti a causa della pandemia di coronavirus. Ma i venditori di Amazon sono unici in quanto fanno molto affidamento sul gigante del commercio al dettaglio, la cui massiccia rete logistica è stata notevolmente tesa dalla crisi della salute pubblica.

Per anni, Amazon ha incoraggiato milioni di commercianti di terze parti ad iscriversi al suo servizio Fulfilled by Amazon, consentendo loro di delegare attività come lo stoccaggio, l’imballaggio e la spedizione alla società in cambio di una commissione. (Un portavoce afferma che Amazon ha rinunciato alle spese di archiviazione a lungo termine in aprile per i venditori che utilizzano FBA.) Circa il 94% dei commercianti Amazon utilizza l’FBA per almeno alcuni ordini, mentre il 64% si affida esclusivamente al servizio, secondo la società di analisi Jungle Scout, che tiene traccia dei dati per i venditori di Amazon.

Ora che il programma è aperto solo ai beni essenziali, i venditori sono stati costretti a cercare mezzi di distribuzione alternativi e intanto nasce un nuovo dilemma: anche se si dovesse fermare (e tutti speriamo ben presto) la pandemia, quanto ci metterà Amazon a recuperare il tempo perso e a ristabilire tempistiche di consegna veloci che lo hanno caratterizzato e reso celebre in tutto il mondo?