mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeNotizieL'antico DNA della ciocca di Toro Seduto conferma il pronipote vivente

L’antico DNA della ciocca di Toro Seduto conferma il pronipote vivente

Un team internazionale di scienziati ha confermato la discendenza di un discendente vivente del famoso Toro Seduto capo dei Lakota tramite un nuovo metodo di analisi del DNA progettato per tracciare il lignaggio familiare utilizzando antichi frammenti di DNA.

Secondo gli autori di  un nuovo articolo pubblicato sulla rivista Science Advances, questa è la prima volta che un’analisi del genere è stata utilizzata per confermare un legame tra persone decedute e viventi, in questo caso Toro Seduto e il suo pronipote Ernie La Pointe.

Il metodo del team dovrebbe essere ampiamente applicabile a qualsiasi questione storica che coinvolga anche i limitati dati genetici raccolti dal DNA antico. “In linea di principio, potresti indagare su chiunque tu voglia, dai fuorilegge come Jesse James alla famiglia dello zar russo, i Romanov”, ha affermato il coautore Eske Willerslev dell’Università di Cambridge. “Se è possibile accedere al vecchio DNA, tipicamente estratto da ossa, capelli o denti, possono essere esaminati allo stesso modo”.

Toro Seduto ( Tȟatȟáŋka Íyotake )  era un leader Lakota che è meglio conosciuto per la sua sconfitta del 7° Cavalleria del tenente colonnello George Armstrong Custer nella battaglia del Little Big Horn (aka, la battaglia dell’erba grassa) il 25 giugno -26, 1876. Varie tribù si erano unite al campo di Toro Seduto nei mesi precedenti, attratte dalla sua guida spirituale e cercando sicurezza in numero contro le truppe statunitensi. Il loro numero presto crebbe a più di 10.000. Gli uomini di Custer erano in netta inferiorità numerica quando attaccarono il campo e furono costretti a ritirarsi. I guerrieri Sioux alla fine uccisero Custer e la maggior parte dei suoi uomini in quella che fu in seguito soprannominata L’ultima resistenza di Custer .

Quella vittoria si rivelò di breve durata. Gli Stati Uniti hanno inviato migliaia di soldati nella regione e nel corso dell’anno successivo molte tribù hanno scelto di arrendersi. Toro Seduto non era tra loro, preferendo invece condurre la sua tribù nei Territori del Nordovest del Canada (quello che ora è il Saskatchewan).

Rimase lì per quattro anni, nonostante le offerte di grazia, finché non fu chiaro che la sua gente non poteva sopravvivere, perché le mandrie di bufali erano troppo piccole per soddisfare le loro necessità alimentari. Toro Seduto e la sua gente tornarono negli Stati Uniti e si arresero il 19 luglio 1881 al maggiore David H. Brotherton a Fort Buford. (Il capo avrebbe detto a Brotherton: “Vorrei che fosse ricordato che sono stato l’ultimo uomo della mia tribù a consegnare il mio fucile.”)

Il gruppo (circa 186 persone in tutto) è stato tenuto a Fort Yates, adiacente alla Standing Rock Agency, a parte un periodo di 20 mesi a Fort Randall. Toro Seduto ha guadagnato una certa celebrità nel 1884 quando gli è stato permesso di fare un tour negli Stati Uniti e in Canada con uno spettacolo chiamato The Sitting Bull Connection . Ha incontrato Annie Oakley in quel tour, in Minnesota, ed è rimasto così colpito dalle sue abilità con le armi da fuoco che l’ha simbolicamente “adottata” come sua figlia e l’ha soprannominata “Little Sure Shot”. Oakley ha usato il moniker per la maggior parte della sua carriera. Nel 1885, Toro Seduto andò in tournée con lo spettacolo Wild West di Buffalo Bill Cody per quattro mesi, dove la sua “performance” consisteva nel cavalcare una volta intorno all’arena ogni sera mentre il pubblico rimaneva a bocca aperta.

Nel frattempo, le tensioni hanno continuato ad aumentare tra Toro Seduto e l’agente indiano americano James McLaughlin mentre il governo degli Stati Uniti divideva e vendeva parti della Grande Riserva Sioux. Nel 1889, un movimento religioso “Ghost Dance” – che prevedeva danze e canti per la resurrezione dei parenti defunti e il ritorno delle mandrie di bufali – stava guadagnando forza, allarmando i vicini coloni bianchi. Toro Seduto non era un partecipante, ma ha permesso ai ballerini di entrare nel suo campeggio, quindi McLaughlin ha ordinato l’arresto del capo.

Toro Seduto e Buffalo Bill Cody, fotografati ca. 1880 a Montreal, Canada.

Toro Seduto non se ne andò in silenzio quando 39 agenti di polizia bussarono alla sua porta alle 5:30 del mattino del 15 dicembre 1890. Il rumore risvegliò i suoi sostenitori, che erano infuriati per questo trattamento. Un Lakota, Catch-a-Bear, ha sparato a un ufficiale, che ha risposto sparando a Toro Seduto al petto. Un altro ufficiale ha sparato alla testa al capo. Tutto sommato, sei ufficiali, Toro Seduto e sette dei suoi sostenitori sono stati uccisi nella scaramuccia. Toro Seduto è stato sepolto a Fort Yates per diversi decenni, fino a quando i membri della famiglia Lakota non hanno riesumato il suo corpo e hanno trasferito i resti vicino al suo luogo di nascita a Mobridge, nel South Dakota.

Entra Ernie LaPointe, presidente e fondatore della Sitting Bull Family Foundation e pronipote del capo dei Lakota Sioux. LaPointe e le sue sorelle – Marlene Little Spotted Horse Andersen, Ethel Little Spotted Horse Bates e Lydia Little Spotted Horse Red Paint – hanno presentato una petizione al governo degli Stati Uniti per il permesso di trasferire i resti ancora una volta, questa volta nel sito della battaglia di Little Big Horn, che credono abbia un significato più personale per Toro Seduto.

Avere un’analisi del DNA per rafforzare le loro affermazioni familiari sarebbe enormemente utile per raggiungere tale obiettivo. “Nel corso degli anni, molte persone hanno cercato di mettere in discussione il rapporto che io e le mie sorelle abbiamo con Toro Seduto”, ha detto LaPointe . La sua affermazione fino ad ora si era basata su documenti storici scritti, certificati di nascita e morte e un albero genealogico.

E una fonte di DNA era prontamente disponibile, senza bisogno di riesumare il corpo ancora una volta. Prima che Toro Seduto fosse seppellito, il chirurgo post a Fort Yates, H. Deeble, prese un paio di souvenir, senza il permesso o l’autorità di nessuno, notano gli autori. Deeble conservò i leggings di stoffa del capo dei Lakota Sioux e la ciocca di capelli sulla sommità del capo (nota come ciocca del cuoio capelluto) e successivamente li prestò allo Smithsonian Institution nel 1896. Rimasero al museo fino al 2007, quando LaPointe richiese che gli oggetti essere rimpatriato. La sua richiesta fu accolta e la notizia del rimpatrio giunse presto a Willerslev.

Ernie LaPointe, ora confermato dall'analisi del DNA come pronipote di Toro Seduto, nel novembre 2016.

“Il toro seduto è sempre stato il mio eroe, sin da quando ero un ragazzo”, ha detto Willerslev . “Ammiro il suo coraggio e la sua determinazione. Ecco perché mi sono quasi soffocato con il mio caffè quando ho letto su una rivista nel 2007 che lo Smithsonian Museum aveva deciso di restituire i capelli di Toro Seduto a Ernie LaPointe e alle sue tre sorelle, in conformità con la nuova legislazione statunitense sul rimpatrio degli oggetti dei musei”.

Willerslev scrisse a LaPointe spiegando la sua ammirazione e la sua competenza scientifica nell’analisi del DNA antico. Ha chiesto il permesso di confrontare il DNA di LaPointe e delle sue sorelle con qualsiasi DNA che è stato in grado di estrarre dalla ciocca del cuoio capelluto, fornendo così una forte prova della loro ascendenza. LaPointe ha accettato e ha fornito una piccola porzione del blocco del cuoio capelluto per l’analisi.

Sfortunatamente, il compito si è rivelato molto più impegnativo di quanto Willerslev si fosse aspettato, perché il DNA nel campione era così gravemente degradato. Ci sono voluti 14 anni, infatti, perché il suo team trovasse il metodo migliore per estrarre il DNA e analizzarlo. La maggior parte degli approcci all’analisi del DNA implica la ricerca di una corrispondenza genetica tra DNA specifico tramandato attraverso la linea paterna o materna. Ma questi metodi non sono sempre affidabili.

“Dal momento che molti aplogruppi mitocondriali umani e del cromosoma Y sono comuni, anche individui non imparentati possono avere lo stesso aplogruppo solo per caso”, hanno scritto gli autori. “Pertanto, questi marcatori possono essere utilizzati principalmente per escludere le relazioni familiari. Raramente forniscono prove solide a sostegno del fatto che due individui siano imparentati o per la determinazione di una specifica relazione familiare”.

Invece, Willerslev et al . hanno impiegato una tecnica che cerca il cosiddetto “DNA autosomico” nei frammenti genetici che sono stati in grado di estrarre e sequenziare dal campione di capelli di Toro Seduto. Ereditiamo metà di questo DNA dai nostri padri e metà dalle nostre madri, quindi è possibile verificare le corrispondenze genetiche indipendentemente dal fatto che si discenda dalla linea paterna o materna.

“Il DNA autosomico è il nostro DNA non specifico per il genere”, ha detto Willerslev. “Siamo riusciti a individuare quantità sufficienti di DNA autosomico nel campione di capelli di Toro Seduto e confrontarlo con il campione di DNA di Ernie LaPointe e altri Lakota Sioux, e siamo rimasti molto soddisfatti per scoprire che corrispondeva.”

Ci sono state alcune complicazioni lungo la strada. Poiché non è possibile ottenere dati sufficientemente chiari semplicemente osservando il DNA, l’argomentazione di Willerslev et al . è essenzialmente basata sulle statistiche. “Il nuovo approccio richiede dati da almeno alcuni individui della stessa popolazione degli individui di interesse”, hanno scritto gli autori. “Richiede inoltre che nessuno degli individui inclusi nell’analisi sia mescolato o consanguineo, poiché si basa sull’avere frequenze alleliche rappresentative”.

Il team di Willerslev ha raccolto campioni di sputi da LaPointe e 13 individui Lakota Sioux non imparentati e ha sequenziato quei dati genetici per il confronto con il campione di Toro Seduto. Ma i dati di quest’ultimo erano troppo limitati per fare una stima definitiva sul lignaggio di LaPointe, e solo cinque degli individui (incluso LaPointe) soddisfacevano il requisito di non mescolarsi; gli altri mostravano prove di qualche ascendenza europea. Quindi il team ha sviluppato un proprio metodo probabilistico in grado di elaborare sia i dati di sequenziamento limitati da una figura storica sia i dati del chip SNP, microarray di DNA  che testano la variazione genetica in molte centinaia di migliaia di posizioni specifiche nel genoma, da un individuo vivente. Hanno anche condotto diverse simulazioni per verificare la certezza dei risultati. 

Alla fine, il team è stato in grado di determinare che LaPointe è, in effetti, il pronipote di Toro Seduto, fornendo così prove genetiche che “lui e le sue sorelle sono i legittimi destinatari degli articoli rimpatriati dallo Smithsonian Institution”, hanno concluso gli autori. Il prossimo passo è analizzare i resti sepolti nel sito di Mobridge per confermare che siano una corrispondenza genetica con Toro Seduto.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial