mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeCriptovaluteLa valuta digitale cinese yuan cresce vertiginosamente

La valuta digitale cinese yuan cresce vertiginosamente

La Cina ha visto un forte aumento delle persone che utilizzano la sua nuova valuta digitale da quest’estate, mentre le banche centrali di tutto il mondo esplorano l’emissione di propri token per accelerare i pagamenti e competere con bitcoin come il bitcoin.

Alla fine di ottobre, più di 140 milioni di persone hanno aperto portafogli per il nuovo yuan digitale, che è stato utilizzato per transazioni per un totale di 62 miliardi di yuan (9,7 miliardi di dollari), ha detto mercoledì un funzionario della People’s Bank of China secondo Reuters .

È in netto aumento rispetto a luglio , quando c’erano 21 milioni di utenti del portafoglio “eCYN” che hanno effettuato transazioni per $ 5,3 miliardi.

La Cina ha testato la valuta digitale attraverso una moltitudine di programmi pilota regionali e prove in tutto il paese. Tuttavia, non esiste una data di lancio ufficiale per quando l’eCYN sarà diffuso a livello nazionale, ha affermato Mu Changchun, direttore generale dell’istituto di valuta digitale presso la banca centrale cinese.

Finora, 1,55 milioni di commercianti possono accettare pagamenti con i portafogli eCYN, ha detto Mu alla conferenza “Fintech Week” di Hong Kong. E gli utenti possono pagare utenze, trasporti e servizi governativi.

Oltre ai singoli utenti, secondo Bloomberg sono stati creati circa 10 milioni di account aziendali .

La Cina ha adottato misure aggressive per far avanzare il suo eCYN e allo stesso tempo reprimere le criptovalute al di fuori del controllo statale. A settembre, Pechino ha vietato le transazioni di criptovaluta dopo aver precedentemente cacciato i minatori di criptovalute.

Nel frattempo, Wall Street è ottimista sulle valute digitali della banca centrale (CBDC).

In un rapporto di mercoledì , JPMorgan ha affermato che le CBDC potrebbero far risparmiare alle aziende globali fino a $ 100 miliardi all’anno in costi di transazione per i pagamenti transfrontalieri. Il rapporto, che è stato scritto con la società di consulenza Oliver Wyman, stima che le banche si accollano oltre 120 miliardi di dollari di costi totali di transazione ogni anno per effettuare pagamenti all’ingrosso oltre confine.

“L’argomento a favore delle CBDC per affrontare i punti deboli nei pagamenti transfrontalieri è molto convincente”, ha affermato il partner di Oliver Wyman Jason Ekberg in una nota.

“La maggior parte dell’attuale processo di pagamento transfrontaliero all’ingrosso rimane subottimale a causa di molteplici intermediari tra le banche mittente e ricevente, che spesso si traducono in costi di transazione elevati, tempi di regolamento lunghi e manca

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial