HomeNotizieGuerra in Ucraina 2022La Russia non venderà più motori a razzo agli Stati Uniti

La Russia non venderà più motori a razzo agli Stati Uniti

La società spaziale russa Roscosmos ha emesso la sua ultima serie di minacce in risposta alle sanzioni globali, questa volta sostenendo che la Russia non venderà più motori a razzo agli Stati Uniti. La maggior parte dei lanci di razzi negli Stati Uniti non dovrebbe essere influenzata, ma la decisione potrebbe cambiare il modo in cui il carico viene inviato alla Stazione Spaziale Internazionale.

Il capo di Roscosmos, Dmitry Rogozin, ha annunciato la nuova politica in un’intervista al canale televisivo Russia 24. “Oggi abbiamo deciso di interrompere le consegne di motori a razzo prodotti da NPO Energomash negli Stati Uniti”, ha detto Rogozin nell’intervista, secondo il sito di stampa statale russo Tass . “Lascia che ti ricordi che queste consegne erano state piuttosto intense da qualche parte dalla metà degli anni ’90.” Rogozin ha anche aggiunto: “Lasciali volare su qualcos’altro, i loro manici di scopa, non so cosa”, secondo Reuters .

La decisione riguarderebbe principalmente due società negli Stati Uniti: la United Launch Alliance, che è un fornitore chiave di lancio per la NASA e il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, e Northrop Grumman, che periodicamente lancia merci verso la Stazione Spaziale Internazionale per la NASA. Entrambe le società si affidano ai motori a razzo russi prodotti da NPO Energomash per spingere i loro veicoli nello spazio. Tuttavia, l’ULA afferma di avere già tutti i motori forniti dalla Russia di cui ha bisogno per i suoi razzi, poiché passa a un nuovo veicolo con un motore di fabbricazione americana. Per quanto riguarda Northrop Grumman, questa decisione potrebbe sospendere i futuri voli dei veicoli della compagnia.

ULA

ULA, una joint venture tra Boeing e Lockheed Martin, utilizza il motore russo RD-180 per alimentare il suo razzo Atlas V, che la compagnia ha pilotato per quasi due decenni. Tuttavia, l’RD-180 è stato un hardware controverso. Nel 2014, dopo che la Russia ha invaso la Crimea, il Congresso ha vietato l’uso di motori a razzo russi per il lancio di satelliti di sicurezza nazionale , il che avrebbe impedito all’ULA di utilizzare l’Atlante V per le missioni del Dipartimento della Difesa. Quel divieto è stato infine revocato , ma ha spronato l’ULA a iniziare a sviluppare un nuovo razzo, chiamato Vulcan, che avrebbe utilizzato motori di fabbricazione americana.

Alla fine, ULA ha selezionato Blue Origin di Jeff Bezos per sviluppare il motore per la nuova Vulcan. Chiamato BE-4, il motore impiega anni in più per essere consegnato rispetto a quanto originariamente previsto . Tuttavia, il CEO di ULA Tory Bruno suggerisce che i motori BE-4 del primo volo sono quasi pronti. “I primi BE4 di volo sono ora nella fabbrica Blue, e stanno andando bene”, dice Bruno a The Verge tramite messaggio diretto su Twitter. “Abbiamo personale integrato per aiutare e monitorare.” Il primo volo Vulcaniano, previsto per quest’anno, lancerà un lander lunare chiamato Peregrine per la compagnia spaziale commerciale Astrobotic.

Poiché il Vulcano non è ancora pronto per il volo, l’ULA ha dovuto continuare a fare affidamento sull’Atlante V per mantenere i suoi contratti di lancio per il governo degli Stati Uniti. Tuttavia, Bruno ha detto la scorsa settimana che l’ULA “ha accelerato la consegna” degli ultimi motori RD-180 di cui l’azienda aveva bisogno prima che Vulcan iniziasse a volare. Dice a The Verge che l’ ULA ha circa due dozzine di RD-180 in più nella fabbrica dell’azienda a Decatur, in Alabama, che dovrebbero coprire tutte le restanti missioni Atlas fino al 2025. L’ULA sta anche passando a una nuova fase di contratti con il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e Bruno afferma che la compagnia utilizzerà l’Atlas V per il primo volo di quella nuova fase contrattuale. Tutti i voli rimanenti nella seconda fase utilizzeranno Vulcan.

Ciò significa che l’ultima minaccia di Rogozin non dovrebbe avere un impatto sull’ULA per il momento, anche se non è chiaro cosa dovrebbe accadere se il BE-4 viene ritardato in modo significativo oltre l’ultima missione Atlas V. ULA afferma che la società aveva opzioni per ottenere più motori, se necessario. “Abbiamo accordi per supporto tecnico e ricambi, ma se tale supporto non è disponibile, saremo comunque in grado di far volare in sicurezza e con successo il nostro programma Atlas”, ha dichiarato a The Verge Jessica Rye, portavoce di ULA . Roscosmos ha notato su Twitter che la Russia non avrebbe più aiutato a riparare i restanti motori RD-180 negli Stati Uniti.

Bruno sostiene che l’ULA non ha necessariamente bisogno della consultazione della Russia per far funzionare l’RD-180. “Ci piace poterci consultare nel caso in cui il motore potesse fare qualcosa di inaspettato”, ha twittato Bruno in risposta a una domanda di The Verge . “Ma li abbiamo pilotati per anni e abbiamo sviluppato una notevole esperienza e competenza”.

Northrop Grumman

Questa nuova politica avrà probabilmente l’impatto maggiore sul razzo Antares di Northrop Grumman, che utilizza il motore RD-181 di NPO Energomash. Rogozin afferma che la Russia avrebbe dovuto fornire una dozzina in più di quei motori. “Ad oggi, c’era in programma di consegnare altri 12 motori RD-181 nel 2022-2024 e si sono tenuti colloqui anche con gli Stati Uniti sulla consegna di motori RD-181M con caratteristiche operative migliorate, ma crediamo che in questa situazione noi non possiamo più fornire agli Stati Uniti i nostri migliori motori”, ha detto Rogozin nell’intervista, secondo TASS.

  Immagine: Northrop Grumman
Il razzo Antares di Northrop Grumman.

Il razzo Antares di Northrop Grumman lancia la navicella spaziale Cygnus della compagnia, che viene utilizzata per trasportare merci da e verso la Stazione Spaziale Internazionale per la NASA. Northrop ha in programma almeno altri due voli nei prossimi due anni. In effetti, proprio ora alla stazione c’è una navicella spaziale Cygnus, che testerà una nuova capacità di potenziare la ISS ad aprile.

Non è chiaro come questo ultimo cambiamento avrà un impatto sui lanci di Northrop Grumman in futuro. La società non ha risposto a una richiesta di commento in tempo per la pubblicazione. Inoltre, la NASA non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Northrop Grumman è solo l’ultima vittima della campagna in corso della Russia per distruggere tutte le sue partnership spaziali internazionali. Rogozin ha fatto molte minacce, ritardi e cancellazioni in risposta alle sanzioni internazionali imposte alla Russia, un risultato diretto della decisione del paese di invadere l’Ucraina. Finora, la Russia ha sospeso i lanci congiunti con l’Europa , ha tenuto in ostaggio il lancio di un satellite di una società commerciale in Kazakistan e ha minacciato di sciogliere la sua partnership con la NASA sulla Stazione Spaziale Internazionale.

” Monitoreremo da vicino le azioni dei nostri partner americani e se continueranno a essere ostili, torneremo sulla questione dell’esistenza della Stazione Spaziale Internazionale”, ha detto di recente Rogozin in un’intervista al canale russo RT . “Non mi piacerebbe uno scenario del genere perché mi aspetto che gli americani si calmino”. I funzionari della NASA hanno affermato più volte nell’ultima settimana che la NASA e Roscosmos stanno ancora lavorando insieme per mantenere operativa la ISS.

Nel frattempo, la NASA ha altre opzioni per raggiungere la ISS, sotto forma dell’altro grande partner commerciale dell’agenzia, SpaceX. La società guidata da Elon Musk ha stipulato vari contratti con la NASA per inviare persone e merci sulla ISS a bordo del razzo Falcon 9 di SpaceX. Tutto l’hardware di SpaceX è prodotto negli Stati Uniti, il che rende l’azienda relativamente immune a qualsiasi minaccia in corso della Russia.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial