giovedì, Febbraio 2, 2023
HomeNotizieGuerra in Ucraina 2022La Russia non può prendere la sua Stazione Spaziale e tornare a...

La Russia non può prendere la sua Stazione Spaziale e tornare a casa

Il destino della Stazione Spaziale Internazionale è in bilico mentre le tensioni tra Russia e Occidente aumentano in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte del Paese.

Tuttavia, dato che il conflitto è ormai vecchio di quasi un mese e il vecchio laboratorio sta ancora volando alto, sembra che la partnership tra Russia, Stati Uniti e altre 13 nazioni continuerà a reggere. Questo articolo prenderà in considerazione il futuro della partnership da tre diverse dimensioni: tecnica, legale e politica. Inizia con la solida premessa, ripetuta più e più volte dai funzionari della NASA, che gli Stati Uniti vogliono continuare a far volare la Stazione Spaziale Internazionale almeno fino al 2024.

La vera domanda sul futuro a breve termine della Stazione Spaziale Internazionale, quindi, è se la Russia voglia continuare a pilotarla. La risposta è ” probabilmente sì”.

Considerazioni tecniche

Da un punto di vista tecnico, la Stazione Spaziale è stata stabilita per dipendere dai contributi sia della Russia che degli Stati Uniti per continuare a volare. La NASA ha recentemente enumerato in dettaglio alcuni di questi modi, ma si riduce a questo: il segmento russo ha bisogno di energia dal segmento statunitense e il lato russo della stazione è responsabile della propulsione per mantenere l’altitudine ed eseguire manovre per evitare i detriti.

Questo non vuol dire che il segmento statunitense non possa funzionare da solo. Nel suo aggiornamento, la NASA ha sostanzialmente affermato che sarebbe stato molto difficile.

“La Stazione Spaziale non è stata progettata per essere smontata e le attuali interdipendenze tra ciascun segmento della stazione impediscono al segmento orbitale statunitense e al segmento russo di operare in modo indipendente”, ha affermato la NASA. “I tentativi di distaccare il segmento orbitale statunitense e il segmento russo incontrerebbero importanti sfide logistiche e di sicurezza data la moltitudine di connessioni esterne e interne, la necessità di controllare l’assetto e l’altitudine del veicolo spaziale e l’interdipendenza del software”.

Ma non sarebbe impossibile per la NASA continuare a pilotare la stazione. Come riportato di recente da Ars , grazie ai solidi investimenti della NASA nei voli spaziali commerciali negli ultimi 15 anni, l’agenzia può fare appello a una varietà di società per fornire servizi di emergenza per mantenere il segmento statunitense in volo.

La Russia, invece, dovrebbe molto probabilmente abbandonare i suoi moduli della Stazione Spaziale. Anche con il continuo rifornimento di rifornimenti dai veicoli di rifornimento Progress, la stazione non avrebbe energia sufficiente per continuare a funzionare per un lungo periodo di tempo. In altre parole, senza la Stazione Spaziale Internazionale, la Russia non ha una vera strada da seguire per un programma spaziale civile.

Obblighi di legge

La Stazione Spaziale Internazionale è governata da un documento chiamato Accordo Intergovernativo, o IGA. Questo documento è stato negoziato per la prima volta da Stati Uniti, Europa, Canada e Giappone nel 1988. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, gli Stati Uniti hanno cercato di coinvolgere la Russia nella partnership, in parte per mantenere gli ex scienziati missilistici sovietici a lavorare sullo spazio civile attività piuttosto che vendere i propri talenti a paesi che cercano di sviluppare missili balistici intercontinentali o tecnologia militare correlata.

In sostanza, la NASA era disposta a spendere soldi per mantenere a galla il programma spaziale civile russo, ha spiegato Melanie Saunders  durante un’intervista diversi anni fa. È stata coinvolta come negoziatrice per la NASA negli anni ’90, lavorando con la Russia alla partnership con la Stazione Spaziale.

“Lo chiamavano il ‘contratto da 400 milioni di dollari'”, ha detto della Russia. “Ovviamente ha un numero di contratto e un nome tecnico diverso, ma era così che veniva chiamato. L’idea era che stavamo cercando di assicurarci di avere i soldi di cui avevamo bisogno per convincere i russi a fare affari nel modo in cui avevamo bisogno loro di fare affari, di essere in grado di lavorare insieme in modo efficace e di assicurarci che avessimo finanziamenti lì che ci avrebbero aiutato a garantire che mantenessero i loro esperti spaziali impiegati nello spazio civile”.

Ciò ha portato a un accordo provvisorio tra Russia e Stati Uniti nel 1992, a cui seguirà l’accordo intergovernativo formale (IGA) tra tutte le 15 nazioni, inclusa la Russia, nel 1998. Da allora questo documento ha guidato la Stazione Spaziale, delineando i contributi di ogni nazione membro per mantenere la stazione in volo. Gli esperti legali affermano che l’accordo ha retto molto bene per quasi un quarto di secolo. L’attuale IGA durerà fino al 2024.

Ogni parte della stazione è considerata il territorio del suo paese. Ad esempio, gli habitat e il laboratorio statunitensi sono considerati territorio degli Stati Uniti e la situazione è simile per il modulo Kibo giapponese, il braccio robotico canadese e il segmento russo. Quindi, tecnicamente, la Russia “possiede” la sua parte della Stazione Spaziale Internazionale. Tuttavia, ogni paese, inclusa la Russia, ha diritti e obblighi ai sensi dell’IGA.

La stazione è regolata dal consenso in modo che nessun unico partner possa decidere unilateralmente di prendere la sua parte di stazione e partire. Legalmente, un paese può uscire dalla partnership, ma deve comunque mantenere le proprie responsabilità o violerà l’accordo, affermano gli studiosi di diritto. Ciò significa sostanzialmente che, legalmente, la Russia è pronta per i servizi di propulsione.

Mentre il programma spaziale russo è già stato interrotto dall’Occidente in modi significativi dallo scoppio della guerra in Ucraina, quelle mosse hanno in gran parte coinvolto contratti commerciali. La partenza dalla Stazione Spaziale rappresenterebbe effettivamente la rottura di un trattato internazionale.

“L’accordo con la Stazione Spaziale, come la stessa ISS, è un insieme più grande della somma delle sue parti”, ha affermato Joanne Irene Gabrynowicz, professoressa emerita di diritto all’Università del Mississippi ed esperta dell’IGA. “Il successo, gli interessi e gli obiettivi dei partner sono correlati. Se un partner mettesse in dubbio la validità dell’accordo, potrebbe contemporaneamente mettere in dubbio la validità dei propri sforzi.”

In altre parole, gli altri firmatari dell’IGA vedrebbero la Russia come un fuorilegge, di cui non ci si può fidare. Ciò probabilmente porrebbe fine a tutta la cooperazione nello spazio tra la Russia e le nazioni occidentali per anni, se non decenni.

Ramificazioni politiche

Dall’inizio della guerra, il leader della società spaziale russa che sovrintende a tutte le sue attività di volo spaziale civile, Dmitry Rogozin, ha detto e twittato molte dichiarazioni nazionalistiche e ha persino fatto velate minacce su cosa sarebbe successo se gli Stati Uniti avessero abbandonato il collaborazione.

Tuttavia, la realtà è che Rogozin non prende le decisioni di alto livello sulla partnership della Russia nella stazione. Quelli provengono da uno strato sopra di lui, o addirittura fino al presidente Vladimir Putin. È impossibile entrare nella testa di Putin, quindi fare previsioni su ciò che farà è una commissione stupida.

Tuttavia, è certo che la Russia si considera orgogliosamente e giustamente come la prima nazione nello spazio e vuole davvero portare avanti la sua reputazione di potenza spaziale globale. Uscire dalla partnership con la Stazione Spaziale porrebbe effettivamente fine al programma spaziale civile russo.

In realtà, nei prossimi anni, è più probabile che assisteremo a rivolte per il cibo a Mosca rispetto a una nuova stazione spaziale russa o a una missione di esplorazione scientifica nello spazio profondo. Alcuni di questi saranno dovuti a problemi finanziari e altri a causa della perdita di accesso alla tecnologia dall’Occidente.

Già il principale costruttore russo di carri armati, Uralvagonzavod, sembra aver interrotto la produzione per mancanza di componenti. Le quattro grandi società di Roscosmos – RKK Energia, RSC Progress, Khrunichev Center e NPO Energomash – probabilmente non saranno in grado di mantenere la produzione a lungo per lo stesso motivo della fabbrica di carri armati.

Senza una cooperazione attiva con le nazioni e le compagnie occidentali o un’ancora di salvezza dal programma spaziale cinese, la Russia continuerà ad appassire come nazione che viaggia nello spazio nei prossimi anni, poiché non sarà in grado di permettersi alcun programma significativo di esplorazione umana. La Russia non sarebbe più una potenza spaziale: sarebbe la prima ex potenza spaziale al mondo.

La conclusione è questa: ci sono valide ragioni tecniche, legali e politiche per cui la Russia di Putin rimane coinvolta nella Stazione Spaziale Internazionale finché l’Occidente le avrà.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial