HomeNotizieGuerra in Ucraina 2022L'agenzia spaziale russa minaccia di far precipitare la stazione spaziale internazionale

L’agenzia spaziale russa minaccia di far precipitare la stazione spaziale internazionale

Per decenni, la Stazione Spaziale Internazionale è stata un simbolo della cooperazione globale, anche tra rivali ed ex nemici. Ora l’invasione russa dell’Ucraina minaccia di irretire lo status della ISS come terra neutrale in orbita.

Giovedì, Dmitry Rogozin, capo dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, ha scatenato una tempesta di tweet in risposta alla minaccia di sanzioni statunitensi che potrebbero avere un impatto sul programma spaziale. Nel thread, Rogozin ha sostenuto che il programma spaziale russo ha funzionato bene con le restrizioni in vigore dall’annessione russa della Crimea nel 2014.

Ha continuato sottolineando che i motori russi aiutano a guidare la ISS lontano dalla spazzatura spaziale in orbita. Ma poi lo sfogo ha preso una svolta bizzarra quando Rogozin ha lanciato l’idea di far cadere la ISS sulle nostre teste se gli Stati Uniti e le altre nazioni partecipanti espellessero la Russia dal programma.

“Se blocchi la cooperazione con noi, chi salverà la ISS da un deorbit incontrollato e cadrà negli Stati Uniti o in Europa? C’è anche la possibilità di far cadere una struttura da 500 tonnellate in India e Cina. Vuoi minacciarli con una prospettiva del genere? La ISS non sorvola la Russia, quindi tutti i rischi sono tuoi”.

Rogozin è noto nei circoli spaziali per questo tono caustico e beffardo. Quando le sanzioni contro la Russia sono state annunciate nel 2014, ha suggerito alla NASA di utilizzare un trampolino per inviare gli astronauti in orbita.

A quel tempo gli Stati Uniti dipendevano dalla navicella spaziale russa Soyuz per raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale, una situazione che è cambiata con l’introduzione del veicolo SpaceX Crew Dragon per le missioni con equipaggio.

La NASA ha inviato una dichiarazione via e-mail giovedì in risposta ai commenti di Rogozin, affermando che l’agenzia spaziale “continua a lavorare con tutti i nostri partner internazionali, inclusa la State Space Corporation Roscosmos, per le operazioni di sicurezza in corso della Stazione Spaziale Internazionale.

“Le nuove misure di controllo delle esportazioni continueranno a consentire la cooperazione spaziale civile USA-Russia. Non sono previste modifiche al supporto dell’agenzia per le operazioni in corso in orbita e delle stazioni di terra. Le nuove misure di controllo delle esportazioni continueranno a consentire la cooperazione spaziale civile USA-Russia .”

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial