sabato, Marzo 2, 2024

La skin originale di Winamp viene venduta come NFT

Winamp venderà un token non fungibile (NFT) collegato alla skin grafica originale del suo lettore multimediale del 1997, diventando l’ultima azienda a fondere nostalgia e crittografia. Winamp metterà all’asta l’NFT tramite OpenSea tra il 16 e il 22 maggio, seguito da una vendita separata di NFT totali del 1997 basati su 20 artwork derivati ​​dalla skin originale. Il ricavato andrà alla Winamp Foundation, che promette di devolverli a progetti di beneficenza, a cominciare dal fondo belga per la musica senza fini di lucro.

La vendita di NFT sembra essere una combinazione di una mossa pubblicitaria e uno sforzo di raccolta fondi. Winamp sta acquistando le NFT di arte derivata chiedendo agli artisti di presentare opere basate su Winamp da qui al 15 aprile, quindi dando agli artisti selezionati il ​​20 percento dei proventi di ogni vendita della loro immagine come NFT. Diciannove dei pezzi venderanno in edizioni di 100 copie, e il restante ne avrà 97; venderanno tutti per 0,08 Ethereum, circa $ 210 al tasso di cambio attuale. Gli artisti riceveranno il 10 percento di eventuali royalties sulle vendite successive, dove il venditore stabilirà il proprio prezzo.

Il capo dello sviluppo aziendale di Winamp Thierry Acarez dice a The Verge che gli acquirenti riceveranno un token blockchain collegato a un’immagine della skin originale vista sopra o di uno dei suoi derivati, che è una configurazione comune per gli NFT. Gli acquirenti avranno il diritto di “copiare, riprodurre e visualizzare” l’immagine, ma non detengono il copyright. Allo stesso modo, gli artisti selezionati accetteranno di trasferire tutta la proprietà intellettuale per il loro lavoro a Winamp, secondo una pagina di termini e condizioni .

Winamp non è esattamente il servizio che potresti ricordare dagli anni ’90. Il software per la riproduzione di MP3 è stato acquisito da AOL nel 1999, quindi venduto alla società di radio online Radionomy nel 2014 dopo un lungo declino e chiusura. Radionomy (e in seguito il suo azionista di maggioranza AudioValley) l’ha rinnovata come app audio mobile, quindi ha annunciato un rilancio più ampio per quest’anno. C’è anche un progetto di aggiornamento della community di lunga data per l’app originale.

Tuttavia, esiste una connessione più forte tra la forma attuale di Winamp e quella originale rispetto ad alcuni progetti crittografici. Il venerabile servizio di condivisione file peer-to-peer LimeWire è stato recentemente “rilanciato” come mercato NFT, ma in effetti non condivide alcuna connessione con la sua precedente iterazione; una nuova società apparentemente ha appena acquistato il nome di dominio e ripristinato un marchio scaduto. È un po’ più vicino ai piani di RadioShack risorto di lanciare un mercato di criptovalute, tranne per il fatto che questa vendita NFT è una piccola parte del suo rilancio come servizio musicale, non un passaggio più ampio alle criptovalute, almeno finora.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: