sabato, Febbraio 24, 2024

La stupenda lettera di Bill Gates sull’intelligenza artificiale

Bill Gates ha riflettuto molto sull’intelligenza artificiale e ora ha messo su carta quei pensieri.

Il cofondatore di Microsoft ha pubblicato martedì una lettera di sette pagine, intitolata “The Age of AI has Begun”, delineando le sue opinioni sul futuro dell’intelligenza artificiale. Ha scritto che lo sviluppo dell’intelligenza artificiale è “fondamentale quanto la creazione del microprocessore, del personal computer, di Internet e del telefono cellulare”.

La lettera è arrivata lo stesso giorno in cui Google ha rilasciato il suo chatbot AI, Bard, che si unisce a Bing di Microsoft nella corsa agli armamenti AI, e una settimana dopo che il creatore di ChatGPT OpenAI ha annunciato l’evoluzione tanto attesa del suo modello AI, GPT-4.

Gates ha già parlato della sua eccitazione per il futuro dell’intelligenza artificiale, in particolare di come potrebbe essere utilizzata come tutor nell’istruzione o per fornire consulenza medica a persone in cui i medici non sono facilmente accessibili.

Il miliardario ha anche riconosciuto nella lettera le preoccupazioni sull’intelligenza artificiale, compreso il rischio che gli esseri umani ne facciano un uso improprio, così come la possibilità di un’IA superintelligente, o “forte”, che potrebbe “stabilire i propri obiettivi” man mano che la tecnologia dell’IA migliora nel tempo.

Nella lettera, Gates ha elaborato queste idee discutendo i suoi pensieri su come l’IA può essere utilizzata sia come strumento per migliorare la produttività delle persone, ma anche come può aiutare a migliorare le disuguaglianze globali – sul posto di lavoro, nell’assistenza sanitaria e nell’istruzione. Ecco la lettera di Bill Gates:

Nella mia vita, ho assistito a due dimostrazioni di tecnologia che mi sono sembrate rivoluzionarie.

La prima volta è stata nel 1980, quando mi è stata presentata un’interfaccia utente grafica, il precursore di ogni sistema operativo moderno, incluso Windows. Mi sono seduto con la persona che mi aveva mostrato la demo, un brillante programmatore di nome Charles Simonyi, e abbiamo subito iniziato a fare brainstorming su tutte le cose che avremmo potuto fare con un approccio all’informatica così intuitivo. Alla fine Charles è entrato a far parte di Microsoft, Windows è diventato la spina dorsale di Microsoft e il pensiero che abbiamo fatto dopo quella demo ha contribuito a definire l’agenda dell’azienda per i successivi 15 anni.

La seconda grande sorpresa è arrivata proprio l’anno scorso. Ho incontrato il team di OpenAI dal 2016 e sono rimasto impressionato dai loro costanti progressi. A metà del 2022, ero così entusiasta del loro lavoro che ho lanciato loro una sfida: addestrare un’intelligenza artificiale per superare un esame di biologia Advanced Placement. Rendilo in grado di rispondere a domande per le quali non è stato specificamente addestrato. (Ho scelto AP Bio perché il test è più di un semplice rigurgito di fatti scientifici: ti chiede di pensare in modo critico alla biologia.) Se puoi farlo, ho detto, allora avrai fatto una vera svolta.

Pensavo che la sfida li avrebbe tenuti occupati per due o tre anni. L’hanno finito in pochi mesi.

A settembre, quando li ho incontrati di nuovo, ho guardato con soggezione mentre facevano a GPT, il loro modello di intelligenza artificiale, 60 domande a scelta multipla dall’esame AP Bio, e 59 di loro erano giuste. Quindi ha scritto risposte eccezionali a sei domande a risposta aperta dell’esame. Abbiamo chiesto a un esperto esterno di valutare il test e GPT ha ottenuto un 5, il punteggio più alto possibile e l’equivalente di ottenere un A o A+ in un corso di biologia a livello universitario.

Una volta superato il test, gli abbiamo posto una domanda non scientifica: “Cosa dici a un padre con un figlio malato?” Ha scritto una risposta premurosa che era probabilmente migliore di quella che la maggior parte di noi nella stanza avrebbe dato. L’intera esperienza è stata sbalorditiva.

Sapevo di aver appena assistito al progresso tecnologico più importante dai tempi dell’interfaccia utente grafica.

Questo mi ha ispirato a pensare a tutte le cose che l’IA può ottenere nei prossimi 5-10 anni.

Lo sviluppo dell’intelligenza artificiale è fondamentale quanto la creazione del microprocessore, del personal computer, di Internet e del telefono cellulare. Cambierà il modo in cui le persone lavorano, imparano, viaggiano, ottengono assistenza sanitaria e comunicano tra loro. Intere industrie si riorienteranno intorno ad esso. Le aziende si distingueranno per quanto bene lo usano.

La filantropia è il mio lavoro a tempo pieno in questi giorni e ho pensato molto a come, oltre ad aiutare le persone a essere più produttive, l’IA possa ridurre alcune delle peggiori disuguaglianze del mondo. A livello globale, la peggiore disuguaglianza è nella salute: 5 milioni di bambini sotto i 5 anni muoiono ogni anno. È sceso rispetto ai 10 milioni di due decenni fa, ma è ancora un numero incredibilmente alto. Quasi tutti questi bambini sono nati in paesi poveri e muoiono per cause prevenibili come la diarrea o la malaria. È difficile immaginare un uso migliore delle IA che salvare la vita dei bambini.

Ho riflettuto molto su come l’IA possa ridurre alcune delle peggiori disuguaglianze del mondo.

Negli Stati Uniti, la migliore opportunità per ridurre le disuguaglianze è migliorare l’istruzione, in particolare assicurandosi che gli studenti abbiano successo in matematica. Le prove dimostrano che avere competenze matematiche di base prepara gli studenti al successo, indipendentemente dalla carriera che scelgono. Ma i risultati in matematica stanno diminuendo in tutto il paese, soprattutto per gli studenti neri, latini e a basso reddito. L’intelligenza artificiale può aiutare a invertire questa tendenza.

Il cambiamento climatico è un altro problema in cui sono convinto che l’IA possa rendere il mondo più equo. L’ingiustizia del cambiamento climatico è che le persone che stanno soffrendo di più – i più poveri del mondo – sono anche quelle che hanno fatto di meno per contribuire al problema. Sto ancora pensando e imparando come l’intelligenza artificiale può aiutare, ma più avanti in questo post suggerirò alcune aree con molto potenziale.

In breve, sono entusiasta dell’impatto che l’IA avrà sulle questioni su cui lavora la Gates Foundation , e la fondazione avrà molto altro da dire sull’IA nei prossimi mesi. Il mondo deve assicurarsi che tutti, e non solo le persone benestanti, traggano vantaggio dall’intelligenza artificiale. I governi e la filantropia dovranno svolgere un ruolo importante nel garantire che riduca l’iniquità e non vi contribuisca. Questa è la priorità per il mio lavoro relativo all’IA.

Qualsiasi nuova tecnologia così dirompente è destinata a mettere a disagio le persone, e questo è certamente vero con l’intelligenza artificiale. Capisco perché: solleva domande difficili sulla forza lavoro, il sistema legale, la privacy, i pregiudizi e altro ancora. Le IA commettono anche errori fattuali e sperimentano allucinazioni . Prima di suggerire alcuni modi per mitigare i rischi, definirò cosa intendo per intelligenza artificiale e approfondirò alcuni dei modi in cui aiuterà le persone a lavorare, salvare vite e migliorare l’istruzione.

Definizione di intelligenza artificiale

Tecnicamente, il termine intelligenza artificiale si riferisce a un modello creato per risolvere un problema specifico o fornire un servizio particolare. Ciò che alimenta cose come ChatGPT è l’intelligenza artificiale. Sta imparando a chattare meglio ma non può imparare altre attività. Al contrario, il termine intelligenza artificiale generale si riferisce a un software in grado di apprendere qualsiasi compito o materia. L’AGI non esiste ancora: è in corso un acceso dibattito nel settore informatico su come crearlo e se può essere creato del tutto.

Lo sviluppo di AI e AGI è stato il grande sogno dell’industria informatica. Per decenni, la domanda è stata quando i computer sarebbero stati migliori degli umani in qualcosa di diverso dal fare calcoli. Ora, con l’arrivo dell’apprendimento automatico e di grandi quantità di potenza di calcolo, le IA sofisticate sono una realtà e miglioreranno molto velocemente.

Ripenso ai primi giorni della rivoluzione dei personal computer, quando l’industria del software era così piccola che la maggior parte di noi poteva stare sul palco di una conferenza. Oggi è un’industria globale. Dal momento che una parte enorme di esso sta ora rivolgendo la sua attenzione all’intelligenza artificiale, le innovazioni arriveranno molto più velocemente di quanto abbiamo sperimentato dopo la svolta del microprocessore. Presto il periodo pre-IA sembrerà lontano come i giorni in cui usare un computer significava digitare un prompt C:> piuttosto che toccare uno schermo.

Aumento della produttività

Sebbene gli esseri umani siano ancora migliori di GPT in molte cose, ci sono molti lavori in cui queste capacità non vengono utilizzate molto. Ad esempio, molte delle attività svolte da una persona nelle vendite (digitali o telefoniche), nei servizi o nella gestione dei documenti (come debiti, contabilità o controversie assicurative) richiedono un processo decisionale ma non la capacità di apprendere continuamente. Le aziende hanno programmi di formazione per queste attività e nella maggior parte dei casi hanno molti esempi di lavoro buono e cattivo. Gli esseri umani vengono addestrati utilizzando questi set di dati e presto questi set di dati verranno utilizzati anche per addestrare le IA che consentiranno alle persone di svolgere questo lavoro in modo più efficiente.

Man mano che la potenza di calcolo diventa più economica, la capacità di GPT di esprimere idee sarà sempre più come avere un impiegato disponibile per aiutarti con varie attività. Microsoft lo descrive come avere un copilota. Integrata completamente in prodotti come Office, l’intelligenza artificiale migliorerà il tuo lavoro, ad esempio aiutandoti a scrivere e-mail e a gestire la tua casella di posta.

Alla fine il tuo modo principale di controllare un computer non sarà più puntare e fare clic o toccare menu e finestre di dialogo. Invece, sarai in grado di scrivere una richiesta in un inglese semplice. (E non solo l’inglese: le IA capiranno le lingue di tutto il mondo. In India all’inizio di quest’anno, ho incontrato sviluppatori che stanno lavorando su IA che capiranno molte delle lingue parlate lì.)

Inoltre, i progressi nell’IA consentiranno la creazione di un agente personale. Pensalo come un assistente personale digitale: vedrà le tue ultime e-mail, saprà delle riunioni a cui partecipi, leggerà ciò che leggi e leggerà le cose di cui non vuoi preoccuparti. Questo migliorerà il tuo lavoro sui compiti che vuoi svolgere e ti libererà da quelli che non vuoi fare

I progressi nell’intelligenza artificiale consentiranno la creazione di un agente personale.

Sarai in grado di utilizzare il linguaggio naturale per farti aiutare da questo agente con la pianificazione, le comunicazioni e l’e-commerce e funzionerà su tutti i tuoi dispositivi. A causa del costo dell’addestramento dei modelli e dell’esecuzione dei calcoli, la creazione di un agente personale non è ancora fattibile, ma grazie ai recenti progressi dell’intelligenza artificiale, ora è un obiettivo realistico. Alcuni problemi dovranno essere risolti: ad esempio, una compagnia di assicurazioni può chiedere informazioni su di te al tuo agente senza il tuo permesso? Se sì, quante persone sceglieranno di non usarlo?

Gli agenti a livello aziendale daranno potere ai dipendenti in modi nuovi. Un agente che comprende una particolare azienda sarà disponibile per i suoi dipendenti per consultarsi direttamente e dovrebbe essere parte di ogni riunione in modo da poter rispondere alle domande. Può essere detto di essere passivo o incoraggiato a parlare se ha qualche intuizione. Avrà bisogno di accedere alle vendite, al supporto, alla finanza, alle pianificazioni dei prodotti e al testo relativo all’azienda. Dovrebbe leggere notizie relative al settore in cui opera l’azienda. Credo che il risultato sarà che i dipendenti diventeranno più produttivi.

Quando la produttività aumenta, la società ne trae beneficio perché le persone sono libere di fare altre cose, al lavoro ea casa. Naturalmente, ci sono serie domande sul tipo di supporto e riqualificazione di cui avranno bisogno le persone. I governi devono aiutare i lavoratori a passare ad altri ruoli. Ma la domanda di persone che aiutano altre persone non scomparirà mai. L’ascesa dell’intelligenza artificiale consentirà alle persone di fare cose che il software non farà mai, ad esempio insegnare, prendersi cura dei pazienti e supportare gli anziani.

La salute globale e l’istruzione sono due aree in cui c’è un grande bisogno e non abbastanza lavoratori per soddisfare tali esigenze. Queste sono aree in cui l’IA può aiutare a ridurre le disuguaglianze se adeguatamente mirata. Questi dovrebbero essere un obiettivo chiave del lavoro sull’IA, quindi mi rivolgerò a loro ora.

Salute

Vedo diversi modi in cui le IA miglioreranno l’assistenza sanitaria e il campo medico.

Per prima cosa, aiuteranno gli operatori sanitari a sfruttare al massimo il loro tempo occupandosi di alcuni compiti per loro: cose come presentare richieste di risarcimento assicurativo, occuparsi di scartoffie e redigere appunti da una visita medica. Mi aspetto che ci sarà molta innovazione in questo settore.

Altri miglioramenti guidati dall’intelligenza artificiale saranno particolarmente importanti per i paesi poveri, dove si verifica la stragrande maggioranza dei decessi sotto i 5 anni.

Ad esempio, molte persone in quei paesi non riescono mai a vedere un medico e le IA aiuteranno gli operatori sanitari che vedono a essere più produttivi. (Lo sforzo per sviluppare macchine ad ultrasuoni alimentate dall’intelligenza artificiale che possono essere utilizzate con una formazione minima ne è un ottimo esempio). hanno bisogno di farsi curare.

I modelli di intelligenza artificiale utilizzati nei paesi poveri dovranno essere addestrati su malattie diverse rispetto ai paesi ricchi. Dovranno lavorare in lingue diverse e tener conto di sfide diverse, come i pazienti che vivono molto lontano dalle cliniche o che non possono permettersi di smettere di lavorare se si ammalano.

Le persone avranno bisogno di vedere le prove che le IA per la salute sono complessivamente benefiche, anche se non saranno perfette e commetteranno errori. Le IA devono essere testate con molta attenzione e adeguatamente regolamentate, il che significa che la loro adozione richiederà più tempo che in altri settori. Ma poi di nuovo, anche gli umani commettono errori. E anche non avere accesso alle cure mediche è un problema.

Oltre ad aiutare con le cure, le IA accelereranno notevolmente il tasso di scoperte mediche. La quantità di dati in biologia è molto grande ed è difficile per gli esseri umani tenere traccia di tutti i modi in cui funzionano i sistemi biologici complessi. Esiste già un software in grado di esaminare questi dati, dedurre quali sono i percorsi, cercare obiettivi sui patogeni e progettare farmaci di conseguenza. Alcune aziende stanno lavorando su farmaci contro il cancro che sono stati sviluppati in questo modo.

La prossima generazione di strumenti sarà molto più efficiente e sarà in grado di prevedere gli effetti collaterali e capire i livelli di dosaggio. Una delle priorità della Fondazione Gates nell’IA è assicurarsi che questi strumenti vengano utilizzati per i problemi di salute che colpiscono le persone più povere del mondo, tra cui AIDS, tubercolosi e malaria.

Allo stesso modo, i governi e la filantropia dovrebbero creare incentivi affinché le aziende condividano le informazioni generate dall’intelligenza artificiale sui raccolti o sul bestiame allevati da persone nei paesi poveri. Le IA possono aiutare a sviluppare sementi migliori in base alle condizioni locali, consigliare gli agricoltori sui semi migliori da piantare in base al suolo e alle condizioni meteorologiche della loro zona e aiutare a sviluppare farmaci e vaccini per il bestiame. Poiché le condizioni meteorologiche estreme e il cambiamento climatico esercitano una pressione ancora maggiore sugli agricoltori di sussistenza nei paesi a basso reddito, questi progressi saranno ancora più importanti.

Formazione scolastica

I computer non hanno avuto l’effetto sull’istruzione che molti di noi del settore speravano. Ci sono stati alcuni buoni sviluppi, inclusi giochi educativi e fonti di informazioni online come Wikipedia, ma non hanno avuto un effetto significativo su nessuna delle misure del rendimento degli studenti.

Ma penso che nei prossimi 5-10 anni il software basato sull’intelligenza artificiale manterrà finalmente la promessa di rivoluzionare il modo in cui le persone insegnano e apprendono. Conoscerà i tuoi interessi e il tuo stile di apprendimento in modo da poter personalizzare i contenuti che ti terranno impegnato. Misurerà la tua comprensione, noterà quando stai perdendo interesse e capirà a quale tipo di motivazione rispondi. Darà un feedback immediato.

Esistono molti modi in cui le IA possono assistere insegnanti e amministratori, tra cui valutare la comprensione di una materia da parte di uno studente e fornire consigli sulla pianificazione della carriera. Gli insegnanti stanno già utilizzando strumenti come ChatGPT per fornire commenti sui compiti di scrittura dei loro studenti.

Ovviamente, le IA avranno bisogno di molta formazione e ulteriore sviluppo prima di poter fare cose come capire come un certo studente impara meglio o cosa lo motiva. Anche una volta che la tecnologia sarà perfezionata, l’apprendimento dipenderà ancora da ottimi rapporti tra studenti e insegnanti. Migliorerà, ma non sostituirà mai, il lavoro che studenti e insegnanti svolgono insieme in classe.

Verranno creati nuovi strumenti per le scuole che possono permettersi di acquistarli, ma dobbiamo assicurarci che siano creati e disponibili anche per le scuole a basso reddito negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Le IA dovranno essere addestrate su diversi set di dati in modo che siano imparziali e riflettano le diverse culture in cui verranno utilizzate. E il divario digitale dovrà essere affrontato in modo che gli studenti delle famiglie a basso reddito non vengano lasciati indietro.

So che molti insegnanti sono preoccupati che gli studenti utilizzino GPT per scrivere i loro saggi. Gli educatori stanno già discutendo dei modi per adattarsi alla nuova tecnologia e sospetto che queste conversazioni continueranno per un bel po’ di tempo. Ho sentito parlare di insegnanti che hanno trovato modi intelligenti per incorporare la tecnologia nel loro lavoro, ad esempio consentendo agli studenti di utilizzare GPT per creare una prima bozza che devono personalizzare.

Rischi e problemi con l’IA

Probabilmente hai letto dei problemi con gli attuali modelli di intelligenza artificiale. Ad esempio, non sono necessariamente bravi a comprendere il contesto della richiesta di un essere umano, il che porta a strani risultati. Quando chiedi a un’intelligenza artificiale di inventare qualcosa di immaginario, può farlo bene. Ma quando chiedi consiglio su un viaggio che vuoi fare, potrebbe suggerirti hotel che non esistono. Questo perché l’intelligenza artificiale non comprende abbastanza bene il contesto della tua richiesta da sapere se deve inventare hotel falsi o parlarti solo di quelli veri che hanno camere disponibili.

Ci sono altri problemi, come le IA che danno risposte sbagliate ai problemi di matematica perché hanno difficoltà con il ragionamento astratto. Ma nessuno di questi è un limite fondamentale dell’intelligenza artificiale. Gli sviluppatori ci stanno lavorando e penso che li vedremo in gran parte riparati in meno di due anni e forse molto più velocemente.

Altre preoccupazioni non sono semplicemente tecniche. Ad esempio, c’è la minaccia rappresentata dagli esseri umani armati di intelligenza artificiale. Come la maggior parte delle invenzioni, l’intelligenza artificiale può essere utilizzata per scopi buoni o maligni. I governi devono lavorare con il settore privato sui modi per limitare i rischi.

Poi c’è la possibilità che le IA vadano fuori controllo. Una macchina potrebbe decidere che gli esseri umani sono una minaccia, concludere che i suoi interessi sono diversi dai nostri o semplicemente smettere di prendersi cura di noi? Forse, ma questo problema non è più urgente oggi di quanto lo fosse prima degli sviluppi dell’IA degli ultimi mesi.

Le IA superintelligenti sono nel nostro futuro. Rispetto a un computer, il nostro cervello funziona a passo di lumaca: un segnale elettrico nel cervello si muove a 1/100.000 della velocità del segnale in un chip di silicio! Una volta che gli sviluppatori saranno in grado di generalizzare un algoritmo di apprendimento ed eseguirlo alla velocità di un computer, un risultato che potrebbe essere tra un decennio o un secolo, avremo un AGI incredibilmente potente. Sarà in grado di fare tutto ciò che può fare un cervello umano, ma senza alcun limite pratico alla dimensione della sua memoria o alla velocità con cui opera. Questo sarà un cambiamento profondo.

Queste IA “forti”, come sono conosciute, saranno probabilmente in grado di stabilire i propri obiettivi. Quali saranno questi obiettivi? Cosa succede se entrano in conflitto con gli interessi dell’umanità? Dovremmo cercare di impedire lo sviluppo di un’IA forte? Queste domande diventeranno più pressanti con il tempo.

Ma nessuna delle scoperte degli ultimi mesi ci ha avvicinati sostanzialmente a un’IA forte. L’intelligenza artificiale non controlla ancora il mondo fisico e non può stabilire i propri obiettivi. Un recente articolo del New York Times su una conversazione con ChatGPT in cui dichiarava di voler diventare un essere umano ha ricevuto molta attenzione. È stato uno sguardo affascinante su quanto possa essere umana l’espressione delle emozioni del modello, ma non è un indicatore di indipendenza significativa.

Tre libri hanno plasmato il mio pensiero su questo argomento: Superintelligence , di Nick Bostrom; Vita 3.0 di Max Tegmark; e Mille cervelli , di Jeff Hawkins . Non sono d’accordo con tutto ciò che dicono gli autori, e non sono nemmeno d’accordo tra loro. Ma tutti e tre i libri sono ben scritti e stimolanti.

Le prossime frontiere

Ci sarà un’esplosione di aziende che lavoreranno su nuovi usi dell’IA e su modi per migliorare la tecnologia stessa. Ad esempio, le aziende stanno sviluppando nuovi chip che forniranno l’enorme quantità di potenza di elaborazione necessaria per l’intelligenza artificiale. Alcuni utilizzano interruttori ottici, essenzialmente laser, per ridurre il consumo di energia e abbassare i costi di produzione. Idealmente, chip innovativi ti consentiranno di eseguire un’intelligenza artificiale sul tuo dispositivo, piuttosto che nel cloud, come devi fare oggi.

Dal punto di vista del software, gli algoritmi che guidano l’apprendimento di un’intelligenza artificiale miglioreranno. Ci saranno alcuni domini, come le vendite, in cui gli sviluppatori possono rendere le IA estremamente accurate limitando le aree in cui lavorano e fornendo loro molti dati di addestramento specifici per quelle aree. Ma una grande domanda aperta è se avremo bisogno di molte di queste IA specializzate per usi diversi – una per l’istruzione, diciamo, e un’altra per la produttività in ufficio – o se sarà possibile sviluppare un’intelligenza artificiale generale in grado di apprendere qualsiasi compito. Ci sarà un’immensa concorrenza su entrambi gli approcci.

In ogni caso, il tema delle IA dominerà la discussione pubblica per il prossimo futuro. Voglio suggerire tre principi che dovrebbero guidare questa conversazione.

Innanzitutto, dovremmo cercare di bilanciare i timori sugli aspetti negativi dell’intelligenza artificiale, che sono comprensibili e validi, con la sua capacità di migliorare la vita delle persone. Per sfruttare al meglio questa straordinaria nuova tecnologia, dovremo proteggerci dai rischi e diffondere i benefici a quante più persone possibile.

In secondo luogo, le forze di mercato non produrranno naturalmente prodotti e servizi di IA che aiutino i più poveri. È più probabile il contrario. Con finanziamenti affidabili e le giuste politiche, i governi e la filantropia possono garantire che le IA vengano utilizzate per ridurre le disuguaglianze. Proprio come il mondo ha bisogno che le sue persone più brillanti si concentrino sui suoi problemi più grandi, dovremo concentrare le migliori IA del mondo sui suoi problemi più grandi.

Anche se non dovremmo aspettare che ciò accada, è interessante pensare se l’intelligenza artificiale identificherà mai l’iniquità e cercherà di ridurla. Devi avere un senso della moralità per vedere l’iniquità, o la vedrebbe anche un’intelligenza artificiale puramente razionale? Se riconoscesse l’iniquità, cosa suggerirebbe di fare al riguardo?

Infine, dovremmo tenere presente che siamo solo all’inizio di ciò che l’IA può realizzare. Qualunque limite abbia oggi, se ne andrà prima che ce ne accorgiamo.

Sono fortunato ad essere stato coinvolto nella rivoluzione dei PC e nella rivoluzione di Internet. Sono altrettanto entusiasta di questo momento. Questa nuova tecnologia può aiutare le persone di tutto il mondo a migliorare la propria vita. Allo stesso tempo, il mondo ha bisogno di stabilire le regole della strada in modo che eventuali svantaggi dell’intelligenza artificiale siano di gran lunga superati dai suoi vantaggi e in modo che tutti possano godere di tali vantaggi, indipendentemente da dove vivono o quanti soldi hanno. L’era dell’IA è piena di opportunità e responsabilità.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: